L’intervento della proff Arcara

Cara Silvia,
grazie per il suo messaggio. Ecco i miei commenti. Se volesse pubblicarli le sarei grata.
Al piacere iniziale che ho provato nell’apprendere della mia popolarità è
seguito un forte senso di delusione non appena finito di leggere l’articolo su Step1. Tralasciando la palese non rappresentatività di una classifica che si basa su una trentina di opinioni, quando la nostra Facoltà ha una popolazione studentesca nell’ordine delle migliaia, mi chiedo quale sia il senso della domanda a conclusione del sondaggio su chi sia il “migliore” o “peggiore” docente, senza specificare di quali qualità o difetti si tratti, di cosa esattamente si stia parlando. Metodo d’insegnamento e di valutazione? Attualità dei programmi? Oppure simpatia o antipatia personale che il docente ispira, o peggio, facilità o meno nel passare l’esame? Lasciando vaghi i criteri si rischia, come è avvenuto, di scadere in ragionamenti da scuola media per cui la
docente che esige livelli seri di preparazione, e quindi maggiore impegno di studio, è la più “cattiva”.

Se penso di meritarmi il successo? Dipende da quale sia stato il metro di
giudizio. Se, nello stesso sondaggio, una docente viene votata tra le
“peggiori” perché “non fa passare gli scritti neanche a morire” (cito
testualmente), se il criterio per giudicare il valore di una docente è questo, allora non mi sento affatto lusingata dal primo posto da me ottenuto. Perché vuol dire che se la mia materia prevedesse esami scritti, allora sarei tra le peggiori!

E’ evidente a chiunque abbia un minimo d’intuizione che il ragionamento dietro la “bocciatura” della Prof. Fabiani sia grosso modo: “odiamo la prof perché non fa ci passare agli scritti”. Ma davvero, mi chiedo, gli studenti pensano che noi docenti proviamo un piacere sadico nel bocciare?
E’ lo stesso discorso che ho sentito fare spesso per la cattedra di inglese, cioè si accusano i docenti di “non fare passare gli scritti”. A mio parere, la Prof. Fabiani semplicemente pretende un livello di lingua spagnola DECENTE. E non basso come ai tempi in cui io stessa ero iscritta a questa università, tempi in cui si diceva “fai spagnolo, tanto è facile” (quanti di voi hanno scelto spagnolo pensando questo? Siate onesti).

Se non passate gli esami scritti di spagnolo, di inglese o di qualunque lingua, forse non è perché la prof è antipatica, come è comodo pensare, forse invece è perché non avete studiato abbastanza, non avete frequentato le lezioni e, in particolare per lo spagnolo, perché le vostre allegre aspettative sulla semplicità di questa lingua – in realtà altrettanto difficile, grammaticalmente, quanto il francese e il tedesco – vengono deluse. Se non si passa lo scritto di spagnolo “neanche a morire”, forse a studiare sì.

Ritengo che si debba apprezzare che la nostra Facoltà, e in particolare
l’istituto di spagnolo, proponga un tipo di studio serio e un livello di
insegnamento di lingua e letteratura che fanno invidia a università prestigiose nel resto d’Italia. Trovo che il ragionamento di certi studenti, incoraggiato dalla vostra domanda generica, secondo i quali “E’ la prof che non fa passare gli scritti” (e per questo è tra le peggiori!!) sia profondamente limitato e, lasciatemelo dire, anche meschino.

In conclusione, ringrazio gli studenti per la stima, ma solo quelli che mi hanno votata per ragioni serie, perché hanno apprezzato i miei programmi e il mio metodo didattico. Rifiuto invece la popolarità che potrebbe provenirmi da ragionamenti puerili come “è una materia piccola” o “la prof è buona agli esami”. In altre parole, se il metro di valutazione è lo stesso utilizzato per “vendicarsi” di una delle milgiori docenti in assoluto di questa Facoltà, la Prof. Fabiani, una persona che, vorrei ricordarlo, è sempre presente, su due sedi, a lezione e al ricevimento e non esita a prestare i propri libri agli studenti.
Cordialmente,
Stefania Arcara


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Cara Silvia,grazie per il suo messaggio. Ecco i miei commenti. Se volesse pubblicarli le sarei grata.Al piacere iniziale che ho provato nell’apprendere della mia popolarità èseguito un forte senso di delusione non appena finito di leggere l’articolo su Step1. Tralasciando la palese non rappresentatività di una classifica che si basa su una trentina di opinioni, quando […]

Cara Silvia,grazie per il suo messaggio. Ecco i miei commenti. Se volesse pubblicarli le sarei grata.Al piacere iniziale che ho provato nell’apprendere della mia popolarità èseguito un forte senso di delusione non appena finito di leggere l’articolo su Step1. Tralasciando la palese non rappresentatività di una classifica che si basa su una trentina di opinioni, quando […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]