Lingue e i suoi corsi di giornalismo

Una mattinata nella “mitica” stanza 130, può trasformarsi in occasione ghiotta per chi è alla caccia di informazioni sui corsi extra-curriculari organizzati dalla facoltà di Lingue di Catania. I corsi sul “giornalismo” (in senso lato) organizzati quest’anno sono letteralmente stati presi d’assalto dagli studenti, eccezion fatta per l’unico corso che dà uno sbocco immediato nel campo pratico: Il giornalismo on line, che come sbocco naturale ha la collaborazione con la redazione dell’ormai rodato Step1. Una tendenza diametralmente opposta a quella che si verificò l’anno passato, in cui si faceva letteralmente a pugni per poter seguire i corsi tenuti dal giornalista Gianluca Reale.

Abbiamo chiesto a Enzo Ierna, coordinatore dell’ufficio area didattica per il Medialab di parlarci di questi corsi. E’ da lui che gli studenti che aspirano a partecipare ai corsi Medialab, vanno a far domanda e relative iscrizioni.

Enzo, qual è il motivo che secondo te ha portato al calo degli iscritti al corso di giornalismo sul web?

”Il fatto che abbiamo quest’anno creato altri laboratori sul giornalismo, tra cui “Giornalismo Sportivo”, curato dal dottor Fabio Chiari e “il Reportage”, curato dal dottor Fabio Gallina, non basta a giustificare un calo così netto per il corso del giornalismo sul web. Quest’anno abbiamo deciso di creare dei nuovi corsi di giornalismo, visto il sovraffollamento del corso di Gianluca Reale sul giornalismo on line dell’anno scoso, prevedevamo per quest’anno un interesse crescente nei confronti del gironalismo sul web che, spesso, viene scelto come ripiego alla mancanza di posti nei corsi da loro ricercati.”

I ragazzi alla ricerca di un Medialab che calzi a pennello con le loro ambizioni e le loro capacità, ignorano probabilmente che, nonostante il tentativo di una sinergia di intenti tra laboratori simili, quello con lo sbocco più immediato sul campo pratico, è proprio quello da loro snobbato: il laboratorio sul giornalismo on line. Non appena concluso il corso, i partecipanti possono immediatamente insediarsi nella redazone di Step1 e cominciare a “fare”. Molti lamentano nell’università italiana la mancanza di una preparazione pratica al mondo del lavoro; quando una facoltà nel suo piccolo, cerca di provvedere a queste gravissime lacune, viene spesso ignorata. Mancanza di fiducia? Chissà…

La mattinata nella stanza 130, “patria” dell’ufficio area didattica, non smette di stupirmi. Propio nel momento in cui mi appresto a chiedere le motivazioni che spingono i ragazzi a scegliere il corso sul giornalismo on line, entra una ragazza che, con fare furtivo, proclama la sua adesione al corso sul giornalismo sportivo. Enzo Ierna si trova costretto a dirle di rinunciare in quanto il numero limite è stato da tempo raggiunto. Allora la ragazza non demordendo chiede come fare per avere i 3 crediti a scelta libera. Enzo, un po’ rassegnato e un po’ annoiato da quella scena che si ripete quotidianamente, indirizza la ragazza verso altri lidi: il corso sul giornalismo on line. Dopo le dettagliate spiegazioni del caso, la ragazza si mostra entusiasta di dover partecipare al corso di Gianluca Reale.

Enzo, succede spesso che i ragazzi cambino idea non appena capiscono in cosa realmente consiste il corso sul giornalismo on line?

“Succede spessissimo, è per questo che sostengo che vi è una forte disinformazione; probabilmente le voci di corridoio insistenti (e sbagliate). Ma ti assicuro che quotidianamente assisto alle stesse scene. I ragazzi per rassegnazione si vedono costretti a scegliere il giornalismo sul web, ma non appena comincio con le solite spiegazioni di rito, i loro sguardi diventano improvvisamente attenti e interessati.”

Nel frattempo arriva una telefonata; è una ragazza inglese che fa l’Erasmus. Speriamo sia carina, dato che sta per arrivare. bussano alla porta, è lei. Khem è il suo nome, ed è pure carina; chiede di poter partecipare a uno dei corsi Medialab. Enzo la indirizza sul giornalismo on line. Le spiegazioni di rito sono brevi ed esautive. La ragazza, nonostante il suo ottimo italiano, rimane perprlessa ed esprime il suo dubbio e, dopo qualche secondo di imbarazzante silenzio: “Ma è il cuorsuo gratis?”. “Totalmente” è la risposta di Enzo. Lo sguardo della ragazza rimane perso nel vuoto per qualche istante. Il ghiaccio viene rotto da un’ esclamazione di piacevole stupore “Oh wonderfull!!!”.

Capita spesso che i ragazzi si stupiscano del fatto che i corsi  Medialab organizzati dalla facoltà di lingue siano gratuiti?

“Purtroppo si stupiscono solamente gli studenti di altre facoltà, che guardano con piacevole ammirazione ai nostri corsi e spesso vi partecipano (dato che sono aperti a tutti, per noi è un piacere accoglierli). Problema diverso per gli studenti viziati di lingue, che molto spesso guardano con troppa noia ai nostri corsi, vivendoli come un obbligo, senza pensare all’importanza che assume il loro valore pratico”.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]