Long drink/ Gli effetti sociali del ‘caso’ Dell’Utri

Una premessa: non siamo giuristi. Solo giornalisti. E osservatori della realtà. Cioè della vita di ogni giorno. Compresi i processi. Comprese, quindi, le sentenze. A cominciare da quelle pronunciate dalla Cassazione.

Chissà perché ci siamo un po’ abituati ad immaginare i giudici della Suprema Corte come uomini irragiungibili. E in parte questo è anche vero, perché chi arriva ad occupare un posto così importante nella nostra società deve avere delle qualità fuori dal Comune. A parte la preparazione tecnico-giuridica – che va data per scontata – ci riferiamo alle qualità umane. E la prima tra tutte dovrebbe essere l’equilibrio.

Le sentenze della Cassazione, al di là degli aspetti giudirici che lasciamo ai tecnici del diritto, colpiscono, spesso, per l’estrema lucidità e per l’estrema chiarezza con la quale descrivono i fatti. Per questo dà un po’ di fastidio sentire certi politici citare alcune sentenze della Corte di Cassazione per giustificare fatti che non sono né lucidi, né chiari. E magari utilizzano certe sentenze per rendere meno lucidi e meno chiari certi fatti.

Confessiamo, ad esempio, che ci siamo molto divertiti nel leggere la sentenza pronunciata dalla Suprema Corte sul ‘caso’ di Marcello Dell’Utri. I giudici hanno annullato la sentenza di condanna rinviandola alla Corte d’Appello. I teorici dell’ ‘innocentismo’ da predicare sempre e comunque avranno di certo appreso la notizia esultando. Chissà, poi, che faccia avranno fatto leggendo quello che c’era scritto in questo ‘annullamento con rinvio”.

I fatti sono noti e non ci sembra il caso di ripeterli. In pratica, i giudici, nel rinviare il processo in Corte d’Appello, descrivono, per filo e per segno, le responsabilità di Dell’Utri e chiamano in causa anche Silvio Berlusconi. E lo fanno con estrema chiarezza e con estrema lucidità. Citando fatti legati tra loro da un’estrema logicità.

Qualcuno ha visto in questa sentenza della Cassazione un ‘passo’ diverso rispetto alla sentenza che ha assolto dal reato di concorso esterno in associazione mafiosa l’onorevole Calogero Mannino. Secondo noi – ed è un nostro giudizio – le due sentenze si complementano. Mannino è stato assolto in bse al principio secondo il quale il concorso esterno, per essere tale, deve far conseguire ai mafiosi un risultato concreto.

Nel caso di Dell’Utri ciò sarebbe avvenuto. Dell’Utri, secondo la Cassazione, avrebbe esercitato “i poteri d’influenza che gli derivavano dalla precisa collocazione ne mondo imprenditoriale dell’epoca e dai rapporti personali con i vertici di ‘cosa nostra’… conseguendo un risultato concreto, cioè quello dell’esborso, da parte dell’area Fininvest, di somme cospicue…”.

Come si può notare, le due sentenze non sono affatto in contraddizione. La differenza sta nel fatto che la sentenza Mannino continuerà ad essere citata da chi deve difendere un imputato dal concorso esterno in associazione mafiosa. Anche con qualche forzatura.

E’ molto discutibile, ad esempio, che un politico che frequenta abitualmente mafiosi si difenda con la sentenza Mannino. Chi ci assicura – e lo diciamo da cittadini – che la frequentazione, se continua e magari comprovata da accordi elettorali, non configuri “risultati concreti” all’organizzazione a delinquere di tipo mafioso denominata ‘cosa nostra’? Qual è il criterio per definire i “risultati concreti’? E’ solo questione di soldi o ci potrebbe essere dell’altro, magari il potere?

Negli anni ‘70 e negli anni ‘80, quando si era in presenza di politici che intrattenevano rapporti con la mafia – e la Sicilia ne presentava una certa ‘varietà’ nella Dc e anche in altri partiti – per provare ad allontanarli dal mondo del politica si diceva: “Cè un criterio giudiziario e c’è un criterio politico”. Era un modo per dire che non c’era – e non ci sarebbe anche oggi – bisogno di un processo per tenere lontano dal mondo politico certi personaggi: concetto, questo, chiarito molto bene dal giudice Paolo Borsellino.

Oggi – rispetto ad allora – siamo tornati indietro. Se è vero che c’è chi teorizza che intrattenere rapporti con la mafia è quasi lecito, a patto che la mafia non tragga da questo rapporto “risultati concreti”.

Se un’interpretazione superficiale – e anche un po’ sofistica – delle sentenza Mannino ha dato forza a un ragionamento un po’ aberrante, la speranza è che la sentenza Dell’Utri ottenga, sul piano sociale, l’effetto opposto.

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]