Nei circhi finti artisti migranti: giro da sette milioni L’affare di famiglia di un funzionario regionale

Altro che scafisti. Gli uomini al centro dell’operazione Golden circus avevano messo su una vera e propria agenzia di viaggi. Nessuna imbarcazione fatiscente, niente viaggi della speranza, i migranti venivano fatti entrare in Italia su normali voli di linea provenienti da India, Pakistan e Bangladesh. Tutto ciò grazie a una norma presente nella legislazione siciliana e al lavoro di un impiegato infedele dell’assessorato regionale alla Famiglia, su cui adesso pende un’accusa di corruzione. Un business gestito con l’aiuto della famiglia. 

La legge che regola i flussi migratori all’interno dell’ordinamento siciliano consente, a differenza di quella nazionale, di superare il limite di ingressi per quei lavoratori extracomunitari inquadrati nel settore dello spettacolo per svolgere attività artistiche in vari campi, in special modo nel settore circense. Il tutto senza passare attraverso i controlli del ministero del Lavoro. L’organizzazione, che oltre a essere attiva su gran parte del territorio nazionale aveva anche delle propaggini all’estero, pensava a tutto. Ai clienti – i gestori dei circhi che facevano richiesta di dipendenti provenienti dal subcontinente asiatico in cambio di cospicui compensi – veniva offerto persino il disbrigo delle pratiche necessarie per il trasferimento della sede legale in Sicilia.

Gli aspiranti artisti, venivano reclutati direttamente nei Paesi di provenienza da alcuni complici dell’organizzazione, mentre in Italia altri personaggi, tra cui Tommaso Fernandez e il cognato Guglielmo Allemanno, fungevano da intermediazione con gli organismi amministrativi. Il perno attorno al quale ruotava tutto il sistema era Vito Gambino, responsabile dell’ufficio speciale di collocamento per i lavoratori dello spettacolo dell’assessorato della Famiglia e del Lavoro della Regione, che gestiva la parte burocratica, occupandosi di presentare in questura le false istruttorie per ottenere un vero nullaosta. La posta in gioco, quella di un giro d’affari che superava i sette milioni di euro, era però così allettante che l’impiegato ha deciso in un secondo momento di agire in autonomia con l’aiuto della moglie, Provvidenza, e dei figli, Francesco e Vincenzo. Quest’ultimo era proprietario di un piccolo ufficio che molto spesso fungeva da casella postale per i circhi che decidevano di trasferirsi nell’Isola.

Tra i circhi coinvolti nelle indagini anche alcuni noti come il circo Sandra Orfei, il circo Lino Orfei, il circo Bizzarro e il Città di Roma, mentre altri addirittura risultavano esistere solo sulla carta, come il Circo Kumar. Quarantuno i fermi eseguiti dagli uomini della seconda sezione investigativa della squadra mobile di Palermo, con 23 commissari di polizia coinvolti nelle operazioni in Italia e all’estero.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]