Noi decidiamo, sì ma quando?

Come avere dei diritti, e non saperlo. Succede anche questo a Catania, dove già nel 1995 è stato approvato uno Statuto della Città all’avanguardia, comprendente un intero titolo sugli “Istituti di partecipazione popolare”, come i referendum e le istanze, che sarebbero i modi in cui i cittadini possono intervenire nelle scelte comunali. Fatto lo statuto, ecco pronta anche la pecca: in più di tredici anni non è stato ancora attuato il regolamento che spieghi esattamente come fare, rendendo di fatto questi diritti non esercitabili.

Se ne sono accorti più di due anni fa un gruppo di cittadini e associazioni catanesi, riunitisi nel comitato “Noi decidiamo” nell’estate del 2007. Da quel momento, il comitato ha deciso di far partire una petizione affinché questo regolamento attuativo prenda forma, permettendo così ai cittadini di conoscere ed esercitare i diritti che sulla carta già hanno. E, tanto per accelerare i tempi, ne hanno anche creato loro stessi una proposta.

Servivano 500 firme per poter presentare la petizione in Comune. Martedì 10 marzo il Comitato ne depositerà quasi 800, prevedendo anche una concentrazione di cittadini in piazza Duomo per le ore 10:00. Le loro proposte saranno quindi vagliate dalla Commissione consiliare Statuto e Regolamenti e, se giudicate valide, saranno votate in un apposita seduta del Consiglio Comunale. Un atto che dovrebbe essere più di forma che di contenuto, dato che le richieste del Comitato si basano su articoli già sanciti dallo statuto del 1995, che vanno solo regolati nel metodo di attuazione.

Ma di quali diritti stiamo parlando? Se tutto funzionasse – e questo è lo scopo del Comitato – i cittadini, sia singoli che associazioni, avrebbero a disposizione molti modi per far pesare la loro opinione nelle scelte comunali.

Vediamo i principali.

  • Poniamo che il cittadino Agatino Trovato sia troppo timido per rivolgere una domanda al sindaco e sentirsi rispondere in tv. E poniamo anche che con questa domanda il signor Trovato non riesca a dormire la notte, così che non possa fare richiesta scritta e attendere tempi biblici. Potrebbe allora andare in Comune, nei giorni e negli orari fissati dal primo cittadino, dagli assessori e dai consiglieri, e parlare direttamente con loro, in carne ed ossa. Perché l’articolo 42 dello Statuto della Città di Catania prevede il diritto d’udienza.

  • Poniamo anche che il signor Trovato non capisca il motivo di un provvedimento o voglia stimolare un intervento del Consiglio Comunale. Potrebbe avanzare un’istanza, secondo quanto spiega l’articolo successivo dello Statuto, il 43.

  • Oppure 500 cittadini potrebbero sottoscrivere una petizione, come in questo caso. E sarebbero certi che il giudizio del Consiglio sarà celere. Le petizioni, infatti, devono essere esaminate in un’apposita seduta da tenersi almeno ogni tre mesi. Lo dice l’articolo 44.

  • Immaginiamo, infine, che il Comune abbia un serissimo dubbio e voglia conoscere l’opinione dei cittadini. Secondo l’articolo 47, si potrà ricorrere ai referendum di natura abrogativa, consultiva o propositiva. Il risultato vincolerebbe l’amministrazione: a scegliere sarebbero quindi i cittadini.

  • La partecipazione dei cittadini all’amministrazione realizza la democratizzazione del rapporto tra gli organi elettivi e i cittadini”. Questo è l’articolo 40 ed è quello che proveranno a realizzare i catanesi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Sancito dallo Statuto della Città di Catania del 1995, è di fatto negato perché manca il regolamento attuativo. È la paradossale vicenda del diritto dei catanesi a partecipare alle scelte dell'amministrazione comunale tramite gli istituti di partecipazione popolare. Dell’anomalia s’è accorto più di due anni fa un gruppo di associazioni, riunitesi in un Comitato che martedì 10 marzo depositerà 800 firme in Comune

Sancito dallo Statuto della Città di Catania del 1995, è di fatto negato perché manca il regolamento attuativo. È la paradossale vicenda del diritto dei catanesi a partecipare alle scelte dell'amministrazione comunale tramite gli istituti di partecipazione popolare. Dell’anomalia s’è accorto più di due anni fa un gruppo di associazioni, riunitesi in un Comitato che martedì 10 marzo depositerà 800 firme in Comune

Sancito dallo Statuto della Città di Catania del 1995, è di fatto negato perché manca il regolamento attuativo. È la paradossale vicenda del diritto dei catanesi a partecipare alle scelte dell'amministrazione comunale tramite gli istituti di partecipazione popolare. Dell’anomalia s’è accorto più di due anni fa un gruppo di associazioni, riunitesi in un Comitato che martedì 10 marzo depositerà 800 firme in Comune

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]