Messina, dirigenti senza titoli al Policlinico Il direttore generale annulla sei promozioni

Personale assunto dall’Università di Messina con determinate mansioni, transitato al Policlinico e divenuto dirigente medico senza concorso e senza titolo. Almeno secondo il direttore generale dell’azienda ospedaliera Gaetano Martino, Marco Restuccia, che, lo scorso giugno, ha annullato ben sei promozioni relative ad altrettanti provvedimenti adottati dai suoi predecessori: due nel dicembre 2004, tre nel gennaio 2006 e uno nel marzo successivo.

Cinque le delibere adottate dal manager, capaci di dichiarare la nullità dell’equiparazione ospedaliera a dirigente medico dei sei dipendenti, uno dei quali si è opposto davanti al giudice del lavoro. Oggi, 18 settembre, la discussione del ricorso il cui esito potrebbe condizionare, in un modo o nell’altro, il monitoraggio ad ampio spettro che Restuccia ha deciso di portare avanti.

A vedersi riassegnare al precedente profilo, e al conseguente trattamento economico, sono tecnici di laboratorio biomedico o dirigenti biologici – già inquadrati dall’ateneo nell’area tecnica, tecnico scientifica ed elaborazione dati come assistenti e funzionari tecnici – che a un certo punto si sono visti riconoscere la qualifica di dirigente medico. Secondo il direttore generale, tuttavia, non avrebbero «partecipato ad alcuna procedura concorsuale per dirigente medico». Inoltre, «non esisteva al momento dell’adozione dell’atto», così come alla data dell’annullamento, «alcuna norma che rendesse possibile l’equiparazione a un profilo diverso da quello di assunzione».

Nelle motivazioni delle delibere dello scorso giugno, si legge ancora che «essendo rimasto invariato l’inquadramento universitario, nessuna novità poteva intervenire per quanto concerne l’equiparazione ospedaliera, nemmeno sulla base del presupposto di variazione delle mansioni». Infatti, il personale «deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato assunto o alle mansioni considerate equivalenti nell’ambito della classificazione professionale prevista dai contratti collettivi, ovvero a quelle corrispondenti alla qualifica superiore che abbia successivamente acquisito per effetto di procedure concorsuali o selettive».

Pertanto, è vero che alcuni dei dirigenti restituiti alle precedenti mansioni pare siano in possesso della laurea in medicina e chirurgia. È anche vero che, sempre secondo la normativa impugnata dal manager, «lo svolgimento delle funzioni assistenziali mediche è consentito solo agli appartenenti al profilo di collaboratore e di funzionario tecnico socio – sanitario in servizio al 31 ottobre 1992 e in possesso, alla stessa data, della laurea». Fattispecie nella quale gli ormai ex dirigenti non rientrerebbero.

Tutto questo configurerebbe profili di «illegalità» da rimuovere urgentemente, secondo Restuccia: «Viene autorizzato a svolgere attività di dirigente medico – rileva in ogni delibera – un soggetto che non ha mai superato un concorso per tale profilo, con le inevitabili responsabilità medicolegali che ricadono sullo stesso e sull’azienda». Vengono inoltre corrisposti «gli emolumenti propri del profilo di dirigente medico in assenza dei presupposti normativi».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]