Mafia, il potere a Librino «Agli Arena succederanno i Nizza»

Per gli Arena la famiglia era tutto. Non solo affetti e legami di sangue, ma anche la rete su cui poggiava il loro business a Librino e che ne garantiva il mantenimento. Ne è convinto il sostituto procuratore Francesco Testa della direzione distrettuale antimafia di Catania che ha coordinato l’indagine culminata nella cattura, martedì notte, di Giovanni Arena, latitante da 18 anni. Fino a oggi, per gli investigatori, il capo indiscusso del traffico di stupefacenti nella città satellite: un giro d’affari definito «vertiginoso» e che aveva il suo quartier generale nel cosiddetto palazzo di cemento. Ma adesso l’arresto di quello che viene considerato il boss di Librino potrebbe cambiare totalmente gli assetti, determinando l’ascesa dei rivali storici: la famiglia Nizza.

«Gli Arena sono un clan legato agli Sciuto-Tigna e quindi affiliati ai Cappello, ma sono sempre stati autonomi – spiega Testa –. La loro ricchezza poggiava sui traffici e soprattutto su una compagine familiare numerosa che, a sua volta, reclutava diversi giovani». Una forza che negli ultimi anni è venuta sempre meno, con l’arresto di quattro dei figli di Giovanni Arena e Loredana Agata Avitabile: Maurizio, Agatino Assunto, Antonino e Massimiliano, tutti catturati tra il 1999 e quest’estate. La stessa Avitabile è al momento detenuta a Lecce e il marito – ricercato dal 1993, dopo l’operazione Orsa maggiore – è stato adesso catturato. Restano liberi soltanto i due figli più piccoli e due figlie. Ma per il magistrato è improbabile che siano loro a prendere il comando dell’organizzazione. Agli Arena, spiega Testa, si sostituiranno i Nizza, altro clan autonomo ma affiliato ai Santapaola. «Nizza e Arena sono rivali storici – continua il procuratore – fino a poco tempo fa si sparavano con i kalashnikov dai balconi». Ma senza uccidersi. Perché, sottolinea, si tratta di guerre d’interessi e non per l’egemonia di un gruppo d’appartenenza: Santapaola per i Nizza, Cappello per gli Arena.

«La situazione criminale in città è ormai molto più fluida che in passato», spiega il magistrato. A un capo indiscusso con i suoi soldati si sono sostituiti diversi gruppi autonomi, riuniti in un cartello. «Un nome che è quasi una ragione sociale e che non corrisponde necessariamente alla vera dirigenza». Come nel caso dei Santapaola: ormai quasi un brand più che un sinonimo di forza. Il cambio di gestione di una piazza di spaccio importante come Librino potrebbe quindi non rivoluzionare gli equilibri dei due schieramenti. Dire che i Nizza si arricchiranno, per il magistrato non significa in automatico che cresceranno i Santapaola. Venuti meno i rapporti gerarchici, i gruppi gestiscono i propri business criminali in maniera autonoma. «Oggi essere affiliati – spiega – significa solo non farsi la guerra e versare una parte dei guadagni nella cassa comune». Nessun ordine e nessuna limitazione.

«Gli esponenti di oggi sono ormai di terza o quarta generazione – ricorda il sostituto procuratore – Non gliene importa nulla delle faide degli anni ’80». I racconti delle guerre di mafia non coinvolgono i nuovi rampolli della criminalità organizzata che, davanti ai possibili guadagni – soprattutto dal traffico di armi e droga – sembrano essere indifferenti anche alle storiche divisioni. Gli omicidi che lo scorso anno hanno insanguinato Catania e provincia non devono ingannare, ammonisce il magistrato: «Sono regolamenti di conti interni, per uno sgarro o un mancato pagamento». Non guerre tra fazioni. Gli ultimi episodi di questo tipo, ricorda Testa, risalgono al 2009 e sono firmati dai Carateddi. «Ma si tratta di frange violente», conclude. Gli altri, intanto, più che all’onore pensano all’economia.

[Foto di Kelina]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dopo l'arresto di quello che è considerato il boss della città satellite, cambieranno gli assetti criminali di una delle più importanti piazze di spaccio di Catania. Ne è convinto Francesco Testa, il sostituto procuratore della dda etnea che ha guidato le indagini. Che spiega: «Le due famiglie sono rivali, ma non si arriverà a una guerra. Le gerarchie nel crimine organizzato sono ormai degli stereotipi. Adesso contano solo gli affari»

Dopo l'arresto di quello che è considerato il boss della città satellite, cambieranno gli assetti criminali di una delle più importanti piazze di spaccio di Catania. Ne è convinto Francesco Testa, il sostituto procuratore della dda etnea che ha guidato le indagini. Che spiega: «Le due famiglie sono rivali, ma non si arriverà a una guerra. Le gerarchie nel crimine organizzato sono ormai degli stereotipi. Adesso contano solo gli affari»

Dopo l'arresto di quello che è considerato il boss della città satellite, cambieranno gli assetti criminali di una delle più importanti piazze di spaccio di Catania. Ne è convinto Francesco Testa, il sostituto procuratore della dda etnea che ha guidato le indagini. Che spiega: «Le due famiglie sono rivali, ma non si arriverà a una guerra. Le gerarchie nel crimine organizzato sono ormai degli stereotipi. Adesso contano solo gli affari»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]