L’attimo prima in scena alla Sala Futura Frammenti di incontri che disorientano

«La notte Santa, nel mio paese, si va in chiesa. Una volta entrati c’è una tela enorme che dall’alto verso il basso copre tutto l’altare. Un’enorme tela del pittore Zenone Lavagna (che sinceramente non so chi sia) blu notte, nella quale è raffigurata la crocifissione di Gesù, e c’è Maria e Maddalena che piangono ai suoi piedi. Il prete dice la messa e la tela rimane per tutto il tempo lì, sospesa e tirata. A un certo punto si sente il prete cantare: “Gloria a Dio, nell’alto dei cieli!” L’organo comincia a suonare, na na na na naaaaa, e la tela, patapum, cade a terra. Dall’altra parte c’è la statua di Gesù risorto, ma la cosa che più mi fa venire i brividi e che ancora non riesco a spiegare è l’attimo prima che la tela cada. L’attimo prima, capite?»

Inizia così L’attimo prima, spettacolo di e con Salvo Drago in scena alla Sala Futura di Catania, con Giuseppe Aceto come assistente alla regia. Sul palco di via Macallè l’autore mette in fila diversi episodi della propria esistenza e, in un continuo flusso di coscienza, li racconta al pubblico. La già citata caduta della tela, l’incontro con lo scemo del paese, l’acquisto di frutta e verdura dal venditore ambulante, l’avvento della calvizie (fatto spesso traumatico per gli uomini, ma non per il nostro autore), la notte alla casa al mare, il primo amore, le confidenze con la mamma e con la nonna. Eventi in cui Salvo Drago interpreta se stesso ma anche gli altri personaggi incontrati lungo un viaggio in cui italiano e siciliano, prosa e poesia, tempi lenti e veloci si mescolano insieme su un palcoscenico nudo e scarno che dà al pubblico l’impressione di stare assistendo a una prova.

Numerosi gli interrogativi che nascono durante lo spettacolo e resistono anche dopo la chiusura, anzi la caduta – come l’ormai conosciuta tela – del sipario. Domande che però hanno più a che fare con lo smarrimento: a causa di un poco chiaro fil rouge che lega i vari episodi raccontati e da diversi attimi prima dei momenti narrati poco riconoscibili e percepibili. Ed è un vero peccato. Perché rischia di disperdere tra il pubblico il grande coinvolgimento emotivo e fisico dell’attore che non si risparmia e, soprattutto, non si ferma per tutta la durata dello spettacolo.

Che questa sensazione di non venirne davvero a capo sia voluta? Lasciare tutto sospeso a metà, disorientare lo spettatore per permettergli di perdersi e trovare da solo il proprio attimo prima? Speriamo di sì. Perché perdersi può essere affascinante, ma ritrovarsi e vivere nel presente lasciando l’attimo prima lì, dove è giusto che sia, lo è ancora di più.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]