La «pacifica rivoluzione» della candidata sindaca Rita Barbera «Una crescita inclusiva e condivisa per una città policentrica»

Il mio voto libero, sei Tu. Con questo slogan la candidata sindaca Rita Barbera ha aperto oggi, nel parco di Villa Tasca a Palermo, il suo primo incontro pubblico con la cittadinanza. Davanti alle palermitane e ai palermitani intervenuti, Barbera ha illustrato i perché della sua candidatura e le linee guida delle sue proposte. L’ex direttrice del carcere Ucciardone ha voluto inoltre ribadire non solo di essere candidata per le elezioni amministrative ma di essere anche svincolata da qualsiasi schieramento politico e che la sua candidatura rappresenta una «pacifica Rivoluzione» mirata a mettere al centro i cittadini, sempre più insoddisfatti dall’attuale modello di gestione della città.

Non si è trattato di un tradizionale comizio elettorale ma di un incontro in cui l’interazione con i partecipanti ha permesso a Barbera di parlare della sua visione di Palermo, dei punti programmatici del suo programma elettorale, dei problemi esistenti e della loro soluzione, per realizzare una nuova città policentrica in cui le esigenze e i bisogni della cittadinanza siano soddisfatti sul territorio. «Puntare su una crescita, inclusiva e condivisa – ha dichiarato l’aspirante prima cittadina – significa mettere a sistema tutte le risorse economiche per una gestione efficiente dei servizi per i cittadini, i senzacasa, gli anziani, i diversamente abili, i giovani, i bambini e le donne».


Dalla stessa categoria

Lascia un commento