La Catania del Rock: Theramin

La Indigena Records è, un’etichetta indipendente, un piccolo negozio di musica, ma anche un luogo dove i musicisti possono incontrarsi per scambiare quattro chiacchiere, confrontare le proprie esperienze musicali, condividere la comune passione per la musica.  
Locandine e foto di concerti, musica come sottofondo, rendono accogliente l’ambiente dove abbiamo incontrato Sacha Tilotta, batterista dei Theramin, trio catanese nato nel 1998, di cui fanno anche parte Stefano Garaffa Botta (cantante e chitarrista) e Michael Hermann (bassista). Nel 2004 hanno pubblicato il loro primo album: “We were gladiators” per l’etichetta Psychotica / Goodfellas rec.
Il pomeriggio trascorre velocemente, parlando della scena musicale catanese e delle sue potenzialità, il paragone con Seattle, ma soprattutto dei Theramin, delle loro esperienze e dei loro sogni.

Sacha, esistono, secondo te, i presupposti per paragonare Catania a Seattle?
Quando si parla di Seattle, si parla di un’identità musicale ben precisa, di una scena musicale matura, dove vi sono spazi di aggregazione per musicisti, dove si è riuscito a creare un sistema di collaborazione attorno al quale ruotano e collaborano tutti i soggetti culturali del territorio: musicisti, radio, stampa, università, privati, istituzioni
Qualcuno ha provato a creare qualcosa di simile a Catania. Però si è rimasti sempre ad un certo livello. Non si è arrivati mai fino in fondo, per esempio a decidere di aggregarsi per fare qualcosa tutti insieme.

Chi sono i Theramin?
I Theramin sono tre amici che nel 1998 hanno deciso di intraprendere questo percorso solo per il sano piacere di suonare insieme. Tutti e tre venivamo da esperienze musicali in gruppi famosi nel panorama underground catanese e le motivazioni che ci hanno spinto a suonare insieme sono state solamente per il piacere di stare insieme.

Qual è stato il percorso che avete seguito insieme dal 1998 al 2004, anno di pubblicazione dell’album?
Abbiamo suonato tantissimo. Credo che l’unico modo per fare passi avanti sia riuscire a suonare dal vivo. Suonare dal vivo ci ha permesso di crescere e di migliorare a livello musicale e di cercare di creare, quanto più possibile, una nostra identità e di esprimere in fondo noi stessi. Abbiamo fatto tanti concerti a Catania e fuori Catania. Siamo stati in tour con gruppi storici del panorama indipendente internazionale: Don Caballero e June of 44, ma anche con gruppi italiani.
Molti ci chiedono come mai ci siano serviti sette anni prima di fare un disco. In realtà il disco per noi non è un punto di arrivo è solo un punto di partenza.

Oppure il punto di arrivo del vostro percorso di sette anni?
Certamente. L’album non è altro che l’esperienza acquisita fino ad oggi. Da qui abbiamo messo un punto per ripartire. Attenzione però, perché moltissime persone pensano che sia il gruppo a supportare l’album, invece è il disco a supportare il gruppo. Il gruppo va vissuto e sentito dal vivo per capirne la natura. Perché senza particolari difficoltà, con piccoli trucchi, un disco carino lo possiamo fare tutti. Ma suonare dal vivo, suonare un bel concerto, trasmettere qualcosa alla gente è tutta un’altra cosa.

Cosa volete trasmettere alla gente che vi ascolta?
Semplicemente il nostro modo di essere,  cercando  di dare quanta più gioia possibile alla gente che ci viene a sentire. Non siamo un gruppo politico che porta avanti un’idea, portiamo avanti noi stessi.

Cosa ha caratterizzato l’incisione dell’album?
Abbiamo penato tanto per registrare questo disco. L’abbiamo registrato a casa mia, abbiamo chiamato il violinista dei Mashrooms e il chitarrista degli Uzeda. Perché riteniamo che, anche il disco deve essere un momento di collaborazione con i nostri amici e di condivisione delle varie esperienze musicali.

Avete partecipato al progetto “Catania Whisting Dixie band”. Di cosa si tratta?
E’ stato un bellissimo workshop a cui abbiamo preso parte noi Theramin e altri sette musicisti catanesi provenienti dalle più svariate esperienze musicali, dal conservatorio all’underground catanese. Un laboratorio patrocinato da Officine, la cooperativa che gestisce il centro culturale Zo e organizzato da David Grubbs, musicista a livello internazionale. E’ durato una settimana in cui Grubbs ci ha istruiti sull’improvvisazione. Dopo questa settimana di prove siamo andati in studio di registrazione in cui per dieci giorni non abbiamo realizzato altro che un lavoro di improvvisazione. Secondo me, pur avendolo registrato in pochissimi giorni, è risultato un bellissimo album. I proprietari della registrazione non siamo noi, ma è Officine e purtroppo, per motivi ignoti, ancora l’album dopo due anni non è uscito.

Il locale della loro ultima esibizione catanese è stracolmo, la musica, amara e segreta, è accompagnata dalla proiezione di scene urbane confuse da allucinogene brillantezze. La città bisbiglia, si lascia tentare e trasforma la speranza in desiderio, poi in sogno ed infine in sotterranea amarezza. 


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]