Le storie dei desaparecidos arrivano alla Camera «Bisogna ricordare tutte le vittime delle dittature»

«Domani sarà la nostra giornata della memoria. Sono migliaia e migliaia le vittime dell’olocausto. Migliaia e migliaia quelle delle foibe. Ci sono poi i desaparecidos, di cui quasi nessuno conosce la storia». A spiegarlo è Giuseppe Ministeri, presidente dell’associazione teatrale Daf-Teatro dell’esatta fantasia che, per raccontare questa parte di storia dell’Argentina, ha deciso di realizzare lo spettacolo L’ultima madre, tratto dall’omonimo romanzo di Giovanni Greco, vincitore del premio Calvino nel 2011. L’opera, realizzata in sinergia con il Teatro Vittorio Emanuele di Messina in collaborazione con l’Accademia Silvio D’Amico di Roma, sarà presentata oggi alla camera dei deputati nel giorno della memoria. «Si ricorda la fine del genocidio ebraico con la liberazione delle vittime del campo di concentramento di Auschwitz – prosegue Ministeri – ma per noi è l’occasione per ricordare tutti coloro che sono scomparsi in tempi e luoghi diversi per motivi di discriminazione razziale, politica, religiosa, perché oppositori di dittatori sanguinari, di carnefici di ogni sorta».

Nel cast ci sono anche due siciliane, Ilenia D’Avenia, messinese e Vittoria Faro, agrigentina. «Immedesimarmi nei personaggi del libro di Greco è stato straziante ma allo stesso meraviglioso – spiega D’Avenia -. Siamo all’oscuro di tante cose, e quanto è accaduto in Argentina tra il ’76 e l’83 è una di queste. Solo grazie ai superstiti oggi è possibile ricostruire quello che è successo in quegli anni». Un po’ come è successo anche per l’olocausto. Il racconto di quanti sono sopravvissuti ai campi di sterminio ha permesso di far conoscere gli orrori che hanno subito e le atrocità a cui sono stati sottoposti i prigionieri. 

I numeri tatuati sulle loro braccia e le loro testimonianza hanno inchiodato il regime nazista che negava l’esistenza stessa dei campi di concentramento. «Il parallelismo con la Shoa nasce perché giornate come quella di domani sono fatte per ricordare le vittime – continua l’attrice – ma soprattutto per ricordare a tutti i motivi disumani che ci sono dietro queste tristissime pagine della nostra storia. Nello spettacolo interpreto più personaggi – racconta D’Avenia – uno in particolare è un giudice, Antonia. Lei è una dei desaparecidos che viene rapita quando era ancora ragazzina e rinchiusa in una cella insieme ad un’altra donna che è incinta. Sarà Antonia ad aiutare la compagna di carcere a partorire i suoi gemelli. Poco dopo il parto i bambini vengono sottratti alla madre che viene uccisa. Una volta adulta Antonia – conclude – riuscirà a raccontare quanto vissuto alla nonna dei gemelli».

«Conoscevo le madri di plaza de Mayo – dichiara Faro -. Mi sono appassionata con rabbia e ammirazione alle loro rivendicazioni, come persona, come figlia e come donna. L’occasione di interpretare Maria, la madre coraggio che si contrappone a Mercedes, la donna alla quale la dittatura ha regalato i bambini strappati a suo figlio desaparecido, mi entusiasma e spaventa». Fare teatro significa in un certo modo rivivere le storie di altri: «Interpretare un personaggio significa pensare, immaginare e vivere come lui avrebbe fatto il personaggio» conclude l’attrice agrigentina.

Insieme a Giuseppe Ministeri sarà a Montecitorio anche il direttore artistico del teatro Vittorio Emanuele, l’attore Ninni Bruschetta. «Porteremo lo spettacolo in Argentina grazie ai fondi previsti nella finanziaria 2016 per le attività culturali all’estero – conclude Ministeri – a Buenos Aires c’è la più grande comunità siciliana al mondo».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Nella giornata della memoria, l'associazione Daf-Teatro dell'esatta fantasia presenterà a Montecitorio lo spettacolo L'ultima madre. Realizzato in sinergia con il Vittorio Emanuele di Messina e basato sull'omonimo romanzo di Giovanni Greco, parla di una delle pagine più oscure dell'Argentina. Due siciliane nel cast

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]