mar adentro: il diritto di morire

Il multisala Lario è quasi deserto. La proiezione di mezzanotte, anche se a prezzo ridotto, non richiama molta malagueñi. La sala è piccola e mezza vuota. Il film inizia, dura due ore esatte, e poi finisce. E lasci nei visi (anche) un po’ assonnati degli spettatori un’ombra di commozione – qualcuno ha le lacrime- ma anche una sensazione di impotenza. Nessuno è capace di dare un giudizio definitivo di condanna o di approvazione alla scelta di Ramón Sampedro.

Ramón è tetraplegico dal collo in giù da ventotto anni; dopo tutti questi anni, Ramón non riesce ad accettare questa sua condizione; Ramón di notte sogna di volare e di passeggiare lungo la spiaggia e di mattina si sveglia ancora inchiodato al letto che odia perchè “una vita che limita la libertà non è vita); Ramón è un uomo ironico, che ha imparato a llorar riendo (a piangere ridendo); Ramón ha un unico desiderio: morire. Ma non può nemmeno suicidarsi. Per questo invoca l’eutanasia.
La sua mente è lucida, il desiderio chiaro, la sofferenza percattibile, ma la legge è contro. Non può essere aiutato a morire. Dopo una lungua ed inutile battaglia legale saranno due donne e il loro amore a salvarlo dall’inferno della sua vita e a regalargli la morte.

Quando nel 1996 Ramón Sampedro finalmente é morto, la Sapgna, secondo i racconti degli spagnoli, ha accusato il colpo. Dal punto di vista del diritto niente è ancora cambiato, ma qualcosa si è mosso nella coscienza dei cittadini, soprattutto di quelli giovani. È quello che dimostrano anche gli spettatori che erano al cinema l’altra sera. Anche se prendere posizione non è facile. Ci si pone una domanda senza risposta: il diritto alla vita comprende il diritto alla morte? e dentro quali limiti?
Ima, di Cordoba non lo sa. Sandra, francese nemmeno (si ricordi la vicenda del giovane francese di pochi anni fa). Io come loro.

Il film è ben fatto. Amenabar confezione un altro successo.
Manca (ma è un pregio) la morbosa ricerca della pena e del dolore. La macchina da presa guarda con discrezione verso Ramón (Javier Barden) ma raggiunge il profondo della sua anima, scoprendo il dolore di un uomo che non vive ma sopravvive.
Ramón non ci impone mai il suo punto di vista, la sua decisioe è assolutamente personale (“non parlo a nome di tutti i tetraplegici, parlo a nome di Ramón Sampedro”). È così facendo lascia gli spettatori nel dubbio più atroce. Quando finalmente Ramón beve il bicchiere letale, nella sala Lario di Malaga ci stiamo ancora chiedendo “Ma esiste il diritto a morire?”


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]