Mira Awad, la voce di un’equilibrista

“E’ il suo primo album e il primo concerto insieme a un gruppo”, dice Pompeo Benincasa introducendo Mira Awad, cantante arabo-israeliana, che si è esibita ieri sera al teatro Brancati in occasione della rassegna Musicadonna promossa da Catania Jazz. Accompagnata da Hamos Haddan, alla chitarra, e Gadi Seri, alle percussioni, la Awad ha presentato le canzoni dell’album Bahalawan, primo album da solista di cui ha scritto sia i testi sia la musica.

Nata in un villaggio arabo del Nord Israele, Mira ha studiato jazz e musica contemporanea alla Rimon School di Tel Aviv. Ha lavorato nelle serie TV “Arab Work” e “Noah’s Ark”. E ha partecipato anche al film “The Bubble” di Eithan Fux. Inoltre ha registrato il tema delle musiche per il film di Udi Aloni, “Forgiveness”, e “Lemon Tree” di Eran Riklis. Ora Mira torna a incontrare sul suo cammino artistico un’altra star, sua amica, Noa con la quale duetterà stasera qui a Catania. Insieme hanno già collaborato nell’album “Now” della cantante israeliana cantando insieme in arabo ed inglese “We can work it out” dei Beatles.

“Una volta dissi a mio fratello che sarei stata capace di trovare la mia strada, quella giusta. E l’avrei percorsa facendo attenzione a non cadere, proprio come fa un’acrobata” spiega al pubblico Mira introducendo la canzone Bahalawan che significa proprio acrobata. E mentre la canta con passione allarga le braccia mimando il movimento di una equilibrista che cammina su un filo teso immaginario. Canta con il cuore e con il corpo che muove seguendo il ritmo sciorinato dal percussionista. E’ completamente a suo agio. Anche quando chiede al pubblico se può tradurre in italiano per lei il titolo della canzone “Peace of Mind”. Mira non sembra agitata nemmeno quando introduce il tema della terza canzone in scaletta: “Parla di religione, di una guerra dimenticata”. Il pubblico è affascinato da questa donna composta, sempre sorridente che biascica qua e là qualche parola in italiano e canta testi quasi tutti in arabo. Poche sono infatti le canzoni in inglese. Altre alternano strofe in inglese a strofe in arabo. Undici canzoni interpretate senza pause. Unico intermezzo è l’assolo di chitarra, un pezzo dalle origini sudamericane, eseguito dall’amico Hamos Haddan.

Poi il gran finale che Mira introduce con parole da brivido: “Questa canzone, Bucra, significa “domani”. Perché anche se non dimentico il fumo, il fuoco, il sangue, spero sempre che il domani sarà migliore”.

Come abbiamo detto, Mira Awad duetterà stasera alle 21.30, sempre al Teatro Brancati, con Noa, artista di fama internazionale con cui canterà all’Eurofestival di Mosca per rappresentare Israele. “Domani ci saranno molti amici in sala. Noa e Mira si racconteranno come solo loro sanno fare: con la musica” spiega Pompeo Benincasa.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]