Musica in mezzo al mare

Pensare, operare, creare lontani dalla terraferma, fortemente influenzati dal contesto geografico nel quale si vive: gli isolani e le tematiche legate alla loro condizione sociale e culturale hanno suscitato la curiosità di un cantautore e ricercatore musicale, Carlo Muratori, che ha pensato di approfondire l’argomento, curando la rassegna.

“Da tempo volevo indagare l’insularità – ci dice Carlo Muratori – ossia il modo di pensare, di scrivere, di fare musica proprio di chi vive in mezzo al mare. Esplorare le emozioni di chi a volte si pone con un atteggiamento di chiusura, di isolamento ma che sa anche dimostrarsi accogliente a disponibile.”

Nelle vesti di direttore artistico ha coinvolto tre grandi isole del Mediterraneo: La sua Sicilia, la Sardegna e la Corsica. Già in passato aveva collaborato con musicisti sardi (e spagnoli) durante le Orestiadi di Gibellina per rappresentare la Pasqua con canti popolari. Assai più rara, invece la collaborazione con i “colleghi” corsi.

“Ho scelto di iniziare con queste tre isole – continua Carlo Muratori – perché presentano tre situazioni famose dal punto di vista musicale e quindi facilmente riconoscibili anche da chi si è avvicinato a questo genere da poco”.

Le isole in questione sono figlie di culture e tradizioni diverse ma tutte accomunate da un sentimento di spigolosità, di passionalità che si riflette anche nella musica.

Il repertorio di “Insulae” si muove su due versanti: uno “al singolare”, di natura intima e nostalgica che ha come tema la sfera privata dell’uomo: il lavoro, la famiglia, gli affetti (in gergo questi canti vengono chiamati “dalla culla alla bara” perché raccontano le tappe più significative della vita di un uomo). L’ altro versante è quello “al plurale”, quello delle canzoni che la gente canta durante le feste (a Carnevale, ad esempio), nelle quali si evince l’aspetto autoironico degli isolani perché spesso ridono delle difficoltà che attraversano. In entrambi i casi si tratta di canti che “scavano l’anima”.

I musicisti sardi, siciliani e corsi propongono un genere musicale popolare ma al tempo stesso d’autore e soprattutto, ci tiene a sottolineare il direttore artistico, contemporaneo.

Dal punto di vista vocale la Corsica e la Sardegna vantano una tradizione polifonica (la tecnica di mettere insieme più voci con lo stesso accordo) mentre la Sicilia privilegia il canto ad una voce.

Per ciò che riguarda le sonorità i musicisti siciliani adoperano maggiormente il fischietto a il tamburo, facendo dell’esperienza percussiva il loro pezzo forte. I Sardi trovano nella uneddas, una sorta di zampogna molto particolare e nell’organetto, il “nonno” della fisarmonica, la musicalità che li contraddistingue. Per gli artisti corsi non c’è strumento più efficace della voce per esprimere in musica le proprie emozioni.

Dopo il concerto di ieri di Matilde Politi, artista siciliana, di Palermo, che porta avanti una ricerca sulla musica tradizionale del Mediterraneo, e l’esibizione dei Cjami Aghjales, complesso di musica tradizionale polifonica corsa con all’attivo ben 9 album stasera alle 21.30 sarà la volta proprio di Carlo Muratori, cantautore siracusano e studioso di tradizioni popolari. La sua ricerca si muove su due fronti: il riarrangiamento di musica popolare e la composizione di nuova musica d’autore. Infine chiude la rassegna alle 22.30 l’esibizione di Franca Masu, artista sarda, di Alghero, l’esponente internazionale più famosa della cultura e della tradizione catalana. In un mix di falk, jazz e nuevo tango la Masu vuole sottolineare la sua doppia identità: quella italiana da un lato, quella catalana dall’altro.

Il direttore artistico, dopo aver incontrato la fiducia delle istituzioni si augura di ottenere un buon riscontro da parte del pubblico: “L ‘Amministrazione del Comune di Gravina si è dimostrata sensibile a questa realtà e c’è la possibilità che ogni anno venga riproposta questa rassegna con l’obiettivo di approfondire non solo l’aspetto musicale, ma anche poetico, architettonico, culturale in genere, di un’isola.


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]