Medialab: tra dire e fare

Come ogni anno ripartono i Medialab della facoltà di Lingue, laboratori suddivisi per aree – cinema, musica, teatro, televisione, fotografia, grafica, giornalismo, comunicazione commerciale – “tra dire e fare”. Si tratta infatti di un’opportunità per approfondire e mettere in pratica passioni e ambiti di studi, e acquisire 3 crediti formativi per le “altre attività” presenti nei piani di studio degli studenti.
 
Due almeno le novità di quest’anno: meno Medialab per la facoltà di Lingue, ma collaborazione con la facoltà di Lettere, per un’offerta più ampia. Agli studenti, quindi, sarà possibile seguire corsi di entrambe le facoltà, e vederne regolarmente riconosciuti i crediti. Le iscrizioni ai Medialab di Lingue si apriranno venerdì 20 febbraio, tramite modulo online presente nella scheda di ogni laboratorio, o presso l’Ufficio Area Didattica (Piazza Dante, 11). Per i corsi disposti dalla facoltà di Lettere, invece, le iscrizioni si effettuano dal 17 al 19 e dal 24 al 26 febbraio, dalle ore 9 alle ore 13 nell’ aula 20 del Monastero.
 
Ma vediamo cosa è possibile seguire, area per area, partendo dai classici Medialab e integrando gli assenti, dove è possibile, con i numerosi corsi offerti dalla facoltà di Lettere.
 
Comunicazione per immagini e pubblicità. Sono stati riconfermati i due laboratori che indagano il linguaggio delle immagini e le potenzialità del mezzo digitale professionale, ma restano fuori per quest’anno gli altri tre laboratori orientati alla pubblicità e al marketing: niente grafica e agenzia di pubblicità, quindi, e neanche antropologia aziendale. Nei corsi della facoltà di Lettere, però, sarà possibile seguire il laboratorio di marketing culturale, a cura di Felicita Platania, presidentessa della società che gestisce il Centro Zo di Catania.
 
Fare cinema. Riproposti i laboratori sugli argomenti di base, come il difficile percorso cinematografico dall’idea alla realizzazione, e le sue parti principali: la sceneggiatura e il montaggio. Unico settore da poter approfondire è il documentario, non più scisso da quello sociale. Niente laboratori neanche per il genere dei corti, e per la traduzione e sottotitolazione dei film. Aspetti più settoriali, invece, come la fiction e il cinema sperimentale, saranno trattati nei corsi di Lettere.
 
Gesti e suoni. Più suoni che gesti, per cui resta soltanto il fortunato laboratorio di teatro in lingua spagnola, invece dei cinque Medialab dello scorso anno che spaziavano dalla creazione teatrale a quello di genere soprannaturale. Sarà possibile comunque cimentarsi in altre aree specifiche, come l’opera e il melodramma, nei corsi offerti dalla facoltà di Lettere. Lingue si concentra quindi sui suoni, riconfermando il laboratorio di ascolto musicale, in collaborazione con l’Associazione Musicale Etnea e quello sul canto popolare, e aggiungendo il più tecnico corso sui programmi di audio mixing.
 
Giornalismo. Una delle aree in cui la riduzione dei Medialab è più consistente. Dei nove corsi dello scorso anno, infatti, sarà possibile seguire fotogiornalismo, giornalismo culturale e sportivo. I generi dell’inchiesta, del giornalismo radiofonico e della comunicazione tramite comunicati e conferenze stampa, invece, sono coperti dalla facoltà di Lettere, con numerosi corsi tenuti da giornalisti del quotidiano “La Sicilia”. C’è anche un laboratorio di deontologia professionale e un altro per imparare a districarsi tra la mole di notizie che arrivano dalle agenzie, da internet e dalle redazioni periferiche. Mancano comunque i generi del reportage e della recensione, molto seguiti in passato. Ma una curiosa novità viene da Lettere: il laboratorio di giornalismo enogastronomico. Il laboratorio permanente a sostegno di Step1, a suo tempo annunciato, non risulta attivato.
 
Scritture e letture. Una delle due sezioni che non hanno subito tagli, con i suoi quattro laboratori sull’italiano scritto e la traduzione letteraria, sul rapporto tra classici greci e latini e le potenzialità di internet e le problematiche connesse alla gestione del territorio. A questi si aggiungono i numerosi corsi della facoltà di Lettere, come i laboratori sulla scrittura narrativa in genere e quella di un libro giallo, oppure uno specifico corso sulla teoria e la tecnica del lavoro editoriale.
 
Televisione e new media. Altra area che riconferma tutti i suoi laboratori precedenti, con i corsi per imparare a comunicare in Power Point, conoscere i fondamenti e le applicazioni della grafica digitale su software Adobe Photoshop e districarsi nel variegato mondo dei videogames.
 
Per la sezione “Culture, identità”, infine, la facoltà di Lettere offre alcuni laboratori incentrati sulla religione, lo spiritualismo e la mitologia, e il rapporto tra Oriente e Occidente, oltre ad alcuni altri, forse poco adatti a studenti di Lingue straniere e comunicazione, come i laboratori di lingua latina e greca.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]