La dipendente Sis della discordia: tra laurea e nomine false, «verrà riassunta, l’ha deciso l’innominato»

«Io ho un datore di lavoro, la Regione siciliana, e soprattutto quando la richiesta mi viene presentata O fai, o fai, mi trovo obbligato a fare delle scelte». Avrebbe risposto così ai dipendenti della Società interporti Sicilia l’allora amministratore Rosario Torrisi Rigano, riguardo alla posizione di una collega, licenziata e riassunta in tempi e modi poco comprensibili. Parole riportate in un esposto alla procura di Catania e che ieri hanno trovano un primo punto fermo: quattro arresti e l’indagine sulla corruzione e le ingerenze politico-imprenditoriali all’interno della Sis, partecipata per quasi il 90 per cento dalla Regione. Ai domiciliari sono finiti proprio Torrisi Rigano, ma anche gli altri protagonisti di questa strana vicenda: la dipendente in questione, Cristina Sangiorgi, e l’ex deputato regionale del centrodestra Nino D’Asero che per lei, secondo l’accusa, avrebbe mediato. Nel filone parallelo, figura anche l’imprenditore dei trasporti Luigi Cozza: anche qui ci sarebbe di mezzo un posto di lavoro, ma è un’altra storia. Ci sono poi i nomi di peso di altri due politici, tra gli indagati: l’ex e attuale assessore regionale Marco Falcone – prima alle Infrastrutture e ora all’Economia – e l’ex vicepresidente del governo siciliano e allora titolare del Bilancio Gaetano Armao.

La denuncia che ha dato inizio alle indagini è stata presentata a settembre del 2019 da alcuni dipendenti e dai responsabili della Filt Cgil Catania. Che raccontano una storia interna alla Sis: quella della dipendente Cristina Sangiorgi, assunta a tempo indeterminato 12 anni prima, a settembre del 2007, con il ruolo di segretaria di direzione. A quel tempo il suo curriculum riportava come titolo di studio un diploma conseguito nel 1989 al liceo artistico con il massimo dei voti. Un dato da aggiornare qualche anno dopo, nel 2010, almeno a giudicare dalla festicciola organizzata all’interno della stessa Società interporti per condividere con i colleghi la laurea in Scienze politiche conseguita all’università Kore di Enna. Il coronamento di un percorso che porta alla legittima comparizione della dicitura dottoressa nei documenti redatti da Sangiorgi, così come l’affidamento di incarichi via via più prestigiosi: da quello di Responsabile affari istituzionali a quello – oggi poco fortunato, a essere scaramantici – di Responsabile prevenzione corruzione e trasparenza. A cui si affianca la trasmissione alla società della nomina di dirigente sindacale Filt Cgil Catania, con la relativa possibilità di fruire dei permessi sindacali retribuiti.

Una carriera in evoluzione che, a leggere la denuncia, sarebbe iniziata a scricchiolare quando sorge il dubbio sulla laurea di Sangiorgi. Siamo al 2016 e passerà qualche anno tra autocertificazioni e curricula non senza sorprese: come rilevato dai colleghi, nel percorso di studi di Sangiorgi il liceo artistico e la laurea vengono sostituiti da un diploma e un’abilitazione alla professione di commercialista, in parte ancora in corso. Dalla Kore, intanto, sarebbe arrivata la conferma definitiva: Sangiorgi non è mai stata una loro iscritta. Così come dalla stessa Cgil arriva un no secco su eventuali nomine. È a questo punto – siamo intanto all’inizio del 2019 – che si apre un procedimento disciplinare nei confronti della lavoratrice, culminato con il licenziamento per giusta causa ad aprile, anche a fronte del mancato ricevimento di qualche parola di chiarimento. Un atto che in ogni caso non mette fine alla storia, ma la fa anzi entrare nel vivo.

Quando un mese dopo avviene quello che i denuncianti definiscono un coup de theatre. Una curiosa scelta di termini, considerata la passione attoriale di Sangiorgi che, proprio nel periodo clou della vicenda – stando alle cronache – sarebbe stata impegnata sul palco de L’aria del continente di Nino Martoglio. A seguito di un articolo che imputerebbe l’assenza di chiarimenti da parte della ex dipendente a una raccomandata mai arrivata e a un pasticcio di indirizzi, la società fa il primo passo indietro e si dichiara ancora disponibile a ricevere la nota entro fine mese. Parole che arrivano per via traversa: con una email inviata dalla Ugl – organizzazione sindacale a cui intanto Sangiorgi si è avvicinata – alla Regione. Che a sua volta la gira a Sis. Note in cui la dipendente rimanda al mittente le accuse, ipotizzando anzi un clima di falsità nei suoi confronti, specie nel caso della finta laurea. E sembra colpire nel segno, considerata la revoca del licenziamento e il reintegro – con uguale stipendio e mansioni – avvenuto a luglio. Un passo indietro che lascia sbalorditi dipendenti e sindacalisti.

Stupore che aumenta ad ascoltare le spiegazioni informali di Torrisi Rigano a proposito di «una volontà che proveniva dall’alto». «La signora verrà riassunta, perché così ha deciso l’innominato», si legge nella denuncia. Parole che diventano ancora meno sibilline nel corso di un incontro con gli stessi dipendenti. «Sono giunto a questa scelta non per mia volontà, ma perché così ho dovuto fare – avrebbe detto Torrisi Rigano – Io ho un datore di lavoro, la Regione siciliana, e soprattutto quando la richiesta mi viene presentata O fai, o fai da parte del presidente della Regione (allora Nello Musumeci, che non risulta indagato) e da parte dell’assessore alle Infrastrutture (Marco Falcone, indagato, e attuale assessore regionale all’Economia), quando mi si dice “La tua testa vale tanto quanto quella della signora”, mi trovo obbligato a fare delle scelte». Dalla chiara connotazione politica, secondo lo stralcio riportato dai lavoratori alla procura: «Ha dietro le spalle uno stronzo che evidentemente la tutela e che ha un peso politico – avrebbe riassunto l’amministratore – perché la questione è esclusivamente politica».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Io ho un datore di lavoro, la Regione siciliana, e soprattutto quando la richiesta mi viene presentata O fai, o fai, mi trovo obbligato a fare delle scelte». Avrebbe risposto così ai dipendenti della Società interporti Sicilia l’allora amministratore Rosario Torrisi Rigano, riguardo alla posizione di una collega, licenziata e riassunta in tempi e modi poco […]

«Io ho un datore di lavoro, la Regione siciliana, e soprattutto quando la richiesta mi viene presentata O fai, o fai, mi trovo obbligato a fare delle scelte». Avrebbe risposto così ai dipendenti della Società interporti Sicilia l’allora amministratore Rosario Torrisi Rigano, riguardo alla posizione di una collega, licenziata e riassunta in tempi e modi poco […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

La notizia della morte di Ubaldo Ferrini ha aperto nella mia mente una caterva di finestrelle come pop-up. Finestrelle alle quali non saprei neanche dare un ordine preciso. Ricordi forse anche sbagliati (chiedo ai lettori di correggermi ove sbagliassi), ma di una cosa sono certo: questi pop-up sono uniti da un filo conduttore a cavallo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]