Madonie, tre milioni per la riqualificazione urbana Ficile: «L’obiettivo è contrastare lo spopolamento»

«L’obiettivo è di invertire o rallentare il declino demografico. Sappiamo che rispetto a sfide così complesse non bastano strumenti singoli. Sicuramente questo progetto può costruire le condizioni per ridare voce e speranza a chi desidera restare, ma servono scelte lungimiranti, di lunga durata, e azioni strutturate». Ne è convinto o almeno se lo augura Alessandro Ficile, il presidente della Società Sviluppo Madonie capofila di un progetto per la riqualificazione urbana delle periferie nel palermitano. Ideato e diretto da I World, capofila Sosvima, il piano I Art: il Polo diffuso per la riqualificazione urbana delle periferie dei comuni delle Madonie è finanziato da un bando della Presidenza del Consiglio, con un corposo stanziamento complessivo che ammonta a 3 milioni e 100 mila euro, provenienti dal Fondo di Sviluppo e Coesione

Partito la scorsa estate, il programma coinvolge 18 centri nel palermitano: Alimena, Aliminusa, Bompietro, Caltavuturo, Castelbuono, Cerda, Geraci Siculo, Gratteri, Lascari, Petralia Soprana, Petralia Sottana, Polizzi Generosa, Pollina, San Mauro Castelverde, Sciara, Scillato, Sclafani Bagni e Valledolmo. Il progetto punta innanzitutto alla riqualificazione urbana delle periferie dei Comuni aderenti e la loro messa in rete; al miglioramento della qualità del decoro urbano; al potenziamento delle prestazioni e dei servizi di scala urbana, tra i quali lo sviluppo di pratiche del terzo settore per l’inclusione sociale; e l’adeguamento delle infrastrutture destinate ad attività e servizi sociali e culturali, educativi e didattici.

Da questo punto di vista, su 9 dei 18 edifici interessati dal progetto verranno realizzati interventi di ristrutturazione e di adeguamento al fine di renderli funzionali alla nuova destinazione d’uso. Sono state già completate le procedure di appalto ed entro la fine del mese dovrebbero essere consegnati i lavori con l’apertura dei cantieri. Gli obiettivi si coglieranno anche attraverso l’attivazione di azioni integrate con la realizzazione e messa in rete di punti di ritrovo polivalenti allestiti con attrezzature multimediali. «Il progetto consentirà di intervenire sui immobili comunali fatiscenti o inutilizzati – conferma Ficile -. In nove di questi saranno realizzati una serie di interventi di riqualificazione, mentre in tutti i 18 enti saranno realizzati dei centri culturali polivalenti finalizzati all’attivazione di momenti di partecipazione ed elaborazione condivisa da parte delle comunità. Veri e propri laboratori di orientamento su una serie di temi fortemente identitari del territorio riferiti alla cultura materiale e immateriale». 

Tra le finalità, inoltre, anche la creazione di reti e networking, come la piattaforma ‘Milleperiferie’ per la messa a sistema di progetti di rigenerazione urbana; l’avvio di laboratori e attività di orientamento per l’animazione territoriale e lo sviluppo di competenze; la realizzazione di interventi di street art e arte urbana. «Ogni centro culturale polivalente avrà un tema di riferimento – suggerisce ancora il direttore di Sosvima – come il museo del mare di Pollina, mentre una seconda fase prevede l’elaborazione condivisa con le comunità di quelli che saranno i contenuti da far veicolare». Il tutto verrà ulteriormente rafforzato con l’intervento di artisti nazionali e internazionali che assieme ai giovani talenti locali avranno la possibilità di realizzare delle performance.

La parola d’ordine è sempre quella di invertire il trend di spopolamento che flagella da anni le Madonie. «Il dato dell’ultimo censimento Istat è una fotografia spietata a livello regionale – ammette Ficile -, che racconta negli ultimi anni la fuga di oltre 400 mila giovani. Se pensiamo che Palermo ha perso nello stesso periodo circa 15mila abitanti, non è difficile immaginare che dal territorio madonita negli ultimi quattro anni saranno andate via almeno 4-5mila persone». È indubbio che uno dei motivi va ricercato nella mancanza cronica di lavoro ma, subito dopo, ci sono delle motivazioni «strettamente connesse all’impossibilità di avere dei luoghi di socializzazione all’interno dei quali fare emergere i cervelli. Questi centri polivalenti devono assolvere anche a questa funzione, valorizzare questi talenti mettendoli in rete con altri nazionali e internazionali» conclude.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]