Mafia a Randazzo, riorganizzazione dei Laudani con Turi Sangani. Ombre su elezioni e «interferenze nei confronti del sindaco»

Sarebbe stato Salvatore Turi Sangani a reggere le fila del clan mafioso dei Laudani nel territorio di Randazzo, in provincia di Catania. Il dato è contenuto nell’ultima inchiesta antimafia, ribattezzata Terra bruciata, che ha colpito la città medievale. Sangani, a partire dal 2008, si sarebbe sostituito al fratello detenuto per triplice omicidio Oliviero Sangani. Per le comunicazioni il presunto reggente avrebbe utilizzato una rete di contatti telefonici riservati tramite sim intestate a ignari cittadini extracomunitari. Durante l’inchiesta è emerso l’immancabile utilizzo di nomi in codice per specificare i luoghi dei summit, gli stessi in cui Sangani avrebbe imposto ai sodali di non portare cellulari al seguito. Le persone coinvolte nel blitz, destinataria delle misure cautelari, sono 21 mentre per altre 13 è stato disposto l’avviso di conclusione delle indagini. Sotto la lente d’ingrandimento della procura di Catania, che ha delegato le indagini ai carabinieri del comando provinciale etneo, anche l’attività politica in città. In particolare per le amministrative del 2018 sono emerse «le interferenze del gruppo – si legge in una nota stampa inviata ai giornali- nei confronti del sindaco Francesco Sgroi, dell’attuale presidente del Consiglio Carmelo Scalisi e dell’ex consigliere Marco Crimi».

Negli affari del clan Sangani avrebbe ottenuto la collaborazione dei figli, Francesco e Michael, e del nipote Samuele Portale, con quest’ultimo che è stato indicato come vero e proprio braccio destro dello zio, tanto da essere stato incaricato di partecipare ad alcuni incontri con esponenti di altri clan mafiosi. Il clan dei Laudani di Randazzo avrebbe gestito un traffico di droga un vero e proprio arsenale oltre a occuparsi di estorsioni per il mantenimento degli affiliati detenuti. Il modus operandi prevedeva l’utilizzo di soggetti insospettabili e apparentemente sganciati dal sodalizio per avvicinare le vittime. Uno di loro è stato beccato dai carabinieri dopo avere riscosso quattromila euro da un imprenditore randazzese. Tra gli aneddoti legati al blitz c’è anche il fatto che Portale aveva chiamato i suoi due cani Messina e Denaro, con chiaro riferimento al latitante di Cosa nostra di Castelvetrano Matteo Messina Denaro.

I nomi degli arrestati:
Salvatore Sangani, detto Turi, 1964
Francesco, detto Paolo, Sangani, 1986
Samuele Portale, 1988
Pietro Pagano, detto Piero, 1981
Vincenzo Lo Giudice, detto Mastro, 1965
Salvatore Crasti Saddeo, detto u Niuru, 1976
Michael Sangani, 1995
Marco Portale, 1982
Francesco Gullotto, detto Ciccio, 1977
Fabrizio Rosta, detto Panzerotto, 1991
Vincenzo Gullotto, detto Breakdance, 1974
Giuseppe Costanzo Zammataro, detto Pippo u pazzu, 1963
Giuseppe Sciavarello, 1980
Alfredo Mangione, detto u Cumpari, 1968
Daniele Camarda, detto Parillitta, 1970
Salvatore Bonfiglio, 1990
Salvatore Russo, 1996
Christian Cantali, detto San Martino, 1997
Francesco Rapisarda, detto Ciccio Ninfa, 1975
Antonino Lupica Tonno, 2001


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Sarebbe stato Salvatore Turi Sangani a reggere le fila del clan mafioso dei Laudani nel territorio di Randazzo, in provincia di Catania. Il dato è contenuto nell’ultima inchiesta antimafia, ribattezzata Terra bruciata, che ha colpito la città medievale. Sangani, a partire dal 2008, si sarebbe sostituito al fratello detenuto per triplice omicidio Oliviero Sangani. Per […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]