Licata: Spino, il randagio messo in salvo dal volontario «Grazie a Ciccio, vuole bene ai cani come alle persone»

In tutte le storie tristi c’è una zona franca di felicità, dove il destino si mescola alla vita; in ogni catastrofe si apre uno spiraglio di speranza. Anche oggi,
mentre Licata sprofondava sotto la pioggia battente, si è ripetuto il rito dell’altruismo nella sua accezione più nobile e pura: il salvataggio di una vita. Stavolta, a essere strappato dalle grinfie della morte è un randagio. Questa è la storia di Ciccio, Spino e Katharina, e oggi i loro percorsi si sono intrecciati in un rapporto che li renderà, almeno idealmente, inseparabili, a partire da questo 19 novembre burrascoso. Fino a quando lo vorranno.

Licata, ore 10. La pioggia imperversa sulla città, che inizia ad allagarsi nel panico generale. Su Facebook i primi video e le prime notizie delineano i contorni di quello che da lì a poco sarebbe diventato un incubo che la città non viveva da decenni. Tutti intrappolati dentro un centro abitato che si continua a riempire di acqua piovana, e un fiume in mezzo che minaccia l’esondazione. Ed è proprio nei pressi del Salso, lo stesso Himera alla cui foce i treni lenti di Quasimodo portavano mandorle e arance, che si sta per consumare una tragedia. Due persone sono chiuse dentro un panificio, mentre il livello dell’acqua aveva già raggiunto metà dell’altezza della saracinesca; nel frattempo, Francesco Cosentino, detto Ciccio, operatore della Guardia Costiera Ausiliaria di Licata, si trova in zona per offrire il proprio supporto agli abitanti del quartiere Oltreponte

L’uomo si accorge delle persone bloccate all’interno del locale e accorre ad aiutarli: passando attraverso una finestra rimasta aperta riesce, così, a portare in salvo le due persone. Oltre loro, però, ad essere rimasto imprigionato in quella stanza c’è
Spino, randagio della zona e amico di Katharina. Ma spostiamoci un attimo a casa di quest’ultima. La giovane licatese oggi è rimasta a letto per un malessere e non ha potuto accudire, come fa ogni giorno, Spino e i cani che vivono in giro per l’isolato. «Spino e gli altri – racconta la ragazza – abitano sotto il ponte perché è lì che facevano compagnia a un senzatetto, che poi è morto. Adesso, siamo io e la signora dell’edicola a prenderci cura di loro, ma oggi non è stato possibile perché stavo poco bene e sono rimasta a casa. Quando ho ricevuto la notizia dell’alluvione e ho realizzato che Spino era in pericolo, mi sentivo inerme: non sapevo come poterlo aiutare. Poi ho visto la foto dell’uomo che lo traeva in salvo». 

Proprio Ciccio, che «vuole bene ai cani come alle persone». Come si può osservare nel video, Cosentino porta il cane in braccio, per poi liberarlo quando arriva in un posto sicuro. «Non assistevo a scene del genere da più di quarant’anni: tutti bloccati, ambulanze, crolli e voragini, vite umane a rischio», dice Ciccio. Così Spino, che secondo alcuni in queste ore si trova al caldo di un garage, è stato salvato e adesso cerca casa. «Ringrazio infinitamente Ciccio – afferma Katharina – perché non è da tutti compiere un gesto simile:
avrebbe potuto aiutare solo le persone. Io in questi giorni non posso uscire di casa: mi auguro che qualcun altro lo accudisca al posto mio. E lancio un appello a chiunque abbia un po’ di spazio a casa: lo prenda con sé, è un coccolone e va d’accordo con tutti. Ma soprattutto ne ha davvero bisogno: ha una zampetta lesionata e ha bisogno di cure».

Adesso la pioggia sembra essersi placata, ma il legame, anche se indiretto, nato oggi tra Ciccio, Spino e Katharina seminerà sicuramente qualcosa di profondo e genuino, come questo cane che si chiama così a causa del suo pelo ispido (spinoso, appunto), ma al quale la vita ha riservato un destino più soffice. La sua foto è già diventata virale. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]