L’alpinista di origini siciliane che è morto sull’Himalaya Cugina: «Amava confrontarsi col cielo e la montagna»

La partenza i primi di aprile, il consueto messaggio della sera per dire che andava tutto bene, e poi, all’improvviso, il silenzio. Simone La Terra, l’alpinista di origine siciliana morto sull’Himalaya, domenica non ha scritto alla sua famiglia per dare notizie di sé, ed è così che
inizia una lunga attesa fino alla notizia dell’incidente.

Tra poco avrebbe compiuto 37 anni Simone, ma il monte
Dhaulagiri
, in Nepal, la settima vetta più alta al mondo, non gli ha dato scampo. Una
violenta raffica di vento ha sradicato la sua tenda, a quota 6.100 metri, facendolo
precipitare per 800 metri.
Il padre Lorenzo, docente e dirigente scolastico in pensione, è originario di Vittoria, città
dalla quale è emigrato al nord molti anni fa dopo aver vinto un concorso, la mamma invece è di
Siracusa.

Da piccolo Simone, infatti, trascorreva tutte le sue vacanze estive nel Ragusano, a Punta
Braccetto. I genitori amano il mare e almeno per un mese all’anno si trasferiscono nei luoghi di origine, per godersi lunghe gite in barca e pescare. Simone aveva ereditato la
passione per la natura. Poi, intorno ai 20 anni, è nata anche quella particolare per la montagna, specie dopo l’incontro con il celebre rocciatore Fausto De Stefani. Da quel momento la vita di Simone è stata scandita da spedizioni e scalate. Ha raggiunto vette altissime senza
bombole e, per la voglia di condividerle, le ha anche raccontate nel suo libro Attimi al fil di cielo. Era sempre consapevole
delle insidie e dei pericoli della montagna, ma la passione era più forte.

«L’ultima volta che è venuto in Sicilia per le vacanze estive è stato quattro anni fa, poco
dopo essersi sposato», racconta a MeridioNews la cugina Silvana Silvia Crimi, insegnante di Vittoria che
proprio in queste ore ha raggiunto Mantova per unirsi al resto della famiglia. «Ho tantissimi
ricordi di lui da ragazzino – prosegue – come quando uscivamo con i gommoni, e ho
l’immagine di lui a bordo del natante accanto a sua madre e suo padre. Era sempre il più
abbronzato
e, ogni anno che tornava, era un po’ più alto. Ho ancora nitida in mente l’eco delle sue risate e i
giochi che amava fare con il padre». L’alpinista che per ben cinque volte ha raggiunto gli ottomila metri sull’Himalaya «crescendo è diventato un uomo generoso, semplice e
disponibile con tutti e caparbio. La montagna che gli è stata fatale – racconta la cugina – aveva già cercato di
scalarla nel 2013. In quell’occasione, si era dovuto fermare a quota 7200 metri a causa
delle avverse condizioni meteo, e il pensiero di riprovarci lo accompagnava
costantemente». 

Il Dhaulagiri, dunque, lo aveva già lasciato andare una volta. La
cugina Silvana ha appreso della sua morte dalla zia, che vive a Castiglione delle Stiviere.
«Lei e mia mamma si sentono ogni giorno – continua – e la sera in cui non è arrivato il suo
consueto messaggio nessuno di noi ha chiuso occhio
. Simone parlava di montagna con
chiunque, avrebbe potuto farlo per ore senza fermarsi, e quando lo faceva gli si
illuminavano gli occhi. Era un vulcano. Inizialmente la famiglia era spaventata e ha cercato
di farlo desistere dal praticare questo sport estremo – conclude Silvana – ma niente da fare: era
più forte di lui, due volte l’anno doveva partire perché, come diceva lui, doveva
confrontarsi con il cielo e la montagna“».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]