Lettera aperta ai rappresentanti degli studenti

Gentile Rappresentante degli Studenti,

 

come forse saprà il DDL Moratti, la legge per la riforma del sistema universitario, ha già avuto approvazione dal primo ramo del Parlamento.

Tale Disegno di Legge Delega ha ricevuto le critiche più aspre da parte dell’intero mondo universitario.

Si sono espressi per il ritiro del DDL: La Conferenza Nazionale dei Rettori (CRUI), il Consiglio Universitario Nazionale (CUN), le Conferenze dei Presidi, i Coordinamenti della docenza (ricercatori in testa), tutte le sigle sindacali, centinaia di Facoltà, Corsi di Laurea, Dipartimenti, diecine di Assemblee Studentesche.

Nonostante ciò, il Governo, attraverso il Ministro Moratti, ha continuato a perseverare nell’intento di portare la legge all’approvazione definitiva entro  settembre (entro luglio il Senato la dovrebbe votare; a settembre l’ultima lettura è prevista alla Camera).

 

Il Coordinamento dei Ricercatori, dei Docenti, dei Precari e degli Studenti dell’Ateneo di Catania è mobilitato su questo tema da oltre un anno.

 

Abbiamo promosso una raccolta di firme (oltre mille firme in poche settimane tra 400 docenti e 600 studenti).

 

Abbiamo incontrato il Rettore, sottoponendogli il disagio estremo dell’Ateneo: il disagio dei tanti studenti (e delle loro famiglie) confusi e umiliati dalla Nuova Riforma (il 3+2) e dalla sua applicazione; la disillusione dei troppi giovani ricercatori precari per i quali la “riforma Moratti” prevede circa 12 anni di precariato malpagato (800 euro al mese, se va bene, e senza trattamento pensionistico); la protesta dei ricercatori e dei docenti umiliati da un progetto di legge che nulla dà e tutto chiede (le retribuzioni più basse d’Europa, tra i professori universitari, sono in Italia: un ricercatore italiano ha un emolumento base di 1.080 euro contro circa il doppio di Francia, Inghilterra, Germania… Lo Stato italiano impiega per ricerca, diritto allo studio e Università lo 0,95% del PIL, contro il 2,40 % di Francia e Germania, il 3% di Stati Uniti e Giappone… )

 

Abbiamo promosso confronti sul merito della riforma all’interno delle Facoltà, con assemblee d’Ateneo e dibattiti tra esponenti politici di maggioranza e opposizione, nell’intento di condurre a ragione il Governo, spostandolo dalle sue posizioni pregiudiziali (posizioni denunciate da stessi esponenti della maggioranza: si pensi che il Ministro Moratti non ha avuto il coraggio e la competenza per andare mai ad un confronto con i “suoi” docenti!). Le nostre proposte per un’Università del futuro, forte ed autorevole, proposte varie e articolate, non hanno trovato, purtroppo, alcuna risposta.

 

Crediamo che oggi sia il momento, per tutti, della responsabilità

 

Se la Riforma passerà, essa avrà effetti deleteri sull’intero sistema universitario, effetti difficilmente reversibili nel breve e medio periodo.

 

In particolare:

–         Essa creerà il marasma nella vita delle Università, pregiudicando l’esistenza di molti Corsi di Laurea.

–         L’università italiana diverrà incapace di competere con i sistemi più avanzati. I suoi laureati saranno il fanalino di coda del sistema del lavoro globale.

–         La nostra economia sarà danneggiata e perderà competitività (come denunciato dalla Confindustria e dai Sindacati, entrambi assolutamente critici sulla Legge, alle audizioni alla Camera).

 

Ogni posizione è democraticamente legittima, purché motivata.

Nell’Ateneo di Catania, nonostante l’impegno al dibattito ed al confronto di molti rappresentanti, in diverse Facoltà, non pare essere maturata una riflessione tra gli studenti (diversamente dalla maggior parte degli altri Atenei, dove gli studenti hanno sviluppato una loro riflessione ed un autonomo dibattito).

 

Le chiediamo di valutare i documenti allegati, ovvero: il comunicato della CRUI del 23 giugno; il documento del Senato Accademico di Catania, del 27 giugno; il documento di analisi, critica ed allarme redatto dal Coordinamento, dove – articolo per articolo – si mostrano gli effetti devastanti della proposta governativa.

Le chiediamo di volere stimolare la Sua Facoltà, a qualsiasi livello (Consigli di Facoltà, Corsi di Laurea, Dipartimenti) a mandare un messaggio chiaro di analisi e di critica di tale provvedimento.

 

Purtroppo, a maggior ragione giunti a questo punto dell’iter parlamentare, il DDL Moratti non è più emendabile. La richiesta collettiva di ritiro ci pare l’unica soluzione accettabile.

 

Siamo certi che vorrà valutare il nostro appello e raccogliere l’invito ad un confronto, sostenendo anche l’intento manifestato dal Rettore del nostro Ateneo per un momento di riflessione pubblica dell’Università di Catania sullo stato nazionale della ricerca, da tenersi prima dei prossimi passaggi parlamentari della legge.

 

E’ in gioco il futuro degli studenti e del paese tutto.

Esprimere la propria opinione e concorrere al dibattito pubblico è un diritto, ma oggi è anche un dovere.

                     

                       Coordinamento dell’Ateneo di Catania

 

Per contattarci: atscu@tin.it

                        mazzonem@unict.it

                        riccardo@dmi.unict.it

 

 

 Documento del Coordinamento dei docenti, ricercatori, precari e studenti, Università di Catania.

 

 

              


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]