Novanta secondi dall’Assessore

Dopo mesi di permanente occupazione al Provveditorato, ecco che, oggi, docenti, studenti e lavoratori della scuola sono scesi in piazza a manifestare tutto il loro dissenso per una situazione di precarietà ormai quasi irreversibile.
 
Il corteo, organizzato dai membri del Coordinamento precari scuola, dai sindacati, e fortemente sostenuto dai ragazzi delle superiori, è partito alle 10 da piazza Roma e ha proseguito il suo cammino di protesta lungo tutta la via Etnea. Meta stabilita la Prefettura. Si sciopera contro la riforma del ministro Gelmini. Le richieste sono quelle di sempre: dimissioni del Ministro, revoca dei tagli, immissione in ruolo dei precari. Ma è preso di mira l’assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Nicola Leanza, ritenuto complice di un progetto politico che comporterà la dissoluzione definitiva della scuola pubblica.
 
I docenti precari e disoccupati presenti al corteo hanno fatto sentire la loro voce a suon di slogan fischietti. Diverse le esperienze, ma per tutte un comune denominatore: la stanchezza e l’avvilimento, per una situazione definita “scandalosa” e “inaccettabile”.
 
Francesca Carciola, docente precaria, si sente fortunata per aver ricevuto per quest’anno un incarico a tempo indeterminato in una scuola primaria di Librino. «Vogliamo che lo Stato faccia qualcosa contro questi tagli; è necessario che la scuola venga sostenuta e aiutata sia con risorse economiche sia con risorse umane qualificate», dice l’insegnante. «Investire sulla scuola è importante per il progresso dell’intero Paese. Perché la vera ricchezza di uno Stato non è data dal numero di negozi lussuosi che costruisce, ma dalla qualità culturale dei suoi cittadini. I soldi per agire e arginare la crisi ci sono, ma sono spesi male».
 
Giovanna Anastasi, docente precaria di Lettere, dà seguito allo sfogo della collega: «Il nostro futuro è troppo incerto. C’è chi è più fortunato e chi no, ma non possiamo accontentarci. È impensabile continuare a vivere in sospeso le nostre vite. Ciò che chiediamo, oggi, è la stabilizzazione dei precari, perché non si può bypassare la nostra professionalità. È necessario istaurare un dibattito serio sulla scuola».
 
Non meno decisi gli studenti delle scuole superiori, accompagnati e incoraggiati da quelli universitari. Ilenia, studentessa del “Turrisi Colonna” spiega che «non è giusto che alla scuola tocchino i tagli e loro, i politici, sono i primi a guadagnare, immeritatamente, un mucchio di soldi. Inoltre là fuori, fra i precari, ci sono di sicuro insegnanti molto più in gamba di quelli che, al momento, sono di ruolo».
 
«Vogliamo risposte concrete ed esaustive» afferma Giuseppe D’Accampo, docente precario di un liceo di Giarre. «La maggior parte di noi insegnanti colpiti dalla riforma abbiamo una certa età; abbiamo una famiglia e nel corso degli anni abbiamo investito soldi, tempo e fatica nel nostro lavoro. I tagli possono starci, ma vanno misurati. Non vogliamo soltanto preservare il nostro lavoro, ma salvaguardare l’istituzione della scuola pubblica in generale, perché rischia di essere fortemente compromessa. Anche l’Università ha bisogno di input nuovi e non di tagli alla ricerca e all’offerta formativa. Bisogna rivedere tutto».
 
Fra l’euforia dei ragazzi, la musica che annuncia l’arrivo dei manifestanti in lotta, gli slogan urlati al megafono, il corteo attraversa il centro storico e si porta sino in Prefettura. Qui si inizia ad organizzare una delegazione di rappresentanti della scuola, intenzionati a parlare con l’assessore Leanza. La polizia fa muro davanti all’entrata; ma è quasi impossibile eludere la rabbia generale, quando qualcuno dice che Leanza non vuole vedere nessuna delegazione e che, addirittura, progetterebbe la fuga dal retro dell’edificio.
 
Nessuno, fra docenti, studenti e membri del personale A.T.A., vuole rassegnarsi a quel no. Ma ben presto qualcuno avvisa la folla che Leanza concederà udienza alla delegazione. Si iniziano a concordare gli argomenti da trattare in presenza dell’Assessore: lo stop ai tagli, la stabilizzazione dei precari, la lotta che continua, la sicurezza nelle scuole sono i temi sui quali puntare.
 
Peccato che l’incontro con Leanza duri un minuto e mezzo. I delegati che vanno dall’Assessore per rappresentare tutti i manifestanti, ottengono da lui solo una dichiarazione di impotenza di fronte alla riforma e ai tagli. Leanza ha esortato tutti ad accontentarsi di quello che si sta facendo per arginare i tagli, ovvero ad accettare di buon grado i “contratti di disponibilità”, sostenendo di non poter fare altro, in quanto non è lui che decide, ma il ministro Gelmini. Risposte che hanno esasperato il clima della protesta.
 
Una dei membri della delegazione, Valeria Di Pasquale, docente precaria alle superiori, riferisce: «Ha smontato le nostre argomentazioni, rigirando a suo piacimento ogni nostra parola. Ci ha detto che la Sicilia è stata l’unica regione a mobilitarsi attivamente per evitare il peggio e che, addirittura, la Lombardia ci ha preso ad esempio, in questo progetto di salvataggio. A modo suo, pure lui vuole sistemarci tutti. Ma è impossibile pensare di migliorare le condizioni degli insegnanti di sostegno, di Lettere e di Matematica, senza muovere un dito per gli altri. L’unica cosa che, al momento, ci spinge a sperare è che Leanza ci ha promesso l’apertura di un tavolo di confronto mercoledì prossimo».
 
Amareggiati per gli scarsi risultati ottenuti dal confronto con l’Assessore, i manifestanti hanno spostato il corteo in piazza Università, dove è stata indetta un’assemblea permanente all’interno del Palazzo centrale, e si è iniziata un’occupazione del Rettorato.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]