M5s, Cancelleri si tira indietro dalla corsa alle primarie «Discussione su terzo mandato è diventata personale»

«Ieri nel primo pomeriggio ho chiamato il presidente Giuseppe Conte comunicandogli di non essere più disponibile alla candidatura e, in un certo senso, anche scusandomi per l’imbarazzo causato rispetto a determinate domande e ho esteso le stesse scuse a tutto il Movimento». Giancarlo Cancelleri si chiama fuori dalla corsa per diventare l’alfiere del Movimento 5 stelle nelle primarie del fronte progressista. Lo fa comunicando le sue ragioni in una conferenza stampa dai toni pacati, dopo settimane in cui la discussione sull’opportunità di una deroga per un terzo mandato, in particolare per lui – che di mandati alla Regione ne ha già incasellati due – rischiava di avvelenare oltremodo un clima già rovente di suo per le difficoltà affrontate dal Movimento nell’ultimo periodo. 

E proprio la discussione sul terzo mandato è stata all’origine del passo indietro di Cancelleri, che da par suo non smentisce la narrazione fatta a mezzo stampa degli sviluppi che hanno portato a questa decisione. «La discussione a Roma è diventata a tratti paradossale – racconta – Non si è parlato di quella che poteva essere la rivisitazione di una regola fondante, di una riflessione approfondita, serena, riguardo al potere in qualche modo cambiare un percorso. Questa discussione è andata a finire completamente sopra di me. Non me la sono sentita – aggiunge – di diventare il centro di discussione di una vicenda molto seria e che va affrontata con serietà sempre e vedere i due esponenti di punta del Movimento 5 stelle, Giuseppe Conte e Beppe Grillo, essere messi in difficoltà davanti alle telecamere da domande sulla mia persona».

Da qui la rinuncia. «Non mi sono scusato per una colpa specifica, per carità, perché credo di non averne, ma perché non volevo che la narrazione diventasse quella. La discussione generale sul terzo mandato riguarda tutti, ci sono sei colleghi alla Regione che attendono una risposta per potersi candidare o tornare alle proprie professioni». Il tempo per presentare il nome in ogni caso stringe, con il limite massimo fissato per stasera alle 23.59 e i contendenti, a questo punto, restano tre. «Rimangono in campo delle valide alternative che non hanno bisogno di alcun tipo di deroga – prosegue il sottosegretario – Oggi conoscerete il nome del nostro candidato alla presidenza. Che io sappia i nomi al momento sono quelli di Nuccio Di Paola, Luigi Sunseri e Barbara Floridia».

Cancelleri ribadisce la sua affezione nei confronti del Movimento 5 stelle e rilancia la sua azione dichiarando di non vedere l’ora di entrare in campagna elettorale. «Non esco dal Movimento, perché io non esco da casa mia. Noi questo movimento in Sicilia abbiamo contribuito a fondarlo e lo abbiamo fatto diventare la nostra casa. La spugna non la getto e non la getterò, sarò in prima linea sia nelle primarie che nella campagna elettorale regionale. Continua una grande avventura che non è fatta di singoli, ma – conclude – di gruppi e, secondo me, nelle prime ore del pomeriggio potremo avere il nome del candidato».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]