Mars Volta – Amputechture (2006, GSL / Universal)

TRACKLIST:
1 Vicarious Atonement
2 Tetragrammaton
3 Vermicide
4 Meccamputechture
5 Asilos Magdalena
6 Viscera Eyes
7 Day Of The Baphomets
8 El Ciervo Vulnerado

Sarà che ci hanno abituati troppo bene, perché si sa, quando si è assaporato il caviale è poi difficile apprezzare pane e cipolla. Sarà che album come “Frances The Mute” e, soprattutto, “De-Loused In The Comatorium” non sono proprio all’ordine del giorno in questo nuovo millennio. Sarà che da un gruppone come loro ci si aspetta sempre il boom e mai il flop. Sarà anche che è passato soltanto poco più di un anno dalla loro precedente creatura, o sarà stata forse troppa la stanchezza accumulata on stage in giro per il mondo. Fatto sta che Amputechture, terzo lavoro in studio dei Mars Volta, nonostante sia nato e cresciuto sotto i migliori auspici ed abbia catalizzato le aspettative come pochi altri album durante il 2006, lascia a sorpresa perplessi e con l’amaro in bocca. Inutile quindi perdersi in chiacchiere e rimandare solo di qualche rigo il verdetto, tanto vale essere chiari fin dall’inizio. Ma veniamo al dunque. In cosa hanno fallito Omar Rodriguez-Lopez e soci? “Esasperazione” è il termine più consono per riassumere i peccati di forma e sostanza di questo “Amputechture”. I vocalizzi di plantiana memoria di Cedric Bixler-Zavala non sono certo una novità, se profusi con parsimonia e puntualità d’esecuzione come nell’album del 2003 fanno giustamente gridare al gran talento, se massicci come nel 2005 finiscono a tratti (attenzione, solo a tratti) col disturbare, ma se esasperati e sconnessi come in questo episodio non possono che avere come conseguenza il continuo “up and down” del volume d’ascolto e possibilmente un ripetuto skip delle tracce. Aggiungiamoci la lunghezza estenuante di quasi tutti i brani, con gli oltre sedici minuti di Tetragrammaton e gli undici e passa di Meccamputechture e Day Of The Baphomets a fare da polpettone psichedelico in salsa progressive, ed il delitto è consumato. Per carità, i funambolismi figli della tecnica sopraffina dei musicisti in questione sono sempre da lodare, la classe c’è tutta ed è cristallina, ma ad ogni suite si ha come l’impressione che i tempi siano stati eccessivamente annacquati, secondi e secondi di ritardo su quelle che sarebbero le naturali conclusioni delle spirali sonore. Per non parlare del tema di fondo dell’album, tra citazionismo biblico, riferimenti all’islam, all’ebraismo ed al signore del male, per una sorta di “concept religioso” che non è proprio nelle corde della band. Va bene dunque il superamento degli schemi compositivi canonici, passi pure l’improvvisazione selvaggia che pare essere il motore primo di questi Mars Volta, ma ogni cosa ha un limite, ed il gruppo sembra davvero averli oltrepassati tutti questi limiti, uscendone decisamente ridimensionato. Ridateci il Comatorium.

Nota: da segnalare la presenza alla chitarra ritmica di John Frusciante (già con i Mars Volta in passato). Il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers ha apposto la sua firma su tutto l’album, ma se non fosse per i crediti la sua presenza passerebbe di certo inosservata. Anche lui ex bambino prodigio.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]