Pace e giustizia, i valori da globalizzare

La giustizia e la pace sono i valori primari che devono essere “globalizzati” in tutto il mondo. Valori comuni, al di là delle religioni, che devono affermarsi attraverso il dialogo e un approccio laico. E’ questo il messaggio degli arcivescovi di Catania, monsignor Gristina e di Tunisi, monsignor Twail, venuto fuori dall’incontro dibattito con gli studenti universitari che si è svolto nei giorni scorsi nella sala Museyon della residenza Centro.

 

Un incontro – che ha visto protagonisti  i due alti prelati – per focalizzare l’attenzione sui permanenti problemi di dialogo tra le due sponde del Mediterraneo, quella africana e quella siciliana,  e in particolare incentrato sul dialogo tra culture e appartenenze religiose diverse. Un tema scottante, che sarà responsabile della condizione futura del nostro pianeta.

 

Dal dibattito è emerso  che l’onda della globalizzazione vuole diffondere in tutto il mondo dei modelli economici, sociali, culturali-religiosi prettamente occidentali, che scatenano la reazione degli altri paesi, soprattutto musulmani, i quali, dinanzi alla minaccia di perder la propria anima-identità reagiscono sviluppando, purtroppo, anche forme di terrorismo e una cultura integralista che sedimenta sempre più l’ostilità nei confronti del diverso da loro.

 

I due arcivescovi cattolici hanno quindi sottolineato l’urgenza di acquisire nel dialogo un atteggiamento laico che spinga le due parti a coltivare e promuovere quei valori comuni scritti nell’uomo e che vanno al di là delle leggi e dei patti di ciascuno, senza che questo comporti la perdita della propria  identità ed integrità. Questi valori comuni sono sicuramente la giustizia e la pace che vanno “globalizzati” in tutto il mondo.

 

Monsignor Gristina ha anche suggerito, come ricetta per un dialogo migliore, la propensione ad amare se stessi e l’altro per come è non per come vorremmo che fosse.

 

L’incontro alla salal Museyon si insersce nel quadro della promozione del dialogo con i giovani su queste tematiche, portato avanti dai vescovi e dalla Commissione Teologica Internazionale. E’ per questo che l’Ersu, come ha ribadito il presidente Ignazio Maria Marino, si è fatta promotrice dell’incontro, in quanto essa sperimenta quotidianamente e proficuamente la condivisione tra giovani di  culture e religioni, anzitutto islamica e cristiana, in nome della conoscenza, dell’istruzione, della pacifica convivenza.

 

Ovviamente, gli ostacoli da superare sono ancora tanti, e risiedono nei pregiudizi che ogni cultura ha dell’altra, ma incontri come questo testimoniano che c’è la volontà di superarli in nome del valore a cui tutte le culture dovrebbero anelare: la pace.

 

 

 

http://ospitiweb.indire.it/adi/Laicismo/stasi06.htm;

 

http://www.ersu.unict.it/incontro19-01-2005.htm;

 

www.jesuscaritas.191.it/cristislam.pdf


Dalla stessa categoria

I più letti

Che sia la scelta della prima auto o il desiderio di cambiare, decidere quale mezzo ci accompagnerà nelle nostre giornate non è mai semplice. Decidere di effettuare l’acquisto di una vettura direttamente presso una concessionaria prevede un significativo impiego di tempo. Eppure un metodo per risparmiare tempo e denaro – c’è: il noleggio a lungo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]