L’importanza del pensiero divergente

La scuola non può più limitarsi a trasmettere contenuti, ma deve soprattutto formare. Formare spirito critico, autonoma capacità di giudizio ecc. ecc. Belle parole che però non devono rimanere solo nelle programmazioni dei docenti, ma devono essere calate nella pratica quotidiana, messe in atto, perché la responsabilità che ognuno di noi ha nei confronti dei ragazzi è grandissima. Non possiamo sprecare l’opportunità di dare loro quegli “insegnamenti” che, superati gli anni del liceo, nessuno potrà più offrire.

Nella nostra società, bersagliata da continui messaggi pubblicitari più o meno subliminali, da fiction soap reality, stordita da notiziari sempre più uniformati, come possono difendersi gli adolescenti se non si insegna loro a “discernere”, a fare delle scelte, oggi, che li rendano, un giorno, autori del proprio destino e non solo passivi spettatori? Si comincia dalle piccole cose. Riuscendo a distinguere, ad esempio, un libro intelligente da un prodotto commerciale, oppure un film di qualità da uno di cassetta. Per questo, per il secondo anno consecutivo al liceo galileo Galilei abbiamo chiamato per uno stage nell’ambito del Laboratorio sui linguaggi della comunicazione organizzato da Maria Luisa Nocerino, Pinelda Garozzo e da me, il regista Aurelio Grimaldi. Una carriera da personaggio scomodo alle spalle, e tanti progetti bloccati o interrotti dalla cronica mancanza di fondi che travaglia il cinema d’autore. Ma tanta energia per continuare per la sua strada senza farsi scoraggiare dalle difficoltà e tanta voglia di “aprire gli occhi ai giovani” con la sua particolare maieutica!

Il titolo che ha scelto per i due pomeriggi da trascorrere con i ragazzi del Galilei è provocatorio e illuminante: “corso introduttivo per aspiranti registi, sceneggiatori, attori, o almeno, cittadini consapevoli del potere degli audiovisivi”. Dopo una breve premessa in cui ha sottolineato soprattutto l’importanza di possedere un “pensiero divergente”, che sia proprio e non coincida necessariamente con quello degli altri, siano essi amici o anche professori; e della “dissonanza cognitiva” che consente di non farsi condizionare da adulazioni o altre considerazioni positive espresse nei nostri confronti, è passato subito a smascherare i “trucchi” del cinema holliwoodiano. E per farlo ha scelto un film ammirato dal pubblico e dalla critica, un film che contiene comunque un forte messaggio positivo: Philadephia, con Denzel Washington e Tom Hanks, premiato con l’Oscar come attore protagonista.
Ma scopriamo i principali “trucchi”.

Il protagonista, un giovane avvocato già al vertice della carriera, non ci è presentato subito come personaggio positivo, questo per renderlo più simpatico in seguito, soprattutto quando si scopre malato di Aids.
Quando Hanks è licenziato dallo studio di avvocati presso cui lavora non trova nessun collega disposto a difenderlo e alla fine si rivolge a Washington, che naturalmente rifiuta, restando in linea con il personaggio che rappresenta, avvocato che si fa pubblicità in televisione, distribuisce biglietti da visita a potenziali clienti, è mosso solo dall’interesse e accetta solo cause in cui è sicuro di vincere. In aggiunta a tutto questo è omofobo, mentre Hanks è gay. Ci sono decine di film holliwoodiani in cui l’eroe buono chiede inutilmente aiuto e trova un rifiuto anche da parte di chi poi invece finirà per difenderlo. E così l’avvocato spregiudicato, dopo aver superato una serie di prove ed aver fatto chiarezza dentro di sé, accetterà la difesa del povero collega malato e discriminato per la sua malattia e, manco a dirlo, schiaccerà gli avversari, i cattivi della situazione. Naturalmente dopo aver superato infiniti ostacoli che servono a rendere poi più piacevole il lieto fine. Le funzioni della fiaba di Propp sono perfettamente rispettate e il film viene incontro alle nostre emozioni e ci guida per mano dove vuole. Moltissimi altri elementi Grimaldi ha sottolineato per mettere in luce le mistificazioni operate da cinema americano per “organizzare i nostri sentimenti” e procurarci emozioni molto forti che ci portano ad identificarci con il buono perseguitato. A differenza del cinema d’autore che non ha paura di mostrarci i difetti del personaggio (un esempio per tutti Accattone di Pasolini) a Holliwood ci sono solo buoni buoni  o cattivi cattivi.

E alla conclusione dello stage molti ragazzi sono intervenuti al dibattito, alcuni hanno difeso il film, mostrando di aver già messo in atto il “pensiero divergente”, altri hanno rivelato inattese capacità critiche e di osservazione sottolineando aspetti tipicamente “holliwoodiani” che non erano stati ancora messi in luce. Vuol dire che il meccanismo funziona ancora, basta dargli una spinta per rimetterlo in moto! E per fortuna la coscienza dei ragazzi si risveglia ancora con una certa facilità, basta toccare i tasti giusti.

Gloriana Orlando

docente presso il Liceo Scientifico “Galileo Galieli” di Catania


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]