La tipica giornata del ricercatore universitario. Chi è, cosa fa, come la pensa

Torniamo a occuparci della riforma Moratti. Per capire perchè è tanto odiata bisogna addentrarsi meglio nelle realtà che questa va a trasformare o, forse, a snaturare. Uno dei provvedimenti che depauperano la formazione universitaria è quello che prevede la messa in esaurimento della figura del ricercatore universitario. Al suo posto è prevista quella nuova di “professore aggiunto”, che ancora non si sa bene quale forma aliena di studioso sia!

Non si comprende bene perchè chiamarlo “professore”, quando è previsto che svolga sostanzialmente delle attività di tutorato e di sostegno. Ma bisogna davvero cambiare la figura del ricercatore? E’ davvero così di secondo piano il suo ruolo? Ma cosa fa davvero questo “losco” individuo? La nostra redazione, mai doma nella ricerca della verità, è andata ad intervistare i dottori di ricerca Massimo Schilirò (letteratura italiana), Salvo Cannizzaro (geografia) e Marco Mazzone (filosofia del linguaggio).

Alla richiesta: « Professore (anche se per legge non possono fregiarsi di questo nome, per noi lo sono), ci racconti la giornata tipica del ricercatore » il dott. Schilirò, dalla tipica flemma, incalza dicendomi: « Innanzitutto “professore” è un titolo che non mi tocca. Da ricercatore sono solamente “dottore”. Con la riforma Moratti ci è concesso di chiamarci “professori” se superiamo un piccolo esame, diventando “professori aggiunti”. Ma questo esame è ininfluente dal punto di vista stipendiale e delle funzioni, cambia, fondamentalmente, solo il titolo” Dopo, visibilmente tornato alla normalità, continua: « In primo luogo dico che la mia posizione è diversa da quella del “ricercatore tipo”, perché sono un ricercatore s.p.s. (senza presa di servizio n.d.r.). Il blocco delle assunzioni che il governo ha predisposto fino al 2005 ci impedisce di prendere servizio, di ottenere una retribuzione e, quindi, di svolgere interamente il lavoro che saremmo chiamati a fare. La mia condizione non mi permette di dedicare tutto il tempo alla didattica e alla ricerca e devo cercare di trovare delle occasioni di retribuzione. Il mio lavoro in facoltà (da dieci anni, prima in condizione di precariato e successivamente di ricercatore), quando ho la possibilità di gestire la giornata come più desidero, è costituito principalmente dalla occupazione didattica: l’incontro con gli studenti, le lezioni, i seminari e dal fondamentale incontro con gli studenti, la tesi. Questa con gli studenti del vecchio ordinamento mi impegnava per un anno, adesso è cosa perduta. Era l’unico momento in cui il rapporto tra lo studente ed il docente era di stretta cooperazione.

Avvalora quanto detto dal dott. Schilirò, la risposta del dott. Cannizzaro, assegnista alla cattedra di geografia, che ci racconta:« La giornata è sempre piena e, chiaramente, il tempo non è limitato all’attività di ricerca, che richiede letture, analisi dell’informazione, dei dati e stesura delle ricerche eseguite, ma viene impiegato, in larga misura, anche nel rapporto con gli studenti. Teniamo molto a mantenere vivo il contatto con loro, che si rivolgono a noi sia per la semplice informazione sul programma didattico, sulla data degli esami, sia per la richiesta della tesi, che seguiamo personalmente».

Dello stesso avviso, anche se più stressato, è il dott. Mazzone che afferma:« La giornata “tipica” è difficile raccontarla perché le giornate non si somigliano mai tra loro. Comune a tutte è lo stress e la quantità di cose da fare, che supera sempre il tempo a disposizione. Questo perché il carico di lavoro didattico dei ricercatori è ormai assolutamente soverchiante. Di fatto oggi i ricercatori sono docenti a pieno titolo in quasi tutte le facoltà italiane».

Continua…


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]