Le ragioni dell’astensione

In questi conclusivi caldi giorni pre-referendum si è parlato tanto, forse eccessivamente, delle posizioni prese (si, no, astensione) dai vari schieramenti politici, dalla Chiesa, dagli studiosi, intellettuali, scienziati, artisti e dalla gente comune. Si sono mobilitati tutti per far prevalere, nel bene o nel male, le proprie ragioni.

Per chiarire le ragioni di coloro che sono a favore dell’astensione al voto, abbiamo ascoltato le motivazioni, dal punto di vista giuridico, del Preside della Facoltà di Giurisprudenza, nonché illustre esperto di Diritto Costituzionale, prof. Luigi Arcidiacono, che respinge con fermezza le accuse di incostituzionalità mosse contro la scelta del non-voto. Posizione, quella degli astensionisti, più volte adita in referendum passati, senza per questo scatenare, come in questo caso, un simile polverone. «Nell’articolo 48 della costituzione italiana -spiega il professore- si afferma  che il voto è libero, e quindi non c’è nessun obbligo, semmai un dovere civico, che è cosa diversa, dovere valevole particolarmente per l’elezione dei rappresentanti dei cittadini, e non per l’istituto referendario, dove la possibilità del non voto è espressamente prevista dall’art. 75 della costituzione».
Su un altro punto controverso, l’esimio professore Arcidiacono non ha dubbi: «l’embrione non è sicuramente persona, bensì un soggetto giuridico, e in quanto tale, la legge protegge i suoi diritti alla salute e alla vita. La legge 40, all’art. 1 comma 1 riconosce al nascituro tale posizione giuridica di tutela».
Circa le accuse, sollevate nei riguardi della legge in questione, di ledere il principio di autodeterminazione della donna, anche qui il prof. Arcidiacono interviene con risolutezza, affermando che la legge 40 protegge e tutela la coppia, nel prevedere interventi graduali di intervento e, solo laddove i metodi naturali di concepimento abbiano fallito nel loro scopo, permette di ricorrere alla fecondazione in vitro grazie ad una accurata e costante informazione step by step, rispettando così il principio di uguaglianza giuridica e morale di ciascun soggetto interessato, e non solo quello della donna.

Abbiamo anche intervistato Giusi Bruno, ginecologa, sessuologa e mamma affidataria, per farci dare delle delucidazioni, in parte anche dal punto di vista medico-scientifico, su questa tanto discussa “legge 40”.

Perchè tanta gente sente la necessità di ricorrere alla fecondazione in vitro (FIVET) e quali sono le cause dei problemi di sterilità e infertilità?
Il 20% delle coppie solitamente ricorre alla fecondazione in vitro perché ha problemi di sterilità per una serie di motivi: per l’aumento dell’età di concepimento, per l’abbassamento dell’età di inizio dell’attività sessuale, per cause psicologiche, per lo stress, per cause ambientali come l’inquinamento e inoltre per l’aborto e la spirale che causano buona parte delle sterilità femminili.

Quali sono i rischi per chi ricorre a questi metodi “artificiali”?
I danni per la salute della donna e del concepito purtroppo non sono quasi mai messi in luce. Oltre ai gravi rischi di tumori e di morte per la donna, legati all’iperstimolazione ovarica, la fecondazione artificiale produce bambini in più alta percentuale prematuri e sottopeso, con rischio di handicap, paresi cerebrali, malformazioni congenite, ritardo mentale, disturbi del comportamento, retinoblastoma e sterilità.
In 25 anni di ricerca sulle cellule staminali embrionali si sono ottenuti solo tumori, mentre già 56 patologie sono state curate con le staminali adulte. Tra queste staminali adulte alcune, quelle del grasso, del mesenchima e della polpa dentaria, per motivi a noi ancora ignoti, non danno fenomeni di rigetto, al contrario delle cellule embrionali.
Per quanto riguarda la fecondazione eterologa, che utilizza cioè seme di persone esterne alla coppia, i problemi sono diversi, anche e soprattutto di tipo psicologico. Con questo tipo di fecondazione potrebbe avvenire una miscellanea genitoriale: padre genetico, madre genetica, padre legale, madre legale, madre gestazionale. In pratica un solo bambino potrà avere contemporaneamente 5 genitori! Emblematico è il caso della Svezia, dove la legge sulla fecondazione eterologa è stata cambiata di recente obbligando i donatori di seme ad uscire dall’anonimato e a rivelare la propria identità, perché moltissimi tra i ragazzi, nati tramite questo tipo di fecondazione, in età adolescenziale scappavano da casa alla ricerca dei propri genitori genetici o, peggio ancora, si suicidavano. Ultimamente, in Spagna, è stata legalizzata la produzione in laboratorio di “bambini adibiti a deposito di organi per trapianti” (cioè sono letteralmente bambini-farmaco) e si potrebbe continuare con un lungo elenco di abusi che vanno dalla clonazione alle chimere e che oggi stanno diventando realtà.

Perché avviene da parte dei comitati referendari questa lotta serrata contro chi tutela la legge 40?
La fecondazione assistita costituisce oggi il grande business della ricerca scientifica. Pensate che negli USA si assiste a un commercio di embrioni del valore di 300.000 dollari annui. Tantissimi embrioni vengono crioconservati per poi venderli a chi li ha ordinati o per fornire, lo dico chiaramente anche se tutto ciò è disumano e brutale, pezzi di ricambio (cellule, organi, ecc..) o ancora per scopi di ricerca (staminali e sperimentazioni) o infine distrutti. In Brasile esistono persino i cataloghi dei donatori di seme.
Le ricerche sulla procreazione medicalmente assistita sono veicolate da elevati interessi economici che impediscono la divulgazione degli alti rischi a cui vanno incontro sia le madri che i figli nati in provetta.
Il grande affare dell’embrione oggi ha richiesto la revisione etica di alcuni concetti, per cui si giustificano manipolazione genetica, sperimentazione e spreco degli embrioni. Il potere economico si avvale delle donne e della sofferenza delle coppie sterili per affermare sempre più se stesso.

Quali sono le motivazioni per non andare a votare per questo referendum?
Vorrei precisare che in campo scientifico si sta effettuando oggi, linguisticamente parlando, una manipolazione semantica di ogni termine utilizzato anche per i quesiti referendari. Vengono usati eufemismi, termini equivoci e vaghi per quello che concerne l’eugenetica. Ad esempio parlare di “fecondazione medicalmente assistita” è errato, in quanto induce a credere che ci si riferisca ad una assistenza medica, a un atto terapeutico. Di fatto la sterilità non viene curata, ma solamente aggirata, e la coppia alla fine rimane sterile. E’ sicuramente più corretto parlare di “fecondazione in vitro” perché altro non è che la produzione di embrioni, esseri umani, in vetrino. Lo stesso vale per la cosiddetta “pillola del giorno dopo”, che è ovviamente una pillola abortiva, e per l’aborto oggi definito come “interruzione volontaria della gravidanza”. Votare SI per questo referendum sarebbe tornare indietro verso il “far west” prelegislativo e in un’epoca in cui siamo tutti contrari all’OGM e alla sperimentazione dei cosmetici sugli animali, il fatto di sentir parlare pure di manipolazione genetica sugli embrioni fa a dir poco rabbrividire.
E’ stato detto che questa legge è contro la vita, impedisce alle donne di diventare madri e alla ricerca di andare avanti. Io credo che per decidere se andare a votare occorre rispondere a queste semplici domande: dici anche tu che quel mucchietto di cellule non è un uomo? In base a quale evidenza scientifica possiamo affermarlo? E chi decide quando lo diventeranno, chi sta al governo o alla commissione bioetica di turno? Oppure la multinazionale che ha depositato i brevetti sulle staminali embrionali? Con lo stesso metodo, cioè l’arbitrio di chi sta al potere, in passato abbiamo commesso gli stessi errori: abbiamo fatto sperimentazione e saponette con gli ebrei, schiavi da lavoro con i negri e molti altri crimini contro l’uomo. La questione di oggi con questo referendum non è tanto diversa.

Clicca qui per leggere “Le ragioni del SI”


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

In questi conclusivi caldi giorni pre-referendum si è parlato tanto, forse eccessivamente, delle posizioni prese (si, no, astensione) dai vari schieramenti politici, dalla Chiesa, dagli studiosi, intellettuali, scienziati, artisti e dalla gente comune. Si sono mobilitati tutti per far prevalere, nel bene o nel male, le proprie ragioni. Per chiarire le ragioni di coloro che […]

In questi conclusivi caldi giorni pre-referendum si è parlato tanto, forse eccessivamente, delle posizioni prese (si, no, astensione) dai vari schieramenti politici, dalla Chiesa, dagli studiosi, intellettuali, scienziati, artisti e dalla gente comune. Si sono mobilitati tutti per far prevalere, nel bene o nel male, le proprie ragioni. Per chiarire le ragioni di coloro che […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]