Michael Moore, il regista supereroe

Micheal Moore un giorno arrivò al college in cui era iscritto, non trovò parcheggio e decise di lasciare gli studi.
Che sia un tipo bizzarro è evidente a tutti: la sua mole possente, le sue t-shirt enormi, i suoi occhiali spessi e il suo immancabile berretto da baseball.
Il regista americano, è vero, è un tipo un po’ strano; Ma le cose che dice lo sono molto di più.
La sua vita è da sempre densa di scontri, liti e battibecchi e lui ha ormai fatto di necessità virtù.
Da tempo, infatti, è dedito a combattere i soprusi e a svelare gli inganni. Lo scrive, lo filma o lo recita: il mondo così com’è  non gli piace e la colpa è del Paese dove vive, gli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, il Paese dove la sua famiglia, un secolo fa arrivò dall’Irlanda e dove lui è cresciuto, è stato educato, e ha trovato moglie.
Gli Stai Uniti, la terra delle libertà, dove lui può scrivere che il Presidente è un idiota o che il Presidente è un amico di un terrorista, o che il Presidente fa la guerra per poi guadagnarci su.
Gli Stati Uniti, il posto dove gli americani, gli stupidi americani, i rozzi americani, gli ignoranti americani vivono e vanno a vedere i suoi film o comprano i suoi libri.

Michael Moore è ormai un star, la gente lo acclama, i giornalisti fanno a botte per intervistarlo (vedi Cannes), i suoi colleghi artisti del cinema gli dispensano premi e celebrazioni.
Le sue imprese sono ormai celeberrime: il regista supereroe individua il cattivo e lo smaschera. Lo costringe alla resa o almeno lo sputtana.

Lo fece anni fa con il suo documentario “Roger&me”, dove raccontava il tramonto della cittadina dove è nato, Flint,nel Michigan, alla chiusura dello stabilimento automobilistico dalla General Motors.
E lo fece, con maestria, nel 2002 con il documentario premiato con l’Oscar, Bowling for Colombine.
Questa volta il suo obbiettivo erano la National Rifle Association (Nra), lobby delle armi da fuoco, e più in generale, l’amministrazione della Casa Bianca che permetteva e permette il commercio indistinto di armi. La società americana nel suo intero e nelle sue più profonde paure è analizzata, attraverso argomentazioni, ricostruzioni e agghiaccianti testimonianze.

Esce, o forse sarebbe meglio dire “dovrebbe uscire”, a luglio il suo nuovo documentario shock, appena premiato con la Palma d’Oro a Cannes 2004, Fahrenheit 9/11. La temperatura a cui brucia la verità. Ricostruzione di ciò che successe prima, durante e dopo l’attacco alle Twin Towers dell’11 settembre 2001. Ma soprattutto analisi accuratissima dei rapporti tra la famiglia Bush e quella Bin Laden.
Attraverso delle domande dirette allo stupid white man (G.W.Bush) il regista supereroe ricostruisce i legami della famiglia texana con quella saudita. In affari da anni queste due famiglie andrebbero a braccetto nel governare il mercato globale dell’oro nero.

E’ difficile stabilire se Moore sia nella direzione giusta. E’ indubbio che con il suo operato stia dando una belle svegliata al popolo americano, a tratti davvero bacchettone, ma sarà il modo giusto di sensibilizzarlo?
Significative risultano a proposito le dichiarazioni di un personaggio che di cinema e di quello che il cinema rappresenta se ne intende e che percepisce che qualcosa nel modo di agire di Moore non va.
Il registra svizzero Jean Luc Godard ha detto: “Film come quello di Michael Moore finiscono per aiutare Bush. Il presidente americano o e’ meno stupido di quello che sembra o lo e’ totalmente, in ogni caso non cambiera’”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]