Musumeci e la tentazione dimissioni per fare saltare il banco Ipotesi poco probabile. Intanto è pronta la legge di stabilità

La legge di stabilità è stata approvata in giunta, il bilancio ormai è alle porte, nonostante il caos delle commissioni in attesa di rinnovo dopo la decisione del presidente dell’Assemblea regionale Gianfranco Miccichè di programmare, a pochi mesi dalla fine del mandato, una consuetudine che di solito si fa a metà legislatura. Il governo di Nello Musumeci si appresta così a concludere anche quest’ultimo capitolo della sua esperienza a palazzo d’Orleans. Un’esperienza che, secondo più voci, potrebbe chiudersi anzitempo. Lo avrebbe chiesto a Musumeci parte del suo partito nazionale di riferimento: Fratelli d’Italia, entrato nel vortice della labirintite che da qualche mese ha colpito il centrodestra, smarrito e frazionato, con quello di Giorgia Meloni, che pure sulla carta sarebbe il primo partito quanto a consensi, messo quasi alla berlina per il sostegno dimostrato al governatore

Ormai, però, la guerra è aperta su tutti i fronti. Non è più soltanto una questione di pro e contro Musumeci, ma da Roma non è certo stato gradito dai partiti di coalizione che con le loro uscite hanno messo in discussione la posizione di leadership nel centrodestra dei meloniani, scatenando a catena una serie di battaglie di principio. Per questo la richiesta – non si sa ancora quanto veritiera – presentata a Musumeci, di pensare alle dimissioni: un atto del genere comporterebbe la necessità di accelerare bruscamente tutto il processo che porta alle elezioni, persino di anticipare la data del voto. E vista la scarsa capacità del centrodestra di trovare convergenza su un unico candidato dimostrata a Palermo, figlia anch’essa dei tanti attriti sul piano regionale, sarebbe una soluzione che non solo non piacerebbe a nessuno ma potrebbe favorire il ripiegamento – volenti o nolenti – su Musumeci. Fantapolitica. Almeno al momento. 

Anzitutto perché c’è da considerare il carattere di Musumeci. Il presidente della Regione ha detto più volte di essere orgoglioso di quanto ottenuto in questi cinque anni e mai si sognerebbe di prendere armi e bagagli e lasciare vacante la guida di una regione che non ha ancora approvato il bilancio. Tra poco la giunta si riunirà, ufficialmente, per limare altri dettagli tecnici della legge di stabilità – anche se all’ordine del giorno c’è pure il punto «comunicazioni del presidente», che può volere dire tutto e niente. Poi il ddl dovrà passare per sala d’Ercole, dove sarà votato dall’Assemblea regionale. Dopo di che toccherà al bilancio, ma i tempi potrebbero – e dovranno – essere non così dilatati. Se ne parlerà comunque ai primi di maggio, troppo tardi per rimescolare le carte su Palermo, dove il termine di presentazione delle candidature, firme comprese, è fissato per il 18 maggio. E difficilmente, perso il treno della proposta unitaria sulla quinta città d’Italia, cosa che potrebbe costare cara a un centrodestra già uscito malconcio dalle altre amministrative nei grandi capoluoghi italiani, ci saranno margini di dialogo.

Più facile al momento pare la possibilità che, dopo le elezioni palermitane, i vincitori sul banco delle preferenze ottengano l’onore delle armi degli sconfitti, che a quel punto appoggerebbero la proposta avversaria. Anche se in politica si sa: non perde mai nessuno. Insomma, dopo mesi di attesa, la scelta dei partiti di centrodestra sembra essere ancora una volta quella dell’attendismo, con Forza Italia e Lega che proveranno ancora a convincere Giorgia Meloni ad abbandonare Musumeci e a quel punto anche Carolina Varchi, candidata sindaca di Palermo, magari concedendo ugualmente la presidenza della Regione, con Raffaele Stancanelli che risulta essere sempre il nome buono per ogni occasione. Ma, anche in questo caso, sarebbe difficile vedere Musumeci accettare la resa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]