Karate e femminilità: una disciplina di pensiero

In genere si è portati a giungere alla conclusione che il karate come le
arti marziali in generale siano riservate ad un pubblico prettamente
maschile. Si pensa che le arti marziali siano poco adatte a quella natura delicata che accompagna l’essere donna: il sesso debole. Ancora oggi, il numero di donne che si lascia trasportare dal karate non raggiunge quello delle donne che preferisce restare fuori dal cimentarsi in questa tecnica di combattimento solo perché influenzate dai pregiudizi sbagliati.

Cosa dire allora a chi pensa che il karate non sia roba da femminucce? La risposta è semplice: si sbagliano! Una volta tanto perché non uscire dai soliti contorni che la vita ci presenta? Perché non provare a spiegare cosa sia il karate realmente e magari abbattere le barriere dei falsi pregiudizi che considerano una prerogativa tipicamente femminile quella di essere deboli ed indifese.

Il karate, nonostante abbia origine cinese, si è sviluppato nel corso degli anni nell’isola di Okinawa, in Giappone, grazie alle dimostrazioni divulgate da Gichin Funakoshi. Il termine karate si rifà a due ideogrammi, o kanji: “Kara” che si può tradurre in vuoto e “Te” che significa mano, da qui “combattimento a mani vuote”. Ad un primo impatto si pensa che il karate sia metafora di violenza esprimibile attraverso i colpi, spesso accompagnati dal caratteristico urlo, scagliati da chi pratica questa disciplina. Ma non bisogna soffermarci solo sulla prima impressione. Il karate centra l’obiettivo di sfruttare l’aggressività umana per liberare il vero io. Si può definire il karate come una filosofia di vita che accompagna chi lo pratica ad intraprendere quel viaggio verso la scoperta di se stesso. E’ una disciplina che centra in se il legame tra la psicologia e la fisicità del corpo e dell’anima. Non si può parlare di uno se non subentra anche l’altra, il miscuglio è inevitabile, la psiche e la fisicità, sono strettamente legati tra loro. Il karate permette di allenare mente e fisico contemporaneamente.

Mettere piede su un Dojo (“luogo dove si cerca la via”) significa liberarsi di quelli che sono gli aspetti che la vita quotidiana ci presenta davanti,
quindi scrollarsi di dosso credenze, giudizi, angosce, per confrontarsi col primo e vero avversario che ci accompagna lungo il corso della vita: noi stessi. Prendendo coscienza di questo, il karate conferisce la possibilità di attribuire una maggiore fiducia a chi pratica questa disciplina per renderlo partecipe nella pratica dell’annullamento delle diversità. Non ha nessun’importanza quale sia il tuo sesso o la tua età: tutto ciò si neutralizza, ci sei solo tu, il corpo e l’anima.

Si è portati a pensare che il karate, per la sua durezza nei movimenti, sia uno sport tipicamente maschile grazie alla propensione fisica dell’uomo, ma ciò è sbagliato. Le donne, in se, nascondono due degli aspetti che sono caratteristici del karate: velocità e scioltezza. Solitamente si pensa che una donna che pratica il karate sia una donna di  poca femminilità: niente di più errato. Per una donna imparare le arti marziali significa non solo concedersi all’autodifesa ma accrescere una maggiore fiducia in se stesse, maggiore eleganza nei movimenti, un corpo sciolto, sano e bello. In fondo, non è quello che tutte le donne desiderano? La bellezza del corpo accompagnata alla magnificenza dell’anima! Bella fuori e dentro!

Donne, basta con i soliti pregiudizi, l’epoca vittoriana è terminata da
qualche tempo, tirate fuori gli artigli e dimostrate al mondo che non siete inferiori a niente e a nessuno, avvicinatevi al mondo delle arti marziali senza alcun inibizione ed il gioco è fatto!

Mannile Lucia Manuela

DOJO KUN
Hitotsu, Jinkaku kanse ni tsutomuru koto
Hitotsu, Doryoku no seishin o yashinau koto
Il karate è mezzo per migliorare il carattere.
Il karate rafforza la costanza dello spirito.


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]