Misterbianco, Comune vince ricorso contro la Oikos L’ente procede contro Regione per il rinnovo dell’Aia

«La vicenda adesso si ribalta – annuncia il sindaco di Misterbianco Nino Di Guardo – e il Comune ha ragione nei confronti di chi chiede soldi come la Oikos senza che l’impianto Valanghe d’Inverno operi legittimamente». Il risvolto riguarda il ricorso vinto al Consiglio di giustizia amministrativa dal Comune contro l’azienda titolare della discarica per rifiuti non pericolosi in contrada Valanghe d’Inverno, nel territorio di Motta Sant’Anastasia ma a poche centinaia di metri di distanza anche dal centro abitato di Misterbianco. Oikos aveva chiesto cinque milioni di euro per ogni semestre per il mancato conferimento dell’umido. Nel 2017, inoltre il Tar aveva rigettato l’opposizione del Comune e della Regione condannandole anche alle spese. Adesso, l’ente comunale ha avviato pure un ricorso al Tar nei confronti dell’inerzia dell’assessorato regionale nel decidere sul rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale (Aia) alla Oikos per una delle maggiori discariche di rifiuti della Sicilia. «Anche se la situazione è stata ribaltata, per noi cambia poco – afferma a MeridioNews il legale di Oikos Rocco Todero – Rispettiamo la sentenza anche se non la condividiamo. Per quanto riguarda il procedimento per il rinnovo dell’Aia – aggiunge – riteniamo di avere tutti i requisiti necessari e aspettiamo che la Regione si pronunci nel merito».

Nata accanto al vecchio sito di contrada Tiritì, la discarica fino al 2016 ha accolto i rifiuti di circa 90 Comuni della Sicilia, operando con autorizzazione e ordinanze urgenti adottate dalla Regione Siciliana. Fino all’ordinanza numero 26 del dicembre del 2016 con cui il presidente della Regione Rosario Crocetta, adottando una serie di misure in materia di gestione dei rifiuti, dispone che in attesa che la Oikos «adegui la propria discarica realizzando un impianto di tritovagliatura e di inertizzazione della frazione organica», quest’ultima dovesse essere conferita dai Comuni nell’impianto di smaltimento della Sicula Trasporti. In cambio, quest’ultima si sarebbe impegnata a fornire alla Oikos la stessa quantità di frazione secca. Insomma, quell’ordinanza non determinava la chiusura della discarica di Oikos – che infatti ha continuato a operare in deroga – ma che «avrebbe dovuto continuare a gestire la propria attività con la capacità di contenimento dei rifiuti originaria». 

Nell’Aia rilasciata a Oikos nel 2009 erano previste una serie di prescrizioni tra cui il trattamento dei rifiuti urbani che «Oikos non avrebbe ottemperato» non avendo un impianto di bio-stabilizzazione ma continuando a operare per la situazione emergenziale e le conseguenti ordinanze d’urgenza adottate dalla Regione. Come il provvedimento del 2016 impugnato dal Comune che imputa a Oikos «gravissime irregolarità per l’inquinamento dell’ambiente circostante per tutelare la salute della collettività residente nel territorio». Alla richiesta di rinnovo dell’autorizzazione integrata ambientale, nel 2014, la Regione in un primo momento aveva opposto diniego. Nel frattempo, il patron dell’impresa Domenico Proto era stato coinvolto nell’inchiesta della procura di Palermo Terra mia che aveva scoperchiato un presunto giro di corruzione nella gestione dei rifiuti. La ditta impugna il diniego della Regione e, nel 2017, arriva la sentenza del Cga che lo annulla e chiede di riaprire il tavolo per la conferenza dei servizi. Dopo diversi incontri – l’ultimo dei quali avvenuto lo scorso aprile – gli enti preposti hanno dato parere sfavorevole per il rinnovo dell’Aia ma la Regione si è ancora riservata di pronunciarsi in seguito. Nel frattempo, la discarica continua a operare malgrado la mancanza di un impianto per il trattamento meccanico biologico necessario per ridurre gli impatti negativi sull’ambiente

«La Regione, sino a dicembre 2016, ha permesso (o tollerato) – si legge nella sentenza del Cga – che la Oikos trasportasse la frazione umida proveniente dai rifiuti che avrebbe dovuto poi abbancare nell’impianto di inertizzazione della Sicula Trasporti». Il tutto è avvenuto in un contesto emergenziale. «L’infondatezza della pretesa risarcitoria – scrive il Consiglio di giustizia amministrativa – poggia sull’assenza di un impianto di biostabilizzazione, nonostante le prescrizioni dell’Aia e nonostante i richiami al diritto europeo». Oikos, stando alle conclusioni, non solo sarebbe stata «priva in origine del necessario impianto di bio-stabilizzazione della frazione organica dei rifiuti ma, in epoca successiva, rinunciante persino a realizzarlo». Inoltre, il Cga ha condannato Oikos al pagamento delle spese di 10mila euro per la Regione e di 6mila euro per il Comune di Misterbianco.


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]