“La bisbetica domata”, con un difetto un po’ difettoso

Il titolo dell’opera nelle intenzioni del suo originale autore è “The Taming of the Shrew”. Ciò denota che al centro della storia non vi è, come sarebbe ovvio pensare, la ribelle Caterina, la bisbetica in questione, bensì la conquista da parte di colui che solo riuscirà a dominarla, ovvero Petrucchio. In realtà non sarà operazione facile, ma alla fine potrà esultare per il risultato ottenuto: una moglie fedele ed obbediente, che mai tradirà la sua fiducia. Su un palco disadorno, nello sfondo di un cielo nuvoloso e cupo, i due protagonisti danno vita al tema dell’eterno conflitto fra il mondo maschile e quello femminile, i due archetipi fondamentali della vita.

Come omaggio alla grande tradizione elisabettiana, il sodalizio Tarasco-Solenghi ha voluto ricalcare le orme di quelle lontane consuetudini, così come accadeva nell’Inghilterra del XVI e del XVII secolo, presentando un cast di soli uomini. Il pubblico non assisterà a dei travestimenti o a delle forme di comportamento effeminate da parte degli attori, che saranno molto naturali e non troppo sdolcinati, per non travisare il senso profondo della storia. Lo stesso Tullio spiega così questa scelta di affrontare il testo antifemminista per eccellenza con una Compagnia di tutti uomini: “Come prima cosa abbiamo sgomberato il campo da qualsiasi equivoco di “versione en travestì”, oggi di gran moda, per rimanere fedeli alla tessitura Shakespeariana, senza alterare il giusto equilibrio tra i ruoli. La traduzione di Masolino D’Amico è stato il degno suggello alla nostra operazione”.

I due co-autori hanno anche operato un’altra variazione alla trama rispetto all’originale. Se infatti nella commedia shakespeariana l’ubriacone Sly, raccattato al suo risveglio da un Lord riccamente vestito che gli fa credere di essere stato addormentato per anni, assiste ad una rappresentazione di attori girovaghi, dal titolo “La bisbetica domata” per l’appunto, nella rivisitazione firmata Tarasco-Solenghi il nobile Petrucchio è l’alter ego del mendicante Sly, in una sorta di sogno ad occhi aperti, quasi un gioco di specchi, in cui il burlato si farà strada da solo, diverrà autonomo fino a diventare egli stesso il burlatore. Questa progressiva metamorfosi è brillantemente espressa da un professionista, quale Tullio Solenghi, convincente in entrambi i ruoli: divertente e buffo prima, dispotico e arrogante dopo. Colonna sonora a testimonianza del nuovo Sly sono “Voglio vivere così” di Ferruccio Tagliavini e le note di “This is a male world”.

Il resto degli attori riesce a trasmettere la sintonia che si è raggiunta. In abiti giullareschi, coloratissimi, ognuno col proprio verso distintivo a caratterizzare un tipo farsesco, e le loro voci modulate, a tratti storpiate, tutti insieme riescono a fornire una chiara idea di una “Compagnia di Pazzi”! E l’opera, restando fedele alle intenzioni grottesche del padre William, risulta una gran “Carnevalata”, come afferma lo stesso Petrucchio in scena. Degna di nota una Caterina (Francesco Bonomo) che sa tenere testa al suo compagno-rivale, in un gioco delle parti in cui i due protagonisti si battono dinanzi al loro pubblico, come su un ring.

Una nota tecnica: l’audio non eccellente. Commenti in sala? Shakespeare si rivolterebbe nella tomba! Insomma, andate senza alcuna aspettativa e godetevi lo spettacolo!


Dalla stessa categoria

I più letti

Il noleggio a lungo termine conviene. Lo sanno le aziende e i liberi professionisti e, ormai, si tratta di una scelta sempre più condivisa anche dai privati. A volte, però, a frenarci può essere il dubbio di non trovare l’auto giusta per noi. Quella con le caratteristiche necessarie a renderci la vita più facile e […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]