Le Creative Commons salveranno il Web 2.0?

Fine dicembre. Viene modificata la vecchia legge sul diritto d’autore con l’aggiunta di un comma specifico relativo alla divulgazione di contenuti tramite internet. Come sa bene chiunque abbia avuto un testo scolastico o un manuale universitario tra le mani il primo comma dell’art. 70 della legge sul diritto d’autore permette la riproduzione di una parte non superiore al 10% di un’opera. Tale comma, se ben si applica al mondo della carta stampata, è poco utile nei confronti della rete. E proprio pensando a questo si è pensato di svecchiare l’articolo aggiungendo il nuovo comma di cui sopra, che prevde la pubblicazione dell’intera opera, purché si tratti di musiche o immagini “a bassa risoluzione o degradate” e lo scopo sia “per uso didattico o scientifico”, in ogni caso senza fini di lucro.

Inutile dire che la blogosfera è insorta in maniera decisa contro questo provvedimento, giudicato inaccettabile dal popolo di internet. Che senso avrebbe infatti diffondere la cultura in maniera degradata? Voi accettereste mai di guardare una foto sgranata o una musica con un fastidioso rumore di feedback in sottofondo? Insomma, il vecchio caro principio di art for art’s sake in questo caso sembra proprio non rendere. Ecco dunque che Pietro Folena, Presidente della Commissione Cultura alla Camera, si è apprestato a calmare le acque. In un’intervista a Repubblica spiega che per ‘degradata’ si intende: “una qualità non paragonabile a quella di un cd, ma comunque ascoltabile. O un’immagine con dimensioni non utili alla riproduzione a stampa”. Ma I dubbi rimangono. Possibile non ci sia un modo di poter utilizzare i contenuti offerti dal web senza incorrere in sanzioni e mancare di rispetto al lavoro di nessuno? Beh, sì: il modo c’è ed esiste da circa cinque anni.

“È semplice quando salti gli intermediari”. È questo lo slogan delle licenze Creative Commons (CC), la forma di tutela del diritto d’autore che, dalla propria nascita, cinque anni fa, ha cambiato il modo in cui il diritto d’autore tutela e vigila la proprietà intellettuale di un elaborato. Basti pensare che artisti come i Pearl Jam o Gilberto Gil hanno deciso di affidarsi alle CC. E anche Wikipedia pare stia facendo un serio pensierino a passare alle CC.

 

Le CC si integrano perfettamente nella filosofia dell’open source, introducendo una valida integrazione a diritti che regolano le pretese che l’autore di un’opera può accampare su di essa. Ma, si badi bene, non sostituiscono in alcun modo l’attribuzione del diritto patrimoniale. Le normative degli ordinamenti giuridici vigenti specificano che un’opera, di qualunque tipo, è automaticamente coperta da diritto d’autore secondo la formula “Tutti i diritti riservati”. Ciò comporta il divieto ai terzi di diffonderla, modificarla o pubblicarla in alcun modo e in qualunque formato senza esplicito permesso dell’autore e, se richiesto, dietro pagamento di un compenso.

 

Le CC introducono una formula leggermente diversa: “Alcuni diritti riservati”. Cosa significa? L’autore acconsente che la propria opera (un post su un blog, una canzone, un video, una foto, ecc.) possa essere liberamente divulgata (e in alcuni casi modificata) senza bisogno per chi la condivide di ottenere alcun tipo di autorizzazione da parte sua. Vale la pena di notare che la forma delle licenze CC, pur potendo essere usata a tale scopo, mal si adatta alla tutela dei software, che infatti vengono rilasciati sotto licenza GNU, una licenza specifica per il mondo a numeri binari che simula in ambito specifico ciò che le CC attuano in maniera più generica sulle produzioni intellettuali.

 

Esistono sei tipi di licenze CC che differiscono nelle modalità di divulgazione e nella possibilità di uso a fini commerciali. Comunque, tutte prevedono che si riconosca la paternità dell’opera divulgata e, in caso di modifiche, che venga chiaramente specificato che queste sono successive e non collegate o volute dall’autore originario in alcun modo:

  • Attribuzione: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo e modificarla.
  • Attribuzione – Non opere derivate: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo ma non modificarla.
  • Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo ma non modificarla né usarla a fini commerciali.
  • Attribuzione – Non commerciale: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo e modificarla ma non usarla a fini commerciali.
  • Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo e modificarla ma non usarla a fini commerciali. L’opera creata andrà distribuita sotto una licenza CC identica o equivalente a quella dell’opera di partenza.
  • Attribuzione-Condividi allo stesso modo: è possibile condividere l’opera con qualunque mezzo e modificarla. L’opera creata andrà distribuita sotto una licenza CC identica o equivalente a quella dell’opera di partenza.

Per rendere noto che il proprio elaborato è rilasciato sotto licenza CC basterà apporre su questa il logo dell’organizzazione. Ciò permetterà a chi ne fa uso di sapere immediatamente a quale licenza specifica riferirsi e dunque sapere subito che uso poter fare di quell’opera (gli utenti di OpenOffice hanno a disposizione anche un plugin dedicato scaricabile qui). Ma una cosa è certa, a nessuno andrà chiesto il permesso per la divulgazione: “È semplice quando salti gli intermediari!”.

 

Per approfondire l’argomento sulle CC e sul diritto patrimoniale consigliamo la visione di questo video, che spiega nella maniera più chiara possibile le dinamiche legate alla produzione di contenuti e la loro tutela.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]