Laura Sicignano saluta lo Stabile con le Baccanti «L’opera di Euripide parla di temi ancora attuali»

La stanza di un museo con parerti piene di muffe e infiltrazioni, che, con un sapiente gioco di luci, si trasforma con facilità e diventa all’occorrenza la città di Tebe o il monte Citerone, è lo spazio dentro cui si muovono le Baccanti del Teatro Stabile di Catania. Un luogo geometrico dove i personaggi della tragedia di Euripide entrano ed escono senza pensare alla dimensione fisica e grazie alla loro energia riescono a fare parlare al presente un testo vecchio di millenni. «La trama – ha dichiarato la regista Laura Sicignano intervenuta sulle frequenze di Radio Fantastica del gruppo Rmb – è complessa e articolata su diversi temi: si parla dell’imprevisto che sorprende l’umanità che, in questo caso, è lanciato dagli dei, ma se lo vogliamo trasferire ai nostri tempi potrebbe essere il virus contro stiamo combattendo. Centrale è anche la guerra tra i sessi, un argomento che attraversa molto la tragedia greca».

Protagonista assoluto della scena firmata da Guido Fiorato è l’androgino ed eversivo Dionisio (Manuela Ventura) che appare subito dopo l’apertura del sipario e che, già nel prologo, esprime tutta la sua potenza. Al suo servizio ci sono le Baccanti (Egle Doria, Lydia Giordano, Silvia Napoletano): «Un esercito di femmine folli dotate di una grande potenza che, si badi bene – ha continuato Sicignano – è ben diversa dal potere. La loro potenza è fatta di autorevolezza e di empatia con le creature viventi. Loro riescono a compiere imprese sovrumane e sorprendenti». Le Baccanti pensate da Sicignano sono sempre presenti sulla scena ed esprimono la loro essenza ballando sulle musiche originali eseguite dal vivo da Edmondo Romano e muovendosi agli ordini di Dionisio che, divertendosi, le guida e le manovra come se fossero dei burattini.

Lo stesso Dionisio, vestito di nero come le sue adepte, si diverte anche a provocare il re di Tebe, Penteo (Aldo Ottobrino): un moderno uomo in giacca e cravatta, presuntuoso e arrogante che, alla fine, cede. Riesce sì a superare la sua paura del diverso, ma pagherà con la vita questa sua voglia di scoperta per mano della madre Agave (Alessandra Fazzino). In scena ci sono poi Antonio Alveario, nei panni di Tiresia, Franco Mirabella, Cadmo, e Silvio Laviano, il messaggero. Laura Sicignano ha deciso di salutare con quest’opera il pubblico catanese. Lo spettacolo, in programma fino al 23 gennaio, infatti, è il suo ultimo da direttrice ed è dedicato, ancora una volta, al tema femminile come Donne in Guerra, lavoro firmato dalla regista meneghina che ha inaugurato la stagione in corso. E non sembra un caso che la prima donna alla direzione dell’ente catanese abbia scelto di concludere la sua esperienza proprio con questa tragedia che vede come protagonista l’assoluta forza delle donne. «Le Baccanti sono potenti come dee. Le loro chiome non bruciano. Le nostre armi non le feriscono. Maschi contro femmine. E vincono loro». Il messaggio è chiaro e, se lo dice Euripide, non possiamo che crederci.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]