Musica tra le raffinerie

Gli Alchera nascono alla fine degli anni ’90 ad Augusta, tra le esalazioni delle raffinerie che non hanno però intaccato la loro passione e la voglia di fare musica. Nel 2001 esce ‘Manipolazioni’, album d’esordio che, grazie ad un ottima promozione e a dei live trascinanti, vende oltre 600 copie. I primi importanti successi arrivano però nel 2004 con il secondo lavoro, ‘Acardìa’. Il singolo estratto, ‘Vomito Alcolico’, diventa un cavallo di battaglia della trasmissione ‘Demo’ di Radio1 Rai. Sull’onda di questo successo, gli Alchera dividono il palco con artisti del calibro di Moltheni, Meganoidi, Max Gazzè, Linea77 e tanti altri. Ad oltre sei anni di distanza da ‘Acardìa’, esce ‘Discarica di Sogni’ che “chiude una trilogia intensa e straziante di passione che scandisce le fasi del cuore, dapprima freddamente collegato ad un interruttore, privo di emozioni (Manipolazione), per poi ritrovarlo agonizzante a terra (Acardìa) e abbandonato per il desiderio di esserne privo. Discarica di sogni lo rivela infine su una tavola imbandita, dato in pasto sadicamente ad una donna”.
Ospiti in studio di Sara e Johnny, hanno raccontato e suonato live la loro storia presente e futura.

Cominciamo parlando di ‘Discarica di sogni’, il vostro terzo album. Inciso e autoprodotto nel 2009, è stato scaricato dal vostro sito da migliaia di persone. Dalla prossima settimana non sarà più possibile, volete dirci perché?

Luca: ‘Sono stati quasi quattromila i download dal nostro sito. Anche grazie a questo abbiamo trovato un’etichetta, la ‘My Place Records’, che ha avuto il fegato di produrci e di promuoverci. L’album verrà distribuito, invece, da Venus. Pertanto, dalle prossime settimane sarà possibile effettuare il digital download dal sito dell’etichetta oppure comprare il cd nei negozi di musica di tutta Italia. Ovviamente, solamente nei migliori’.

Tra le tracce del vostro nuovo album è presente una canzone dal titolo ‘Tramonto petrolchimico’. Qual è il suo significato?
Alessio: ‘Quando ero bambino abitavo dall’altra parte del porto e vedevo di fronte le raffinerie. Per me era una cosa normale vista l’età. Dalla visuale di casa mia si vedeva, effettivamente, tramontare il sole dietro le raffinerie invece che dietro il mare o una collina come nei paesi normali’.

Da cosa nasce invece la volontà di riprendere il pezzo di De André ‘Canzone di un amore perduto’?
Alessio: ‘È nata un po’ per caso. Non avevamo mai fatto una cover durante la vita del gruppo e abbiamo scelto una canzone del più celebre cantautore italiano. Non c’è una motivazione specifica’.

Come spesso facciamo, vi chiediamo di associare a ‘Discarica di sogni’ un libro, un film, un album e un live da associare ad esso. Così, su due piedi, cosa rispondete?
Luca:Il libro potrebbe essere ‘Ragazzi di malavita’ di Giovanni Bianconi. È un libro scritto sulla Banda della Magliana da un giornalista che ha vissuto in prima persona quegli anni. Lo scelgo perché mi piacciono queste letture storiche, sono le uniche che riesco a portare avanti con il poco tempo che mi ritrovo tra la band e il lavoro’.
Sergio: ‘Io assocerei il nostro album a ‘L’ombra del vento’ di Carlos Ruis Zafòn. Per quanto riguarda il film scelgo ‘La 25 ora’ di Spike Lee. L’album è ‘Terror Twilight’ dei Pavament’.
Luca: ‘Non sono d’accordo con la scelta dell’album. Sono convinto che la musica venga dalla strada, l’unico album della mia vita è stato ‘Nevermind’ dei Nirvana, che poi è anche l’unico album ho ascoltato. Il live, per concludere, è quello dei Meganoidi proprio qui a Catania. Da quella sera ho messo il loro cd in macchina per toglierlo solo due anni dopo. Mi ha impressionato molto’.

Non trovate anche voi che la Sicilia stia vivendo un periodo assolutamente prolifico, sebbene ci sia sempre meno spazio per i concerti live?

Luca: ‘Purtroppo è vero. Ormai è difficile trovare una serata live per suonare, per fare musica. Chi organizza le serate punta di più sul ‘dj set’ che sull’esibizione dal vivo di un gruppo. È una tendenza degli ultimi anni. Si può dire che ormai i ragazzi abbiamo degli interessi diversi. Quando avevo vent’anni io, andavo in piazza o nei locali a vedere dei gruppi suonare e pensavo di fare lo stesso, di mettere su un gruppo tutto mio. Oggi i ventenni non possono seguire questo esempio e si danno ad altro e lavorano per quell’obiettivo’.

Pensate sia dovuto anche ad una poca innovazione musicale dei gruppi odierni?

Luca: ‘Non credo. Purtroppo i gestori dei locali puntano più alle ‘jam session’ che ai concerti live. Nessuno viene più a proporti una serata. Suonare è diventata una battaglia, facciamo chiamate tutto l’anno per fare solo tre date l’anno, sempre con poche persone. C’è richiesta di altra musica, comprese le cover, e i gestori per fare cassa si orientano di conseguenza’.

Ci sarà modo di recuperare, almeno con la serata di domani sera. Per concludere, volete invitare i nostri ascoltatori?
Luca: ‘Suoneremo al ‘Glamour’ dalle 22 in poi. Ovviamente, siete liberamente obbligati a venire, in caso contrario vi augureremo di contrarre questo virus influenzale che c’è in giro negli ultimi giorni. Quindi, non mancate’.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]