Il ritorno di Micalizzi, sopravvissuto alla guerra di mafia e pronto a fare affari con i fondi dell’Unione europea

Uomo della vecchia Cosa nostra tra i perdenti della seconda guerra di mafia portata avanti da Totò Riina, genero del potente e sanguinario capomandamento Saro Riccobono ma anche importatore di eroina thailandese negli anni ’80. Michele Micalizzi, 73 anni, il suo conto con la giustizia lo aveva saldato. Dopo 20 anni trascorsi dietro le sbarre, era stato scarcerato il 12 agosto del 2015. Quel giorno si era «liberato di tutto» e, dopo un breve periodo trascorso in Toscana (a Firenze) era tornato nella sua Palermo per prendersi in mano il vertice della famiglia mafiosa di Partanna Mondello. La data da cerchiare in rosso a cui affiancare il ritorno in campo di Micalizzi corrisponde, secondo la ricostruzione degli inquirenti, alla mattina dell’8 dicembre del 2017. L’anziano padrino viene intercettato mentre discute, all’interno di una casa in via Mogadiscio, con Tommaso Inzerillo. Anche lui, nel frattempo, tornato nel capoluogo dopo l’esilio negli Stati Uniti sotto l’ala protettrice della famiglia Gambino di Brooklyn.

Vecchie storie che tornano e nuovi business da portare avanti, come una presunta truffa con i fondi dell’Unione Europea. «Io conosco una persona a posto, ed è buona – diceva Micalizzi a Inzerillo – ha buone possibilità per potere approfittare di questi finanziamenti a fondo perduto, per quanto riguarda l’agricoltura. Questo ha l’ufficio a Bruxelles, a Malta, vediamo di prendere quattro soldi». Affari ma non solo. Nella conversazione intercettata, Micalizzi avrebbe fatto riferimento anche alla possibilità di mettere a disposizione le armi della propria famiglia mafiosa. «Se hai bisogno di attrezzatura, cose, noi le abbiamo». «Qua noi dobbiamo stare in pace», rispondeva Inzerillo rimarcando il passato e la sconfitta di entrambi nella guerra di mafia. «Abbiamo avuto l’esperienza», aggiungeva. Inzerillo aveva bene in mente la guerra con i corleonesi e la morte più illustre della propria famiglia: quella del cugino Salvatore Totuccio, ucciso l’11 maggio 1981.

Nella carte dell’inchiesta Metus, che ieri ha fatto scattare 11 misure cautelari, Micalizzi viene descritto come un uomo particolarmente attento, sempre pronto ad adottare tutte le cautele possibili per evitare di incappare nella rete delle forze dell’ordine. Tuttavia in due occasioni, come riportato nell’ordinanza, sarebbe stato costretto a uscire allo scoperto, dimostrando «in maniera plateale il suo potere criminale», scrive il giudice per le indagini preliminari. Il primo evento corrisponde al furto dell’auto della moglie, Margherita Riccobono, nel quartiere Zen di Palermo. Era l’8 settembre del 2021 e in circa due ore Micalizzi, con la complicità del figlio Giuseppe e di Vincenzo Garofalo, riesce a recuperare il mezzo nonostante una formale denunciata presentata ai carabinieri. «L’ho macinato e Giuseppe ci si è buttato sulla pancia. L’ho ammazzato a bastonate», diceva Garofalo, sottolineando la propria devozione per la moglie del capomafia: «È mia zia, chi me la tocca lo faccio volare».

L’altro episodio in cui Micalizzi si espone è datato gennaio 2022. Dopo il tentato omicidio, fallito soltanto per la rottura della lama del coltello, di Emanuele Anello Cusimano per mano del fratello Carmelo. Volti noti nell’ambiente per essere i fratelli di Giuseppe Cusimano, correggente della famiglia mafiosa dello Zen-Pallavicino. L’ordinanza Metus è stata notificata anche a Carmelo Cusimano, che dovrà rispondere di tentato omicidio. Una vicenda scaturita, a quanto pare, da dissidi familiari. Per essere ricomposta si è poi reso necessario l’intervento delle figure più carismatiche del mandamento mafioso. Da Giulio Caporrimo a Giuseppe Micalizzi fino a Salvatore Genova che venne coinvolto anche se reggente del vicino mandamento di Resuttana.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Uomo della vecchia Cosa nostra tra i perdenti della seconda guerra di mafia portata avanti da Totò Riina, genero del potente e sanguinario capomandamento Saro Riccobono ma anche importatore di eroina thailandese negli anni ’80. Michele Micalizzi, 73 anni, il suo conto con la giustizia lo aveva saldato. Dopo 20 anni trascorsi dietro le sbarre, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]