La gestione dei pazienti psichiatrici nei Pronto soccorso: controsensi e soluzioni dopo la violenta aggressione al Cannizzaro

Una scena surreale, ma solo per chi non vive quotidianamente in una trincea chiamata Pronto soccorso. È quella vissuta domenica scorsa da una dottoressa in servizio al Cannizzaro di Catania. Ospedale in cui ha dovuto subire la violenta aggressione di un paziente psichiatrico che era stato accompagnato al presidio dalle forze dell’ordine durante la notte, salvo poi scappare ed essere riportato in sala d’attesa. La professionista – che aveva terminato il turno di notte e stava dando le consegne a una collega – è stata sollevata dai capelli e scaraventata a terra, perdendo conoscenza. Subito dopo, il paziente l’avrebbe colpita alle testa con calci e pugni. Inutili i tentativi di soccorso da parte di un medico e di un paziente. A questo punto a risultare decisivo è stato l’intervento di un infermiere, Antonio De Maria, e degli stessi poliziotti che avevano accompagnato l’uomo, anche loro costretti a rivolgersi alle cure dei medici in quanto già aggrediti in precedenza.

La vicenda ha riportato al centro delle cronache la questione sicurezza nei Pronto soccorso, ma il caso specifico imporrebbe più di una riflessione sulla gestione dei pazienti psichiatrici e in particolare di coloro che in ospedale vengono accompagnati dalle forze dell’ordine. Quest’ultime esauriscono infatti i propri compiti subito dopo l’accesso del paziente al triage, ossia il sistema di smistamento – attraverso dei codici colorati – che permette al personale medico di stabilire le priorità assistenziali. «In questo modo i medici si ritrovano a visitare dei pazienti che, improvvisamente, possono diventare incontrollabili. Oltre al fatto che, nel caso specifico, l’aggressore non aveva una codice prioritario (giallo o rosso, ndr), che gli avrebbe permesso un rapido accesso in ambulatorio», spiega a MeridioNews Antonino Palermo, segretario regionale del sindacato Anaao Assomed.

«Attualmente le forze dell’ordine esauriscono i propri compiti quando accompagnano le persone al Pronto soccorso – spiega – Ecco perché sarebbe necessario un vertice tra tutte le aziende sanitarie siciliane, la politica e le prefetture. Una soluzione, come in questo caso, sarebbe quelle di potere assegnare un codice che dia priorità assoluta al paziente psichiatrico, così che il medico, per esempio, possa sedarlo immediatamente, se necessario. Senza dei protocolli specifici, invece, i medici continueranno a rischiare la vita mentre svolgono il proprio lavoro». Altra questione è quella su come gestire la richiesta d’aiuto nel momento in cui si viene aggrediti. «In quasi tutti i presidi c’è il passaparola, ossia si chiede aiuto fino a quando interviene la vigilanza – spiega Palermo – Soltanto alcuni presidi sono dotati di pulsantiera per attivare subito la richiesta d’aiuto».

«Le forze dell’ordine piantonano i pazienti solo se si tratta, per esempio, di detenuti. In tutti gli altri casi non è previsto il controllo. Ecco perché per pazienti psichiatrici che – come in questo caso – hanno già dato segni di pericolosità, sarebbe necessario limitare al minimo la loro permanenza in Pronto soccorso. In questo tempo, inoltre, bisogna attivare una sorveglianza. Ma tutto questo deve avvenire rispettando dei protocolli ufficiali che andrebbero sottoscritti per tutti gli ospedali, perché questo non è solo un problema che riguarda il Cannizzaro», spiega a MeridioNews Mario Conti, coordinatore infermieristico nel nosocomio etneo. Ma da sottolineare c’è anche il fatto che nei Pronto soccorso non è prevista la presenza fissa di uno psichiatra che, invece, si attiva per effettuare la propria consulenza solo dopo la chiamata del medico che ha preso in carico il paziente. Il tutto con tempi più o meno celeri, ma a condizione che non sia stata già effettuata una sedazione che abbia potuto alterare lo stato di coscienza.

Oggi intanto la Cgil allestirà un presidio all’ospedale Cannizzaro. «Servono presìdi fissi delle forze dell’ordine con protocolli chiari di intervento – spiega il sindacato – gli operatori devono anche trovarsi in condizione di essere maggiormente protetti, potendo magari usufruire di apparecchi elettronici per chiamate di aiuto e di un sistema di video sorveglianza per ambienti più sicuri. Ma anche l’assistenza legale contro la violenza al lavoro è sempre più necessaria. Chi ci cura va difeso». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una scena surreale, ma solo per chi non vive quotidianamente in una trincea chiamata Pronto soccorso. È quella vissuta domenica scorsa da una dottoressa in servizio al Cannizzaro di Catania. Ospedale in cui ha dovuto subire la violenta aggressione di un paziente psichiatrico che era stato accompagnato al presidio dalle forze dell’ordine durante la notte, […]

Una scena surreale, ma solo per chi non vive quotidianamente in una trincea chiamata Pronto soccorso. È quella vissuta domenica scorsa da una dottoressa in servizio al Cannizzaro di Catania. Ospedale in cui ha dovuto subire la violenta aggressione di un paziente psichiatrico che era stato accompagnato al presidio dalle forze dell’ordine durante la notte, […]

Una scena surreale, ma solo per chi non vive quotidianamente in una trincea chiamata Pronto soccorso. È quella vissuta domenica scorsa da una dottoressa in servizio al Cannizzaro di Catania. Ospedale in cui ha dovuto subire la violenta aggressione di un paziente psichiatrico che era stato accompagnato al presidio dalle forze dell’ordine durante la notte, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]