La palla a spicchi su quattro ruote

Il basket in carrozzina nasce nella patria della NBA alla fine del secondo conflitto mondiale. Si sviluppa prima negli ospedali militari e si diffonde in un secondo momento nei centri di riabilitazione del Nord America. Diventa in pochissimo tempo anche lo sport più praticato tra i disabili italiani, insieme con l’atletica leggera. Sono tantissimi i portatori di handicap che a seguito di un evento invalidante, causato da traumi, da virus o da malattie congenite, praticano la pallacanestro a quattro ruote. Elemento fondamentale di questo basket adattato è la carrozzina. La carrozzina deve avere minimo quattro ruote. Deve essere leggera, scorrevole, sensibile ai cambi di direzione, stabile, sicura e scattante.

Il regolamento tecnico è simile a quello del basket per normodotati, adattato in funzione del fatto che gli atleti utilizzano la carrozzina. Le regole sono infatti conformi alle norme ufficiali FIBA. Ogni atleta può modificare entro le norme vigenti il proprio assetto in carrozzina.
Tutti gli atleti, prima di iniziare ufficialmente l’attività, sono sottoposti ad una valutazione sul campo da parte di una commissione esperta del settore composta da un tecnico e da un medico. Ogni atleta viene classificato da 0.5 a 4.5 punti in base alle sue capacità funzionali residue. Nella classificazione è importante la rapidità con cui l’atleta riesce a muovere, girare e arrestare la carrozzina. Per la valutazione è importante la completezza dell’esecuzione dei diversi movimenti del tronco. È inoltre fondamentale la presenza di eventuali deficit muscolari e/o amputazioni degli arti che possono compromettere la propulsione o la sensibilità della carrozzina. Più grave è l’handicap fisico del disabile più basso sarà il punteggio attribuito all’atleta. La classificazione è fondamentale per permettere a disabili con vari handicap di giocare. Infatti la somma dei punteggi individuali del quintetto in campo non deve superare il totale di 14,5 punti. Tale classificazione è stata adottata dalla Federazione Internazionale del Basket in carrozzina IWBF. L’IWBF è l’istituzione mondiale sotto la quale agiscono e operano tutte le federazioni internazionali. Anche la FISD Federazione Italiana Sport Disabili opera sotto la IWBF.

Il basket in carrozzina è una disciplina affascinante, avvincente e coinvolgente. Il giocatore di basket di basket adattato ha sul parquet la forza di un cavallo rampante. Lo spettatore viene immediatamente colpito della carica agonistica che  viene sprigionata in una partita di basket a quattro ruote. È triste pensare che uno sport così accattivante sia quasi del tutto assente al Sud. Uno sport che può aiutare chi ha subito un trauma nella riabilitazione sia dal punto di vista fisico che dal punto di vista psicologico meriterebbe più attenzione e spazio nella nostra isola. Invece per trovare qualche traccia di basket in carrozzina ad alti livelli bisogna arrivare fino alle coste della Puglia.

ANTONIETTA LICCIARDELLO


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]