Dall’amore per la danza alla scienza: chi era Chiara, la 19enne travolta e uccisa ieri alla Circonvallazione di Catania

Era il suo primo anno da adulta. La prima volta fuori casa, dal piccolo paese alla città. La prima esperienza universitaria, da matricola a Scienze biologiche a UniCt. E ieri per Chiara Adorno, 19enne di Solarino, doveva essere una spensierata serata con il fidanzato, coetaneo dello stesso paese del Siracusano. Una serata finita invece in tragedia, con la vita della giovane spezzata da un incidente alla Circonvallazione di Catania mentre attraversava sulle strisce pedonali poco dopo il tondo Gioeni, in direzione Misterbianco. Prima l’impatto con uno scooter che ha diviso la coppia e sbalzato Chiara, poi presa in pieno da un’automobile che, secondo quanto raccontato dai testimoni a MeridioNews, procedeva a velocità sostenuta. Inutile il tentativo di soccorrere la ragazza, mentre il fidanzato, che ha riportato lievi ferite, è tornato a casa già ieri sera.

La notizia si è sparsa presto a Solarino dove l’intera comunità, oggi, è incredula. E si stringe intorno al dolore del padre di Chiara – ex dipendente del Libero consorzio comunale di Siracusa (l’ex provincia, ndr), oggi in forze agli uffici dell’area marina protetta del Plemmirio – e della madre, insegnante di scuola media. Originari del paese del Siracusano, i genitori della giovane avevano vissuto per diversi anni al nord, a Bolzano, dove il padre aveva vinto un concorso per lavorare alla provincia. Lì è nata Chiara – la minore di due sorelle – tornata alle origini già da una decina d’anni. Dopo gli studi al liceo scientifico a Siracusa, aveva scelto di iscriversi all’università, in Scienze biologiche, e di trasferirsi a Catania. Nella sua giovane vita, anche tante passioni: dalla danza agli animali.

Anche in Comune, dove lavora la madre del fidanzato della giovane, le facce sono tirate e molti occhi umidi. «È una tragedia che sconvolge tutti», ripete Giuseppe Germano, sindaco di Solarino. Appresa la notizia già ieri sera, il primo cittadino si è messo in contatto con i parenti più stretti della giovane, ma non ancora con i genitori, rispettando il loro momento di dolore. «Chiara era una bambina, conosco la sua famiglia, sono persone meravigliose – continua Germano – È impossibile da accettare: mandi tua figlia all’università e te la restituiscono in una bara. Non istituiremo per scelta il lutto cittadino, per evitare che la vicenda venga strumentalizzata». E una nota di cordoglio arriva anche dall’università di Catania che da poco aveva accolto Chiara tra le sue matricole: «Siamo ancora increduli e sconvolti per questa nuova giovane vita spezzata – scrive il rettore Francesco Priolo -, e ci stringiamo ai suoi familiari, manifestando loro le condoglianze dell’intero ateneo. Ci auguriamo che possa essere fatta presto piena luce sull’incidente che è costato la vita alla nostra studentessa e al tempo stesso speriamo che possano migliorare le condizioni dell’altro giovane rimasto coinvolto nell’incidente».

Il rettore ricorda poi un altro lutto vissuto dalla comunità accademica: la morte di Danilo Di Majo nel 2017, anche lui investito e ucciso mentre attraversava sulle strisce pedonali, poco distante dall’incidente di ieri, davanti la Cittadella universitaria. «Occorre una sinergia di tutte le istituzioni affinché non si ripetano queste tragedie – conclude Priolo – Insieme dobbiamo riuscire a mettere in campo tutte le soluzioni e gli accorgimenti utili a ridurre la pericolosità degli attraversamenti sul tratto viario della circonvallazione, dovuta soprattutto alla velocità con cui gli automobilisti quotidianamente lo percorrono, e soprattutto sensibilizzare i cittadini a rispettare il codice della strada».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]