Licata, difensore fa quattro gol in una partita Non era mai accaduto nei campionati italiani

Due
colpi di testa e due rovesciate: quattro gol, e il Licata Calcio è ancora una volta nella storia del calcio italiano. In questo caso non sono stati né Zdenek Zeman né Maurizio Schillaci a far risuonare il nome del club gialloblu in lungo e in largo per lo Stivale, bensì le prodezze di Salvatore Maltese, 24 anni da Marsala. 

La notizia è che
un difensore non aveva mai segnato quattro gol in una partita, in nessuna categoria del campionato italiano. Men che meno violando la rete avversaria così tante volte nel giro di 12 minuti, e realizzando la metà delle marcature con altrettante rovesciate. Sicuramente un record, se si pensa che l’unico difensore a realizzare tre gol in un solo match, ma tutti su calcio da fermo, era stato Sinisa Mihajlovic, in un Lazio-Samp della stagione 98/99.

https://www.facebook.com/LegaDilettanti/videos/1072701492782992/

Tutto questo è successo domenica scorsa in quel di
Campofranco, quando la compagine licatese, sotto di due gol, ha improvvisamente rialzato la testa e letteralmente bombardato la squadra di casa con un cecchino d’eccezione: Totò Maltese, appunto. «Durante i primi 10-15 minuti stavamo giocando bene – racconta il difensore-bomber – poi loro sono passati in vantaggio e per noi è stata una mazzata a freddo: non ci aspettavamo un goal praticamente dalla bandierina. Abbiamo abbassato il baricentro e subìto le loro avanzate, incassando così il secondo gol per un nostro errore difensivo». 

Poi, l’inverosimile: punizione per il Licata e gol di Maltese di testa dal secondo palo; angolo per gli ospiti, batti e ribatti e rovesciata vincente del marsalese; angolo per i gialloblu, palo di Armenio e appoggio in rete del numero 5 licatese; punizione di Settecase diretta in porta, parata e seconda rovesciata di Totò Maltese, che a questo punto diventa l’idolo di tutti i tifosi (anche di quelli avversari). Con dediche a moglie, la giovane giornalista Michela, e figlia, la piccolissima Chiara. «Non ci credo ancora – prosegue il calciatore – e sono contento perché questi quattro gol (assieme a quello di Favaro) hanno permesso al Licata di risalire la china della classifica fino a posizionarsi al secondo posto, e a tre punti dalla prima. Questo Licata può dire la sua, sicuramente è una squadra di vertice».

Un poker diventato presto anche virale. «Da quando la pagina della Lega Nazionale Dilettanti – sorride la moglie
Michela – ha condiviso il video, Totò è stato sommerso da richieste di amicizia su Facebook, telefonate e messaggi. Finora le visualizzazioni sono circa 350mila, i like oltre 4300, le condivisioni quasi 1600». Fuori dalle righe anche i commenti: da «era Schevchenko travestito da Maltese» a «lo prendo al fantacalcio», passando per un più analitico «ha esultato quattro volte allo stesso modo». «C’è stato anche chi ha invocato la presenza di Sant’Angelo (il patrono di Licata) durante la partita – confessa Maltese -. Io ringrazio tutti di cuore, e ho la testa già alla prossima gara col Troina. Ai tifosi chiedo di continuare a seguirci, noi penseremo a dare il 110 percento per sudare questa maglia importante: è il minimo che possiamo fare per loro». 

E mentre in tutto il paese si parla delle gesta di questo calciatore con
trascorsi anche in club di serie C (Avellino, Pro Patria), lui passeggia serenamente con le donne della sua vita per i vicoli della Marina, desideroso di scoprire quanto più possibile della storia, calcistica e non, della città del mare: di quella che oramai definisce la sua seconda casa. «Anche se sono arrivato dopo, qui tutti mi hanno accolto come se fossi stato con loro sin dall’inizio: è un grande gruppo». La voglia di raggiungere obiettivi importanti con il Licata, l’aspirazione di arrivare a una categoria superiore e sul braccio un tatuaggio che riprende un’opera dello streetartist Bansky, secondo il quale “Nel futuro ognuno di noi sarà anonimo per 15 minuti”: tutti, ma non Salvatore Maltese da Marsala con i suoi quattro gol da difensore in una sola partita.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]