Le strisce pedonali invisibili e il nodo manutenzione «Competenza passerà ad Amts entro fine maggio»

«Attraversare la strada in questa zona è sempre più pericoloso». Siamo tornati in via Milo, non distante dalla caserma Sommaruga, nel punto in cui è stato travolto e ucciso il professore in pensione di Unict Ruggero Vigo. Il fatto è avvenuto l’8 aprile scorso e il pedone è deceduto a distanza di alcuni giorni, dopo essere stato ricoverato in ospedale. Sulla vicenda è stata aperta un’inchiesta per cercare di rintracciare il pirata della strada che, dopo avere investito il docente, non si è fermato a prestare soccorso. Vigo, come raccontato dai testimoni ai vigili urbani, stava attraversando quando è scattato il verde per i pedoni ma su delle strisce bianche che non esistono più. Un serio problema di sicurezza che non riguarda soltanto il punto che fa angolo con via Eleonora d’Angiò. 

Gli attraversamenti fantasma con le strisce sbiadite si trovano anche via Alexander Fleming. La strada, che collega viale Andrea Doria e la cittadella universitaria, è molto frequentata da pedoni e studenti grazie alla presenza sia della stazione della metropolitana Milo che della fermata del Brt. «Il problema è noto a tutti tranne a chi dovrebbe occuparsi della manutenzione», racconta al nostro giornale un commerciante della zona. «A rendere gli attraversamenti poco visibili – continua – contribuisce anche la presenza della siepe centrale». In tutta la zona la manutenzione della segnaletica orizzontale non viene fatta da mesi oltre al fatto che la vernice utilizzata in passato tende a scolorirsi in breve tempo, complice forse l’utilizzo di materiali scadenti

Secondo i dati dell’osservatorio Asaps nel 2021 ci sono stati 271 morti tra i pedoni. Numeri calcolati per difetto perché i dati sono provvisori e non comprendono i decessi avvenuti in ospedali a distanza di tempo, come nel caso del professore di Unict. Il 30 per cento delle vittime di incidenti che coinvolgono i pedoni accade, inoltre, proprio sulle strisce pedonali. Motivo per cui l’illuminazione e la segnalazione degli attraversamenti pedonali giocano un ruolo fondamentale. Il compito della manutenzione nel capoluogo etneo negli anni è passato di competenza a tre enti differenti. Prima toccava alla Multiservizi, poi a Sostarela partecipata che si occupava degli stalli blu a pagamento, e tra poco passerà in via definitiva ad Amtsla nuova società nata dalla fusione della stessa Sostare con l’Azienda municipale trasporti. 

«In questi giorni stiamo definendo la competenza sulla manutenzione della segnaletica orizzontale – spiega a MeridioNews Giacomo Bellavia, presidente di Amts – Ci sarà una procedura di mobilità da Multiservizi ad Amts che si completerà entro maggio. Completeremo la riorganizzazione con l’acquisto dei materiali che servono per espletare il servizio. Il nostro è comunque un ruolo operativo che si sviluppa su indicazioni dell’ufficio traffico urbano. Tuttavia sulla situazione di via Milo ci attiveremo quanto prima». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]