Mario Strano e le «pericolose femmine» della famiglia Il capo «filosofo» amante delle dirette Fb e dei cavalli

Con il suo smartphone era diventato un patito delle dirette Facebook, appassionato delle canzoni di Lucio Battisti e dei cavalli oltre a essere innamoratissimo della moglie Anna Russo, con la quale nel 2018 aveva condiviso una sfarzosa cerimonia, con tanto di autotreno al seguito, nella chiesa di Santa Maria di Ognina. Mario Strano sembrava essersi messo alle spalle i tanti guai del passato, quattro condanne per mafia, e quel soprannome – acchiana e scinni  che rimandava ai suoi trascorsi da rapinatore in trasferta. L’ultima bravata l’aveva fatta a Ferragosto 2017 quando, nonostante l’obbligo di soggiorno a Catania, aveva deciso di cambiare aria e trascorrere una vacanza in un resort di lusso ad Altavilla Milicia (in provincia di Palermo) insieme a tutta la famiglia. Il presente farebbe rima con il passato. Ieri notte, trasferito dalla sua abitazione a Picanello in carcere, perché ritenuto l’uomo di vertice di un gruppo mafioso autonomo orbitante nel clan Cappello-Bonaccorsi. 

L’indagine Camaleonte ha quasi svuotato casa Strano. Perché tra gli arrestati c’è anche la moglie Anna, la figlia Concetta e il compagno di quest’ultima Luigi Scuderi. Poi ci sono i parenti, e cioè la cognata Pina Russo, il figlio Giuseppe Culletta oltre al cognato Salvatore, meglio noto come Turi dei polli perché titolare di una gastronomia in via Duca degli Abruzzi. In questa storia le donne non sono comparse ma, scrive il giudice dell’indagine preliminare, «figure consapevoli, tenutarie della cassa comune e con conoscenze specifiche dei flussi finanziari». I contanti della droga sarebbero stati l’affare d’oro della famiglia Strano. Soldi, secondo gli inquirenti, ripuliti con investimenti leciti. «Ti ho dato 58mila euro a te – diceva il genero ad Anna Russo – però 40mila euro li abbiamo sugli hoverboard», cioè le tavolette elettriche autobilanciate. 

Consapevole del ruolo delle donne sarebbe stato anche l’ex narcotrafficante, oggi pentito, Sebastiano Sardo. Ai magistrati della procura di Catania ha spiegato, senza giri di parole, come funzionavano i presunti affari quando Strano non c’era: «Io me la sbrigavo con la moglie e la figlia – racconta a verbale – gli davo i soldi, parlavo con loro. Lì le femmine sono pericolose, comandano più dei maschi». Tra i personaggi collegati alla famiglia Strano, secondo la polizia, c’è anche Cristian Monaco, bollato come il responsabile degli stupefacenti a San Berillo nuovo. L’occasione che sancisce il legame è il matrimonio di quest’ultimo, celebrato nell’estate 2017. In quell’occasione gli Strano avrebbero messo a disposizione degli sposi una Ferrari bianca, noleggiata a nome del genero di Mario Strano e poi, a nozze ultimate, portata via dalla figlia Concetta. Le foto sono state acquisite agli atti dell’inchiesta. 

La storia di Mario Strano e i racconti dei pentiti riportano anche al progetto di costituire, con la benedizione di un pezzo di Cosa nostra palermitana, una nuova famiglia mafiosa a Catania, alternativa ai Santapaola. Un aneddoto legato al passaggio di Strano, insieme ai suoi tre fratelli, proprio ai Cappelo, clan all’interno del quale si sarebbe mosso sempre con molta autonomia in virtù del suo peso criminale. L’adesione alla nuova famiglia sarebbe passata per una serie di punciute – il rito d’affiliazione mafioso – con cui sarebbero stati comminati diversi esponenti mafiosi locali all’interno delle carceri. Un rituale che, una volta usciti di prigione, sarebbe stato rinnovato «alla presenza di boss del calibro di Ciccio La Rocca», si legge nei documenti. Secondo il pentito Salvatore Bonaccorsi a fare da padrino in una di queste cerimonie avvenute nel carcere di Bicocca sarebbe stato proprio Strano – indicato come una persona «furba, un filosofo o un politico capace di manipolare persone e parole» – scegliendo come figlioccio mafioso Francesco Crisafulli.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]