Mafia, nuove intimidazioni all’imprenditore Calì «Non ci scantiamo, questo è un luogo simbolo»

Sulla tangenziale di Palermo le pecore non si erano mai viste. Almeno fino a ieri, quando sono state avvistate all’interno di un autosalone. Non uno qualunque, però. Calicar è la concessionaria d’automobili in viale Regione Siciliana, nei pressi dello svincolo di Bonagia, che vuole dare un chiaro segnale di legalità. Ad avviare il sogno è l’imprenditore Gianluca Calì, che ha denunciato nel 2011 i suoi estortori. E che tra mille difficoltà sta provando a rilanciarsi in Sicilia, dopo aver vissuto per anni a Milano. Ma la nuova impresa – è proprio il caso di dirlo – è davvero ostica. Deve ancora aprire, ma le intimidazioni già non mancano. L’autosalone non piace a parte del quartiere. Calì racconta che in questi giorni più volte alcune persone si sono avvicinate gridando offese, mostrando il dito medio, scrutando più e più volte con fare minaccioso all’interno dei locali.

Poi, ieri, l’episodio delle pecore. «In tre anni che la struttura era rimasta chiusa non era mai successo» dice l’imprenditore. Il vasto spazio in viale Regione, infatti, era rimasto chiuso fino al mese scorso, dopo il sequestro per ricettazione e riciclaggio nel corso dell’operazione New Life. A maggio si è invece concretizzato il passaggio in affitto dall’amministrazione giudiziaria alla gestione privata di Calì, che qui intende avviare un’attività commerciale in piena regola proprio per lanciare il messaggio che la mafia si sconfigge a partire dai suoi stessi (ex) terreni. «Questo è un luogo simbolo – aggiunge l’imprenditore -. Noi non ci scantiamo. Le pecore che sono arrivate ieri sono state evidentemente condotte qui. Sono entrate dentro i nostri spazi, e abbiamo fatto un bel po’ di fatica per allontanarle e ripulire tutto. Per questo vorrei però che la prefettura si attivasse. Con la videosorveglianza, ad esempio, oppure mandando periodicamente una volante che farebbe capire come lo Stato c’è, è presente e tutela i suoi cittadini».

Anche perchè Calì ha scelto di non abbassare i toni. E ha collocato all’ingresso dell’area di vendita due espliciti cartelloni. Sul primo si legge che «ho aperto una nuova attività e vorrei fosse chiaro che mai e poi mai pagherò nulla che non siano le tasse allo Stato Italiano. Per cui se qualcuno ha intenzione di venire a chiedere qualcosa per i carcerati o le loro famiglie, o ancora per pagare gli avvocati o qualcosa del genere, sappia che deve andare al diavolo. Io non pago». Accompagnato dall’hashtag #mafiamerda. Sul secondo, invece, ripercorre le vicende che lo hanno visto protagonista. A partire da quella denuncia di sette anni fa e che ha dato vita a quelle che lui eufemisticamente definisce «azioni consequenziali». 

E qui l’elenco si fa lungo: minacce telefoniche in piena notte, danneggiamenti, auto incendiate, perfino il sequestro di una villa vicino Casteldaccia. Che era stata di proprietà del padrino di Bagheria Michele Aiello. Due piani, da 160 metri quadrati l’uno, in cui Calì avrebbe voluto avviare una struttura turistico-ricettiva. L’immobile va all’asta nel 2013, e ad aggiudicarsi la gara è proprio l’imprenditore. Poco dopo, però, scatta per lui il sequestro per abusivismo edilizio. Una vicenda lunga cinque anni e che si è conclusa soltanto ieri, con l’assoluzione da parte del giudice Giuseppina Turrisi perchè il “fatto non sussiste”.

«Il pentito Antonino Zarcone – si legge nel secondo cartello all’ingresso di Calicar – racconta che i mafiosi locali, venuti a sapere dell’acquisto di un capannone ad Altavilla Milicia per l’apertura dell’autosalone (dopo l’incendio appiccato a Casteldaccia), lo volevano contattare per vedere di farlo mettere in regola e “fargli uscire qualcosa di soldi”, ma “questo non voleva sentire nulla di pagare estorsioni o di uscire soldi per quanto riguarda il mantenimento dei detenuti”. Lo stesso Zarcone dà il consiglio di “stare attenti a questo personaggio in quanto era facile a denunziare e di starci con le pinze”. Viva lo Stato, abbasso la mafia».

In vista dell’apertura della nuova attività Calì ha scelto poi di farsi affiancare da Daniele Ventura, il giovane di Brancaccio che ha dovuto chiudere la propria attività a Borgo Vecchio, nel 2012, dopo aver denunciato anch’egli i propri estorsori. Ventura ha scelto di raccontare la propria vicenda in un libro, intitolato Cosa nostra non è cosa mia, e presentato nella giornata di ieri alla Feltrinelli. Un incontro a tratti toccante, e che ha visto una partecipazione numerosa. E in cui il deputato all’Ars Giancarlo Cancelleri si è impegnato ad avviare una proposta di legge per supportare chi si ribella al racket, attraverso strumenti concreti come la sospensione dei debiti contratti a seguito delle denunce. In attesa, intanto, che Calicar veda la luce. «Tutto pronto, questione di qualche giorno» rassicura Calì. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]