Mario Monti ospite della Facoltà di economia

Questa mattina si è svolto, nell’Aula Magna della Facoltà di Economia di Catania, il penultimo seminario di un ciclo intitolato “New scenarios of European Integration and policies in rural areas”. Il ciclo di seminari,iniziato lo scorso dicembre,fa parte del JEAN MONNET PROJECT 2004-2005,giunto ormai alla sesta edizione, ed è cofinanziato dall’Università di Catania e dall’Unione Europea.

Durante l’incontro di questa mattina, intitolato “Mezzogiorno,Unione Europea e politiche della concorrenza”, circa duecento fra studenti ricercatori e professori, hanno avuto l’opportunità di ascoltare il prof. Mario Monti, attuale Presidente dell’Università Bocconi di Milano e uomo di governo di rilevanza internazionale. Dopo i ringraziamenti e i saluti di rito da parte del rettore dell’Università di Catania Ferdinando Latteri, del Preside della Facoltà di Economia dott.ssa Schillaci e del preside della Facoltà di agraria dott. Barbagallo, il Prof.Mario Monti ha preso la parola.

Il docente, avendo ricoperto per 10 anni la carica di Commissario alla Concorrenza a Bruxeles, è stato in grado di fornire al suo attento auditorio  un interessante quadro della crisi in cui versa attualmente l’Unione Europea. Partendo dall’esito dei due  Referendum popolari sul Trattato Costituzionale indetti in Francia e in Olanda, ha avanzato delle previsioni, non proprio ottimistiche, sul destino dell’Unione. «Fra i tre punti oggetto del seminario di oggi-Mezzogiorno, Unione Europea e politiche della concorrenza – forse quello più in crisi è proprio l’Unione», ha detto con non poca amarezza il prof. Monti, convinto europeista.

E ha continuato dicendo: «Il no dei cittadini francesi ed olandesi non è rivolto esclusivamente alla proposta del Trattato, ma è dovuto ad insoddisfazioni di carettere generale, riguardo alle quali spesso i governi nazionali incolpano Bruxeles. L’elettorato finisce così per credere che tutti i suoi mali siano colpa dell’Unione e intanto il governo nazionale ne esce indenne». Secondo il prof. Monti questa grave battuta d’arresto verso la Costituzione Europea non sarà priva di conseguenze: «L’intera economia europea potrebbe essere danneggiata. I risultati negativi dei due Referendum possono essere considerati retrospettivi in quanto si riferiscono, in pratica, a tutte quelle norme di libero mercato, come per esempio la libera circolazione di beni e servizi, che non vengono considerate più accettabili in un sitema a 25 stati. Purtoppo però la storia ci insegna che affinchè una moneta unica abbia successo, essa deve basarsi su di un reale mercato unico… L’Unione sta vivendo la più grave crisi della sua storia».

Il Professore ha inotre brevemente illustato come l’approvazione della Costituzione Europea, contenendo complete norme in materia di concorrenza, inciderebbe positivamente sulla produzione agricola del Mezzogiorna d’Italia.

A conclusione del seminario si è svolto un interessante dibattito durante il quale il Prof. Monti ha cordialmente soddisfatto la domande del suo auditorio.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]