Foto di Roberta Tartoni

Mare sporco lungo la costa ionica. Decine le segnalazioni. «Parametri di controllo sono nei limiti di legge»

Reflui fognari, spazzatura e strisce di schiuma bianca. Da un lato il mare sporco e dall’altro turisti e bagnanti costretti a fare i bagni con il contagocce. Un problema che si ripropone ormai da diversi anni lungo la costa ionica catanese, in particolare tra Fiumefreddo di Sicilia, Fondachello e Mascali, e che assume un’eco ancora maggiore se la situazione viene immortalata con decine di foto e video che finiscono sui social network. «Dietro c’è l’immobilismo e il menefreghismo di chi amministra – dice una cittadina, Roberta Tartoni, a MeridioNews -. Per non parlare della spazzatura non raccolta che rimane in strada. Non resta che emigrare verso posti più civili e ben amministrati». Segnalazioni e lamentele passano anche dai gruppi Facebook. «Il mare di Fondachello è una vera discarica», commenta Alfio all’interno del gruppo Mascali Problemi Soluzioni e Informazione. «Andare al mare è diventato impossibile, non si riesce più a fare un bagno a causa dell’acqua sporca. Per me che ho un figlio di cinque anni è uno strazio negargli nove volte su dieci di entrare in acqua», aggiunge Simone.

Lamentele che destano anche preoccupazione per la salute, come nel caso di Denise: «Il mio ragazzo ha preso una brutta infezione provocata dall’acqua inquinata con febbre alta a 40, vomito e mal di testa. Gli hanno detto che deve stare 15 giorni lontano da tutti perché è anche trasmissibile». Anche Romina racconta un episodio simile che sarebbe accaduto alla figlia: «Qualche mesetto fa mia figlia è stata ricoverata per un’infezione che ha preso al mare, 15 giorni in ospedale. Ora ho il terrore di ritornare».

Tutte le aree indicate, stando a quanto si legge all’interno del portale acque del Ministero della Salute, risultano tuttavia accessibili alla balneazione. Tanto che per i sindaci Angelo Torrisi (Fiumefreddo di Sicilia) e Luigi Messina (Mascali) non sussistono motivi per disporre un divieto di balneazione. «Secondo l’Asp, le acque sono balneabili a seguito degli ultimi rilievi fatti – spiega Torrisi a MeridioNews – Vero è che in superficie arriva questa ondata di sporcizia in una situazione che si ripete da anni. Ma dal punto di vista tecnico noi non c’entriamo, facciamo parte di un depuratore consortile con sede nella frazione Sant’Anna (nel Comune di Mascali) che viene controllato e che risulta in ottime condizioni».

Sulla stessa linea anche il primo cittadino di Mascali che aggiunge al nostro giornale: «Il nostro depuratore consortile – uno dei pochi in Sicilia finanziati – funziona e le analisi rientrano nei parametri. Abbiamo 40 milioni che andranno in appalto proprio per realizzarne l’ampliamento, a differenza di altri che non si sono mai interessati al depuratore. Noi, invece, che ci siamo interessati ne paghiamo i danni per colpa di altri. Le ultime analisi delle acque sono datate 22 giugno. Il parametro escherichia coli, il più pericoloso, è ampiamente nei limiti di legge: 55 su 5000», aggiunge il sindaco di Mascali fornendo la documentazione (Scarica le analisi di controlloScarica le analisi di controllo Arpa).

Sotto la lente d’ingrandimento non c’è solo il depuratore di Sant’Anna ma anche il funzionamento di quelli nel territorio di Calatabiano, Acireale e Giardini Naxos. Quest’ultimo impianto, che serve Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola, nel 2021 è stato sequestrato da guardia di finanza e polizia. Allora era emersa una grave contaminazione ambientale, riconducibile a malfunzionamento e cattivo stato di manutenzione e gestione di varie sezioni di trattamento delle acque reflue. Stesso destino che, nel 2016, era toccato proprio al depuratore di Sant’Anna dopo un’inchiesta della procura di Catania in cui emersero presunte irregolarità durate almeno dieci anni. «La situazione è più complessa di quello che sembra e non riguarda solo i depuratori – spiega a MeridioNews Anna Noessing, presidente del circolo Legambiente Taormina Giardini Naxos Alcantara – Noi abbiamo fatto diversi sopralluoghi e la parte del depuratore che scarica nel fiume Alcantara, sotto autorizzazione, è depurata e trattata con il cloro. Questo è emerso nell’ultimo sopralluogo. Tuttavia – aggiunge – abbiamo sempre fatto delle analisi alla foce con Goletta Verde e lì l’acqua è inquinata perché si tratta di un fiume di 50 chilometri con diversi scarichi abusivi».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]