Mafia, arrestato Giovanni Arena Il boss ricercato da 18 anni

«Questa volta siete stati bravi. Da vent’anni sono in questa casa». Così Giovanni Arena, 56 anni, ha accolto gli agenti della squadra mobile di Catania che, alle due della scorsa notte, hanno fatto irruzione in un appartamento di Librino dove il boss si nascondeva da 18 anni. Una casa al secondo piano di uno stabile poco distante dal palazzo di cemento, centro del potere della famiglia Arena: gli agenti lo hanno trovato nascosto dietro a un letto a ponte.

L’operazione della squadra mobile è scattata nella notte, con l’irruzione in numerosi appartamenti del civico 5 del viale Moncada, a Librino, da sempre casa degli Arena. «In questi anni abbiamo perquisito l’appartamento in più occasioni – spiega Francesco Testa, sostituto procuratore della Dda di Catania che ha condotto le indagini – ma solo ieri abbiamo trovato il nascondiglio». Uno spazio ricavato nell’intercapedine di un armadio. Giovanni Arena era armato: aveva con sè una pistola calibro 9 millimetri con matricola abrasa. A dare il via all’irruzione, un’intercettazione ambientale che ha catturato il particolare timbro di voce del boss. La sua lunga latitanza è stata coperta magistralmente dalla famiglia: tutti – dalla moglie che ha fatto bonificare da eventuali microspie un auto considerata sospetta, ai nipoti che avevano il divieto di chiamarlo “nonno” per evitare che fosse riconosciuto – hanno contribuito a costruire un efficace sistema di sicurezza. Nei numerosi anni in cui le comunicazioni dei figli sono state intercettate, nessuno ha mai nominato il capofamiglia. Le telecamere nascoste, sono state puntualmente distrutte.

Latitante dal dicembre del 1993 – dopo essere sfuggito all’operazione Orsa maggiore contro la cosca Santapaola – il boss era inserito nell’elenco dei 30 latitanti più pericolosi d’Italia. Arena era ricercato per associazione mafiosa, detenzione di armi e traffico di droga. Da scontare anche una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Maurizio Romeo – detto Cavadduzzo, esponente della cosca rivale dei Ferrera – commesso nel 1989 ad Acicastello. Accusato di essere uno dei responsabili dell’incendio del 18 gennaio 1990 alla sede della Standa in via Etnea – contemporaneamente all’arrivo della commissione antimafia in città – da quell’accusa è invece stato prosciolto. Inizialmente molto legato alla famiglia Santapaola, secondo gli investigatori Arena sarebbe in seguito passato con il gruppo Sciuto-Tigna, alleato del clan Cappello, rivale dei Santapaola. Motivo del passaggio, secondo le indagini, la gestione dello spaccio a Librino, un giro d’affari che la polizia definisce «vertiginoso» e di cui Giovanni Arena risultava il capo indiscusso. Centro del suo potere il cosiddetto palazzo di cemento. «Conservava ancora un ruolo centrale e un forte potere – precisa Testa – perchè tutta la famiglia faceva riferimento a lui».

In carcere si trovano già i quattro figli maggiori di Arena e Loredana Agata Avitabile, 55 anni – considerata la zarina del palazzo di cemento – detenuta a Lecce: Maurizio, arrestato con l’accusa di omicidio nel 1999, Agatino Assunto, catturato lo stesso anno e condannato nel 2010 a 10 anni di reclusione per associazione mafiosa, Antonino, arrestato quest’estate dopo due anni di latitanza e Massimiliano, catturato nel 2007 e poi rinviato a giudizio per il tentato omicidio di un metronotte in servizio davanti alla guardia medica di Librino. Fuori restano il figlio maschio minore e due figlie femmine. Resta da capire se – da domani – la famiglia riuscirà ancora a gestire il business degli stupefacenti.

[Foto di Alberta Dionisi]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]