Intervista al prof. Granozzi, tutor didattico dello stage

Basandosi sulla sua diretta partecipazione a Marzamemi l’anno precedente, che impressione ha avuto riguardo a questa manifestazione?
A mio parere, si tratta di un Festival piccolo ma importante. Trovo interessante che accanto ai grandi Festival del Cinema ci siano Festival come quello di Marzamemi, che nascono nelle  periferie e che le mettono in rapporto diretto tra loro, poiché oggi  nell’organizzazione culturale non tutto passa per il centro, ma spesso le cose più importanti avvengono nelle periferie.

Riguardo alla location del Festival, pensa che Marzamemi sia lo scenario adatto a coinvolgere il pubblico nel clima della manifestazione?
Marzamemi, la Tonnara e  il piccolo borgo marinaro offrono uno scenario unico che da solo connota il Festival. Esso è anche un atto di coraggio rispetto al grave degrado del territorio e alla poca cura che gli amministratori locali dimostrano per la costa. E’ anche, quindi, un segnale di dimostrazione che il rilancio di posti come Marzamemi può avvenire solo tramite manifestazioni qualificate e di respiro internazionale come quella del Festival del Cinema di Frontiera.

Per quanto concerne l’organizzazione e la preparazione del Festival, crede che vadano apportati cambiamenti e/o miglioramenti?
Il principale miglioramento dovrebbe essere la dotazione da parte del Festival di un minimo di risorse finanziarie stabili che consentano di programmarlo in anticipo. Venendo l’anno scorso, sono rimasto ammirato dalla grande carica di volontariato e la capacità di improvvisazione che sono le uniche doti che hanno permesso al Festival di realizzarsi.

L’attività formativa inerente a questo tipo di stage, pensa possa essere utile ad avvicinarci al mondo del lavoro?
Penso di sì. Oggi, l’organizzazione di eventi culturali che promuovano il territorio e il turismo culturale sono settori molto importanti per una regione come la Sicilia. I Festival del Cinema e della Letteratura e la capacità di valorizzare il territorio con questi percorsi culturali richiedono degli specialisti che abbiano contemporaneamente una prospettiva internazionale con la conoscenza delle lingue ed anche un’esperienza concreta nell’organizzazione di questi eventi.

Quali pensa possano essere le abilità pratiche che uno studente può acquisire con questo tipo di stage?
Attività di relazione, capacità di organizzazione e di guardare al  contenuto delle cose che si fanno. E’ importante avere specialisti capaci di lavorare alla progettazione di eventi culturali
.

Crede che il Festival sia in grado di attrarre gli studenti della Facoltà aldilà degli stagisti?
Spero di sì, anche perché tramite il Festival potrebbe intensificarsi la presenza della Facoltà sul territorio del siracusano, presenza più debole che nel ragusano. Credo anche che uno dei compiti degli stagisti di quest’anno debba essere la promozione anche rispetto al pubblico universitario.

Sebbene la manifestazione sia ancora giovane, Lei pensa che la qualità dei film proposti l’anno scorso sia stata all’altezza di altri eventi analoghi svolti da più anni?
Credo che il Festival abbia bisogno di specializzarsi il più possibile,   di trovare una propria fisionomia, valorizzando la cinematografia dei paesi mediterranei. Mi piacerebbe molto che questo Festival fosse il Festival di quella frontiera mobile che è il mare e che guardasse alla cinematografia meno conosciuta, ma non per questo meno importante. Pensiamo soprattutto al Marocco, che è diventato la Cinecittà  del Maghreb, dove si cominciano a produrre molti film che la grande distribuzione spesso ignora.

Come pensa che si svilupperà concretamente la sua presenza all’interno dell’attività di stage in qualità di tutor didattico?
Spero che quest’anno la Facoltà, proprio perché il programma del Festival dovrebbe comprendere alcune cinematografie come quella turca o quella libica, possa essere coinvolta molto più attivamente anche attraverso i docenti che insegnano lingua araba, e nello stesso tempo coinvolgere tutte le competenze linguistiche e letterarie.


Dalla stessa categoria

I più letti

Basandosi sulla sua diretta partecipazione a Marzamemi l’anno precedente, che impressione ha avuto riguardo a questa manifestazione?A mio parere, si tratta di un Festival piccolo ma importante. Trovo interessante che accanto ai grandi Festival del Cinema ci siano Festival come quello di Marzamemi, che nascono nelle  periferie e che le mettono in rapporto diretto tra […]

Basandosi sulla sua diretta partecipazione a Marzamemi l’anno precedente, che impressione ha avuto riguardo a questa manifestazione?A mio parere, si tratta di un Festival piccolo ma importante. Trovo interessante che accanto ai grandi Festival del Cinema ci siano Festival come quello di Marzamemi, che nascono nelle  periferie e che le mettono in rapporto diretto tra […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]