Mafia e violenza sulle donne. Le botte per «la pasta e lenticchie a pranzo» e il caso della vittima minorenne

Un nuovo capitolo di un «percorso criminale» da aggiungere a quelli già scritti. Sono le parole utilizzate dal giudice per le indagini preliminari Fabio Pilato per tratteggiare la figura del 54enne Pino Rizzo, boss di Cerda, in provincia di Palermo. Un capomafia di paese cresciuto con il mito di Nino Giuffrè e di Bernardo Provenzano, al cui cospetto venne ammesso con un pizzino nascosto in un cioccolatino. Storie di mafia e aneddoti del passato resi pubblici dai racconti dell’ex moglie di Rizzo, la pentita Carmela Iuculano. Il nuovo capitolo della vita del boss di Cerda adesso è finito al centro dell’inchiesta sui nuovi assetti di Cosa nostra nelle Madonie. Ieri i carabinieri della compagnia di Cefalù hanno eseguito 13 provvedimenti di custodia cautelare e nell’elenco compaiono, oltre a Rizzo, il padre Giuseppe, 84 anni, e lo zio ergastolano Rosolino. Un’indagine nata all’indomani della scarcerazione del boss, l’8 febbraio 2019 dopo 17 anni passati dietro le sbarre, e all’invio di alcuni messaggi, tramite Facebook, ai figli conviventi con l’ex moglie Carmela Iuculano. Una sorta di tentativo di riconquistare i figli che l’uomo ha più volte manifestato sul popolare social network con messaggi di auguri e post. Nell’ultimo visibile, datato 31 dicembre 2022, Rizzo fa gli auguri di buon anno: «Che possa portarvi tutti quei regali che non si trovano sotto l’albero… Un abbraccio forte» e poi la dedica: «Ai miei figli».

Indagando su Rizzo i magistrati, guidati dal procuratore Maurizio de Lucia, sono riusciti a delineare il nuovo assetto mafioso della famiglia di Campofelice di Roccella e il ruolo che avrebbe rivestito il presunto capo mandamento Luigi Antonio Piraino ma anche un’altra donna: la nuova compagna di Rizzo, Giada Quattrocchi. Ritenuta «la principale confidente e consigliera» del boss. Nell’elenco delle contestazioni, oltre a diverse presunte estorsioni, sono finite però anche le accuse di maltrattamenti e violenza sessuale. Stando a quanto emerso, Pino Rizzo si sarebbe resto protagonista di una presunta violenza ai danni di una minorenne orbitante nella propria famiglia. Un comportamento «indegno», scrive il giudice, commentato dalla vittima e immortalato da una telecamera installata dagli investigatori in un terreno nei pressi di Campofelice di Roccella, in provincia di Palermo.

Di maltrattamenti in famiglia, invece, si sarebbe reso protagonista l’anziano padre del boss di Cerda, Giuseppe Rizzo. Vittime, in questo caso, la moglie e la figlia. Dal 2 aprile 2020 ai primi giorni del 2021 gli investigatori mettono una dopo l’altra sette intercettazioni ambientali che, stando all’accusa, dimostrerebbero le violenze perpetrate dall’uomo. Pugni sulle spalle, insulti e calci sferrati «in maniera abituale e senza alcuna ragione», si legge nell’ordinanza. «Sei una cosa inutile, puttana e tinta», avrebbe detto l’uomo a entrambe le donne. «Un po’ dà botte a me e un po’ a mamma», commenta la figlia mentre le microspie registrano. «Io sono priva di affacciarmi dal balcone – racconta la donna – ma che fa scherziamo o diciamo vero?». Altri passaggi riguardano la lentezza con cui la figlia avrebbe passato il termometro al padre, «mi ha preso per la faccia e mi ha sminnato», ma anche le lamentele per il cibo servito a pranzo: «Avantieri sono rimaste un po’ di lenticchie – spiega la donna – e ho fatto la pasta… ha iniziato a gridare e ha iniziato a stringermi il collo e poi legnate».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]