I bambini sentinelle dell’ambiente nel Calatino. «Stimolo per le buone pratiche degli adulti»

Oltre 750 studenti di scuola primaria, 41 classi e sette istituti scolastici del territorio del Calatino. Sono questi i numeri del progetto di Kalat Ambiente Srr dal titolo La narrazione e il teatro per l’ambiente. Ed è proprio attraverso le parole e le arti che con i bambini sono stati affrontati i temi della sostenibilità ambientale, della riduzione dei rifiuti, del raccolta differenziata, del riciclo e del riuso dei materiali ma anche del decoro delle città e del contrasto al fenomeno dell’abbandono dei rifiuti. Un progetto di sensibilizzazione quello di Kalat Ambiente Srr che ha avuto come obiettivo principale quello di «stimolare, attraverso un apprendimento performativo, cambiamenti negli atteggiamenti e nei comportamenti sia a livello individuale che collettivo. Ciascun bambino – spiegano dall’ente – ha potuto sperimentare strategie per un vivere sostenibile e comprendere di essere un cittadino del mondo». E anche una sentinella dell’ambiente pronta a farsi portavoce anche con gli adulti, a partire dai familiari.

Durante il percorso formativo, gli studenti hanno realizzato degli elaborati ispirati alla traccia Lo sguardo sull’ambiente di oggi e la visione del futuro. Parole e disegni con cui i bambini hanno raccontato l’ambiente che li circonda e di cui fanno parte, hanno espresso le loro preoccupazioni e i loro timori sulla situazione attuale ma hanno anche immaginato il mondo che vorrebbero in un futuro magari non troppo lontano. Tutti gli elaborati prodotti, adesso, sono stati raccolti in un’antologia digitale che è consultabile sul sito dell’ente. La premiazione di tutte le scuole che hanno partecipato è avvenuta nel corso delle tre giornate organizzate a chiusura del progetto. In questa occasione, a ognuno degli istituti scolastici che hanno aderito al progetto di Kalat Ambiente Srr è stato consegnato un set di contenitori per la raccolta differenziata della carta e della plastica con i lochi della campagna di comunicazione Fai super la raccolta differenziata. Mercoledì 10 maggio all’evento che è stato organizzato al teatro Artanis di Caltagirone hanno partecipato i bambini della scuola primaria degli istituti Narbone e Arcoleo di Caltagirone, De Amicis di Mirabella Imbaccari, San Michele di Ganzaria e San Cono, Verga di Vizzini e Da Vinci di Castel di Iudica. Nella mattinata del giorno dopo, l’appuntamento è stato all’istituto scolastico Ponte di Palagonia per i bambini della scuola primaria. Venerdì 12 maggio, infine, all’istituto scolastico Carrera di Militello in Val di Catania si è tenuto l’evento conclusivo del progetto per gli studenti della scuola primaria del Comune. In tutte e tre le occasioni è stato rappresentato lo spettacolo Green il Salvaterra da parte della compagnia teatrale La Casa di Creta e sono stati presentati tutti i lavori realizzati dai bambini. 

«Su questi temi ambientali si gioca la partita del futuro del mondo – commenta il sindaco di Caltagirone Fabio Roccuzzo – Per questo è di fondamentale importanza coinvolgere in modo attivo gli studenti già a partire dalle scuole elementari». Del resto, saranno loro gli adulti di domani. «Educare bene le nuove generazioni – aggiunge il primo cittadino – significa non dovere agire per modificare poi cattive abitudini già acquisite sulle questioni che riguardano l’ambiente, ma partire da nuovi equilibri in armonia con l’ecosistema». Temi complessi ma che, con la pratica al fianco della teoria, vengono introiettati dai bambini che non li tengono poi solo per sé. «Io sono convinto che gli ottimi risultati che abbiamo nell’aumento della raccolta differenziata – sottolinea il sindaco di Militello in Val di Catania Giovanni Burtone – siano anche merito del coinvolgimento attivo e attento dei giovanissimi che sono subito diventati stimolo anche per gli adulti». Portavoce dei temi e pungolo per le buone pratiche. «Questi progetti con le scuole sono determinanti per la rivoluzione di tutta la cittadinanza – aggiunge Salvo Astuti, primo cittadino di Palagonia – Molte volte mi sento dire da madri e padri: “Mio figlio o mia figlia a casa non fa altro che dirmi di differenziare bene”. E questo – conclude il sindaco – fa emergere con chiarezza che i bambini di oggi hanno molta più consapevolezza sui temi ambientali di quella che potevamo avere noi alla loro età».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Oltre 750 studenti di scuola primaria, 41 classi e sette istituti scolastici del territorio del Calatino. Sono questi i numeri del progetto di Kalat Ambiente Srr dal titolo La narrazione e il teatro per l’ambiente. Ed è proprio attraverso le parole e le arti che con i bambini sono stati affrontati i temi della sostenibilità […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]